Home Donna e Mamma

Una marcia in più per i figli delle mamme lavoratrici

di Francesca Capriati - 29.05.2015 Scrivici

una-marcia-in-piu-per-i-figli-delle-mamme-lavoratrici
Uno studio condotto ad Harvard mostra che i figli delle mamme lavoratrici hanno più probabilità di avere successo nel lavoro

Figli di mamme lavoratrici

Uno studio condotto dalla Harvard Business School regala una buona notizia alle mamme lavoratrici, perennemente in bilico tra obblighi, desiderio di gratificazione professionale e sensi di colpa.

La ricerca condotta da Kathleen L. McGinn ha infatti evidenziato che le figlie delle donne che lavorano hanno maggiori probabilità di lavorare a loro volta da adulte e di avere successo. Non solo, queste ragazze hanno ottime probabilità di guadagnare fino al 23% in più rispetto alle figlie di donne casalinghe.

I vantaggi non mancano neanche con i maschi: crescendo con una mamma lavoratrice i ragazzi saranno più inclini ad essere collaborativi in casa, a prendersi cura anche dei più piccoli e a collaborare nella gestione della vita domestica.
La ricercatrice ha spiegato che

abituati a due genitori che lavorano fuori casa questi ragazzi si abituano a capire che il lavoro in casa e quello che si svolge fuori casa devono essere divisi in modo equo

La ricerca è stata condotta su 31.478 persone di 24 Paesi diversi e ha evidenziato anche altri aspetti interessanti. Ad esempio che le donne che lavorano in ufficio a tempo pieno si sobbarcano anche 9 ore di lavoro casalingo in più a settimana rispetto agli uomini e 8,7 ore in più dedicate alla cura dei propri familiari.

Dati che non sorprendono affatto perché in fondo basta guardare a ciò che accade nelle proprie mura domestiche per avere conferma di quanto letto.
Ma qualcosa si può fare e si può scommettere sulle future generazioni.

La ricerca infatti punta al futuro e mostra che i figli di donne che lavorano fuori casa sono maggiormente inclini a cercare una propria gratificazione personale nel lavoro, sia maschi che femmine, e che i maschi diventeranno più collaborativi e le femmine più propense ad investire sul lavoro, a cercare soddisfazione e realizzazione non solo in ambito domestico e a guadagnare di più.

La ricercatrice infine invita le mamme che lavorano a smettere di sentirsi in colpa

il lavoro consente non solo un sostegno economico che va a tutto vantaggio della famiglia, ma permette anche di dimostrare ai propri figli quanto sia importante realizzare se stessi, soprattutto se si fa un lavoro che si ama

gpt inread-altre-0

articoli correlati