Nostrofiglio.it
1 5

Terremoto: come comportarsi prima, durante e dopo la scossa

La Protezione Civile fornisce qualche indicazione utile su come comportarsi in caso di terremoto

Il terremoto che ha scosso il centro Italia ci riporta con il pensiero a quello devastante dell'Aquila e solleva paure e ansia. Il primo bilancio provvisorio è di almeno 70 morti, ma sono ancora tantissimi i dispersi e si continua a scavare sotto le macerie. 

Ma come comportarsi in caso di terremoto?

Molti ritengono, a torto, che il rischio più alto sia legato al crollo di edifici o pezzi di cornicione, ma in realtà le vittime del terremoto sono più frequentemente causate dalla caduta di oggetti e suppellettili che si trovano in casa che possono causare ferite anche gravi.
La Protezione Civile ha diffuso un decalogo per sapere come comportarsi durante e dopo il terremoto.

  • Innanzitutto, se la scossa arriva mentre siamo in un luogo chiuso bisogna cercare riparo nel vano di una porta collocata all'interno di un muro portante o sotto una trave: in caso di crollo rimarranno in piedi;
  • per ripararsi dalla caduta di suppellettili e oggetti pesanti meglio ripararsi sotto un tavolo;
  • non prendere l'ascensore e non precipitarsi giù per le scale che spesso sono la parte più debole dell'intero edificio;
  • se si è all'aperto meglio allontarsi da linee elettriche e costruzioni;
  • meglio stare alla larga dal bordo dei laghi e dalle rive del mare perchè c'è il rischio di uno tsunami;
  • evitare di usare telefono e l'automobile per non intralciare il lavoro dei soccorritori.
  • Dopo che la scossa sarà passata è importante assicurarsi dello stato di salute delle persone che ci stanno intorno, anche per agevolare i soccorritori; non muovere o spostare persone che versano in gravi condizioni per non peggiorare la situazione; uscire indossando e scarpe e raggiungere uno spazio aperto, lontano dagli edifici.

Cosa fare prima

Ma sarebbe importante anche sistemare la propria casa in modo da renderla più sicura possibile.

  • Per esempio non collocare mobili pesanti, scaffali e librerie nei luoghi dove ci si siede abitualmente, come letti o divani;
  • mettere gli oggetti e i suppellettili più pesanti nelle mensole più in basso e quelli in alto andrebbero fissati con del nastro biadesivo e usare la stessa accortezza per stereo e televisori;
  • fissare sempre alla parete mobili e librerie;
  • appendere i quadri con dei ganci chiusi, così non possono staccarsi dalla parete;
  • chiudere con un fermo gli sportelli dei pensili della cucina che contengono piatti e bicchieri.
  • E' importante, inoltre, mettere a portata di mano un piccolo kit di pronto intervento: una cassetta di pronto soccorso, una torcia elettrica, una radio a pile, un estintore.
  • In ufficio o a scuola è bene informarsi sull'eventuale piano di emergenza: in questo modo si potrà partecipare e collaborare nel caso in cui ce ne fosse bisogno.
gpt inread-donnamamma-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-donnamamma-0