Nostrofiglio.it
1 5

Le mamme che lavorano part-time sono le migliori

Secondo una recente ricerca, le mamme che seguono di più i figli sono le lavoratrici part-time, che riescono bene a conciliare il lavoro con la famiglia
Molte mamme che lavorano sono piene di sensi di colpa, perché temono di non riuscire a seguire la crescita dei figli come dovrebbero (e vorrebbero). A sostegno di tutte le mamme lavoratrici arriva ora uno studio del Journal of Family Psychology, secondo il quale le donne che seguono meglio i figli non sono le casalinghe, ma le lavoratrici part-time.



LEGGI ANCHE: 10 consigli per aiutare le mamme a superare lo stress



I ricercatori del North Carolina per 10 anni hanno seguito 1.300 donne e mamme. E dallo studio risulta che le mamme che lavorano per mezza giornata riescono ad occuparsi sia del lavoro che dei figli, senza togliere troppo tempo a nessuno. Un connubio perfetto, insomma.

Le mamme part-time, infatti, la mattina (quando i figli sono a scuola) vanno al lavoro ed il pomeriggio possono occuparsi dei figli, portandoli in palestra o aiutandoli a fare i compiti. Secondo Maria Malucelli, docente di psicologia clinica e specialista in psicoterapia cognitiva dell’età evolutiva, che è stata intervistata da D di Repubblica, "È una conclusione assolutamente in linea con le teorie di John Bowlby, psichiatra, etologo e cognitivista che ancora oggi è un punto di riferimento fondamentale con la sua teoria dell’attaccamento materno, ovvero quel legame così speciale che infonde sicurezza e che si struttura nei primi mesi di vita intorno ad un'unica figura, quasi sempre la madre".







Ed aggiunge: "I genitori hanno il ruolo di fungere da base sicura per i figli: ciò non vuol dire stargli appiccicati giorno e notte ma dargli sicurezza e fargli capire che sono un punto di riferimento su cui possono contare. Insomma, i genitori devono stare nella testa e non nei letti dei figli. Una madre soddisfatta e realizzata comunica felicità, sicurezza, benessere e rende autonomi i propri figli".



LEGGI ANCHE: Bambini obesi se mamma lavora



Secondo la specialista, essere bravi genitori non dipende esclusivamente dall’orario di lavoro: "Nella mia esperienza di psicoterapeuta ho visto molte donne che ad un certo punto hanno deciso di sacrificare il proprio lavoro e diventare mamme a tempo pieno. Nel giro di poco, però, è iniziata la depressione e sono entrate in terapia nel momento in cui si sono accorte che anche i bambini erano scoordinati perché avevano a disposizione una mamma a tempo pieno, ma infelice". E lavorare part-time può essere la soluzione giusta per molte mamme, che possono così essere brave mamme senza dover rinunciare alla carriera.
gpt inread-donnamamma-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-donnamamma-0