Home Donna e Mamma

Ovuli vaginali, cosa sono e a cosa servono

di Francesca Demirgian - 01.04.2021 Scrivici

ovuli-vaginali
Fonte: shutterstock

Ovuli vaginali, la guida all'uso

Gli ovuli vaginali, anche chiamati suppositori vaginali, sono dei farmaci in forma solida, a dosaggio unico, che la donna deve inserire manualmente in vagina per permettere di svolgere la loro funzione.

Si usano comunemente per trattare alcune infezioni, come ad esempio la candida. Alcuni sono suggeriti anche nel corso della gravidanza (come gli ovuli di progesterone, ad esempio), agiscono in fretta e per questo sono prescritti spesso dai ginecologi.

Ma vediamo meglio cosa sono, come funzionano, come si applicano gli ovuli vaginali. 

In questo articolo

Come funzionano gli ovuli vaginali

L'ovulo vaginale agisce velocemente una volta inserito nella vagina. La sua azione terapeutica, infatti viene esercitata a livello locale e dunque nella mucosa vaginale. L'ovulo rilascia il suo principio attivo e la mucosa vaginale, ricca di vasi sanguigni, nel favorisce l'assorbimento.

Il motivo principale, per cui i ginecologi prescrivono gli ovuli vaginali in caso di infezioni o altre problematiche femminili, è la loro efficacia contro le infezioni. Agendo direttamente nella vagina, senza dover passare dal tratto intestinale o dal flusso sanguigno, l'effetto è più rapido. 

Come inserire gli ovuli vaginali

Gli ovuli vaginali sono dei farmaci semplici da applicare, basta seguire le istruzioni presenti sul bugiardino o indicate dal medico, perché tutto vada bene. Solitamente l'ovulo va inserito con il dito, solo in alcuni casi è presente un apposito applicatore. 

Prima di inserire l'ovulo, è bene lavare accuratamente le mani, asciugarle, estrarre l'ovulo dalla confezione e inserirlo con delicatezza nella vagina, bene in profondità. I ginecologi suggeriscono sempre di applicare l'ovulo la sera, prima di coricarsi, in questo modo la posizione distesa favorirà la permanenza del farmaco nel canale vaginale.

In ogni caso, può succedere che una minima parte del liquido venga espulsa dalla vagina dopo l'inserimento, per questo si consiglia di applicare un salvaslip, per evitare di bagnarsi e sporcarsi.

Quando prendere gli ovuli vaginali

Una delle domande più comuni è: quando si prendono gli ovuli vaginali? Quando e perché il medico li prescrive alla donna, in gravidanza e non?

Gli ovuli vaginali sono suggeriti soprattutto in caso di infezioni vaginali. In commercio ne esistono varie tipologie in grado di offrire il miglior trattamento nei differenti casi. Nello specifico, gli ovuli vaginali sono consigliati quando si presentano:

  • vaginiti
  • candida
  • tricomoniasi
  • cerviciti batteriche
  • vulvovaginiti
  • affezioni infiammatorie e distrofiche di qualsiasi origine

Ovuli vaginali in gravidanza

Alcuni ovuli vaginali possono essere prescritti anche in gravidanza, tra questi c'è anche l'ovulo di progesterone.

Un farmaco molto comune alle donne in dolce attesa, assunto in particolar modo nei primi mesi di gestazione. La funzione principale degli ovuli vaginali di progesterone è quella di dare sostegno alla gravidanza, preparando l'utero a consentire il miglior annidamento dell'ovulo fecondato. Il progesterone - che può essere assunto anche in altre forme - prepara il rivestimento del tessuto uterino.

Non solo: gli ovuli di progesterone vengono prescritti alle future mamme anche in caso di distacchi e di minacce d'aborto.

Altri consigli sull'uso di ovuli vaginali

Ecco ulteriori accortezze da avere e cose da sapere per utilizzare correttamente gli ovuli vaginali, senza rischi e controindicazioni:

  1. Come per tutte le terapie, anche gli ovuli vaginali devono essere inseriti per determinati giorni, sarà il medico ad indicare la durata del trattamento. E' bene, dunque, rispettarne i tempi per permettere alla terapia di essere efficace davvero
  2. Non assumere mai una dose superiore a quella indicata e se questo avviene consultare il medico
  3. Non utilizzare il farmaco se è scaduto
  4. Conservare in luogo fresco e asciutto gli ovuli per assicurarne l'integrità
  5. Quando gli ovuli devono essere inseriti durante il ciclo mestruale, non è possibile utilizzare la coppetta mestruale e neanche gli assorbenti interni
  6. In caso di effetti collaterali, come bruciore, irritazioni, fastidi interni alla vagina, è bene informare il ginecologo
  7. In alcuni casi, durante la terapia, è sconsigliato avere rapporti sessuali con il partner (ma sempre meglio chiedere al proprio medico).
gpt inread-altre-0

articoli correlati