Home Donna e Mamma

Intervista a Martina Colombari, ex Miss Italia, mamma e donna

di Jessica Rattini - 04.11.2011 Scrivici

gisele-bundchen
L'ex Miss Italia Martina Colombari ci racconta in questa intervista la sua vita come donna lavoratrice e mamma di Achille, un bimbo di sette anni avuto con l'ex calciatore Billy Costacurta

A cura di Federica Galimberti

Mamma di

Achille

, moglie dell’ex calciatore del Milano Billy Costacurta e donna lavoratrice, l’ex Miss Italia

Martina Colombari

rappresenta molte donne di oggi alla costante ricerca di un equilibrio in gado di

conciliare

aspirazioni professionali ed esigenze familiari.

Anche per questo, oltre che per il suo sorriso solare e l’aria ‘da ragazza della porta accanto’, l’ ex modella, oggi anche attrice di fiction e conduttrice, è stata scelta per la seconda volta consecutiva come

testimonial

della nuova campagna della linea

AZ White 3D

, una linea specifica di dentifrici che puntano a rendere più bello il sorriso delle donne.

LEGGI ANCHE: Mamme vip: cosa pensano dei loro difetti

GUARDA LE FOTO: AUTOSCATTI SEXY DI MARTINA COLOMBARI

“Il

sorriso

è molto importante - dice l’attrice - nella vita, come nel lavoro. Soprattutto per noi

donne

: ti avvicina agli altri, ti aiuta ad affrontare meglio la giornata”.

E ogni mamma sa bene che per far fronte a tutti gli impegni quotidiani, oltre all’organizzazione, è necessaria una buona dose di positività.

A proposito,

che tipo di mamma è Martina

?

“Sono una mamma con tanti dubbi come tutte  – ci racconta -, che lavora e che per questo ha

sensi di colpa

. Ma sono anche una mamma

giocherellona

che, quando è a casa e non impegnata sul set, passa molto tempo con il proprio bambino.

Mio marito dice che sono l’amichetta che tutti i bambini vorrebbero avere: mi lascio truccare da Achille con i trucchi di carnevale, facciamo insieme il bagno con i saponi colorati, andiamo al parco, in piscina… Ci divertiamo molto insieme!”.

E Achille che oggi ha 7 anni che bambino è?

“I

bambini di oggi

sono molto

svegli

, non li tieni con facilità. Achille poi è un piccolo ribelle, a volte prepotente. Soprattutto in questa fase di crescita, accetta a fatica

regole e divieti

... a volte è proprio difficile trattare con lui! Ora, inoltre, inizia a capire

di chi è figlio

e su questo un po’ ci marcia”.

LEGGI ANCHE: LA CLASSIFICA DELLE MAMME VIP PIU' SEXY

GUARDA LE FOTO: AUTOSCATTI EROTICI DI MARTINA COLOMBARI

Aspetto che mamma Martina guarda con preoccupazione, perché, come ci spiega: “Accade spesso che sia trattato dagli altri con un

occhio di riguardo

... le caramelle al bar, la benevolenza a scuola...  Però questo, dal punto di vista di un genitore, non va bene, perché

così non lo si aiuta

ad avere una corretta percezione della realtà. Per ottenere i risultati nella vita,

bisogna impegnarsi

in prima persona e fare anche sacrifici, come abbiamo fatto mio marito e io nelle rispettive carriere. Billy e io stiamo molto attenti a trasmettergli questo messaggio”.

LEGGI ANCHE: Festival di Venezia: una carrellata di genitori vip

L’accordo tra genitori sull’educazione dei figli è fondamentale. Come superate i momenti di contrasto su questo tema?

“Tra Billy e me, fin dall’inizio, c’è stata

grande complicità

su come educare Achille. Lui è un

bravo papà

, quando sono via per lavoro – è capitato anche che dovessi restare fuori per due settimane consecutive - lui

mi sostituisce

in tutto.

Inoltre, essendo entrambi

senza parenti

vicini, fin da subito abbiamo dovuto contare solo sulle nostre forze.

Mio marito poi è un po’

più forte

di me e Achille ha più rispetto di lui. La mamma la gira come la vuole, il papà no! Inoltre, io faccio fatica a sgridarlo... quando alzo la voce con lui, me ne pento subito... per fortuna c’è il papà!”.



Hai mai pensato al secondo figlio?

“Sì, però non abbiamo preso una decisione. Ora gli anni di differenza tra Achille e lui o lei sarebbero molti e finirebbero per ritrovarsi solo da più grandi.

Achille è un bambino adorabile, ma come tutti richiede attenzioni, energia, impegno... ora ho trovato un equilibrio anche con il lavoro, un figlio lo seguo bene, riesco a dedicargli

tempo di qualità

. Con due penso che sarei in difficoltà.

Io poi sono figlia unica e devo dire che non ho sofferto di questa condizione”.

LEGGI ANCHE: I figli dei VIP con nomi strani

Da qualche anno sei anche volontaria attiva e madrina della Fondazione Francesca Rava Onlus, che opera a sostegno dell’infanzia disagiata e ti abbiamo vista in prima linea ad Haiti dopo il disastroso terremoto del 2010.

“Prima di conoscere la Fondazione Rava, avevo appoggiato altre cause, ma non mi ero mai impegnata in prima persona in qualcuna di esse. Forse perché non era il momento giusto...

non ero ancora diventata mamma

... avevo la testa impegnata in altri fronti. Poi è avvenuto l’incontro con loro, durante una serata di fund raising di cui ero madrina e ho deciso, anche per mettermi alla prova, di prendere parte in prima persona a un loro progetto ad Haiti.

La prima volta sul’isola caraibica, dove la fondazione ha diverse attività tra cui un ospedale pediatrico, un centro di riabilitazione per bambini portatori di handicap, un orfanotrofio e alcune scuole di strada,

è stata molto dura

. Poi però, ho metabolizzato la rabbia, il dolore, lo sdegno per quel che avevo visto, e ho deciso di portare avanti il mio impegno in maniera attiva.

Sono stata ad Haiti 3 giorni dopo il terremoto per portare il mio aiuto e sostegno e tutt’oggi, quando posso, parto e vado. E’ un’esperienza ogni volta

intensa

, bella e molto arricchente”.

gpt inread-altre-0

articoli correlati