Home Donna e Mamma

WonderLife: la festa di compleanno dei nani!

di Redazione PianetaMamma - 07.09.2010 Scrivici

Se prima l’evento dell’anno era il Natale, dopo aver avuto figli il 25 dicembre verrà immediatamente surclassato da un giorno particolare. IL giorno: quello del compleanno del vostro nano. Qualche consiglio per rendere la festa più divertente e non impazzire dietro a preparativi e festeggiati

Se prima l’evento dell’anno era il Natale, dopo aver avuto figli il 25 dicembre verrà immediatamente surclassato da un giorno particolare. IL giorno: quello del compleanno del vostro nano. Dal momento che pochi giorni fa abbiamo festeggiato il Porpleanno, ovvero il (secondo) compleanno di mia figlia - detta la Porpi - mi sembrava utile mettervi a parte di qualche consiglio organizzativo base per rendere la festa più divertente e non impazzire dietro a preparativi e festeggiati.

1. Fuori casa è meglio
L’anno scorso avevo una cornice bianca a forma di cuore. E’ morta dopo una manata di Sofia, tre anni.
Una statuina portafortuna giapponese a forma di gatto. Ci ha lasciato dopo un diverbio con Marco, 18 mesi.
Avevo anche un tavolino basso di marmo dal peso plumbeo, che pensavo avrebbe resistito anche al 2012. Ecco, all’ultima festa polpetta tre bambini di due anni lo facevano rotolare per casa.
E poi: c’era una volta il divano bianco.
Fino ai due anni una festa a casa è ok. Dopo – a meno che non disponiate di un terrazzo - diventa pericolosa. Il giardinetto della suocera, la clubhouse della palestra, la ludoteca vicino casa: non vi sembrano luoghi meravigliosi per una festicciola di piccoli, inconsapevoli Unni?

porpleanno2. Giochi liberi
Quando sono così piccoli, ogni entusiastico tentativo di qualsivoglia animatore sarà cassato con aria indifferente. Il pover’uomo, un trentenne soprappeso vestito da imbecille, tenterà di far ballare i vostri nani, di farli mettere in cerchio, di fargli raccogliere palline. Dal momento che con gli invitati più bassi i suoi tentativi cadranno nel vuoto, proverà coi grandi “beh allora visto che c’è la musica.. se il limbo non lo fanno i pupi lo faranno le mamme?” annuncerà con un inequivocabile movimento di bacino. Eh? Chicomecosa?
Lasciamo perdere, ve lo dico io cosa serve agli 1-2enni: giochi. Un sacco di giochi. Spesso sono i più semplici a fare la differenza. Potete ad esempio predisporre un angolo bolle di sapone, uno con fogli bianchi e pennarelli colorati e un altro con palle e palloncini. Per un tocco di meraviglia, fate come me: cercate su internet i tutorial per fare cagnolini e spade coi palloncini. Sembra arte circense e invece è semplicissimo, e voi farete un figurone. Sarete ricordate per sempre come “una mamma bravissima” anche se non sapete nemmeno cucinare la pasta al pomodoro

3. Un tema? Perché no!
Questo è un escamotage che vi aiuterà con le decorazioni. Avete presente quando lanciate trenta palloncini e appendete due festoni e l’effetto è tristemente anni ottanta? Una soluzione che io amo molto, semplice ma d’effetto, è scegliere un tema e seguirlo. Possono essere semplicemente colori (bianco-rosa, ad esempio) oppure idee prese dalle favole. Principesse e pirati. O fate e folletti. Animali. Piccoli accessori per maschietti e femminucce (coroncine di carta e bende sugli occhi, ad esempio) e decorazioni stampate e ritagliate dal cartoncino da appendere in giro e disseminare sui tavolini. Basta cercare le parole chiave su Google e vi si aprirà un mondo

4. Occhio agli invitati
Se sono confermati una trentina di ospiti… beh, contatene almeno 7-8 in meno. Il motivo? A volte veri e propri imprevisti, spesso una malcelata maleducazione che vi farà venir voglia di saltare al collo delle suddette mamme. Avete presente quelle che “mmm… credo di sì” e poi non si presentano? Argh, quelle solo proprio i tipi che mi strappano insulti dalla lingua. Cosa fare? Semplice: stabilire una data tassativa per la conferma degli invitati (ad esempio due giorni prima della festa). Chi è fuori, è fuori. E poi usare l’occasione a vostro favore per fare un bel repulisti del’agenda

porpleanno25. Divertitevi anche voi…
Sporcatevi di marmellata, sparate bolle di sapone, disegnate casette e saltate al ritmo delle “tagliatelle di nonna Pina” (senza dimenticare di mischiare alle canzoni per bambini qualche hit del momento). E… ma sì dai, oltre a succhi di frutta e Coca Cola prendete anche qualche birretta per le persone più alte del metro e dieci

6 …e prevedete un afterparty
Non avrete tutti amici con figli. E non riuscirete a finire tutti gli spuntini che avrete preparato. E il vostro nano a un certo punto crollerà esausto. Perché non approfittare per restare coi vostri amici, con le due birrette di cui sopra e fantastici panini ripieni come aperitivo? Io l’ho fatto per il primo Porpleanno ed è stato il miglior modo per rilassarmi e riprendermi dopo una lunghissima giornata di pizzette, palloncini, giochi e strilla. E voi, che ne dite?

(Foto by Chiara Cecilia Santamaria)

1. puntata: Pronti, partenza oddio!

2. puntata: Parole, parole, parole.. le prime!

3. puntata: I posti dove non portare mai un bambino

4. puntata: Cara amica single, ti presento la vita da mamma

5. puntata: Parliamo di papà

6. puntata: Mamme da spiaggia

banner300x100_aLeggi qui l'intervista a Chiara di 'Ma che davvero?'
Intervista a Chiara, meglio conosciuta come Wonderland, mamma blogger di "Ma che davvero?", mamma giovane, pungente e cool quanto basta, che ha individuato nell’ironia il modo per raccontare 'quello che le mamme non dicono'. E dopo il successo del blog è uscito il suo primo libro

La recensione su Pianetamamma del libro di Chiara, "Quello che le mamme non dicono"
La recensione un po' strampalata, un po' troppo di parte, un po' emozionata di un libro bellissimo per le mamme. Ma soprattutto per le donne

Il blog di Wondeland: Ma che davvero?

bannerlibroQuello che le mamme..

gpt inread-altre-0