Home Donna e Mamma

Donne che non vogliono avere figli: le childfree

di Francesca Capriati - 18.06.2019 Scrivici

donne-che-non-vogliono-avere-figli-le-childfree
Fonte: Shutterstock
Aumentano le donne che non vogliono avere figli: per le childfree la scelta di diventare madre è spesso condizionata dalla società

Donne che non vogliono avere figli

L'ultima a dichiarare apertamente, addirittura in un libro, di non volere figli e di essere felice così è stata la scrittrice, attrice e sceneggiatrice Michela Andreozzi. In una recente intervista rilasciata a D di Repubblica presentando la sua autobiografia romanzata “Non me lo chiedete più” (Harper Collins Italia,), ha spiegato senza fronzoli e nemmeno apparenti rimpianti di essere una fiera childfree, cioè una donna che non ha figli per scelta.

Dire di non volere figli oggi è un po’ come fare coming out: trovate il coraggio di far sentire la vostra voce Non nascondetevi dietro la scusa, ad esempio, di non riuscirci. La vostra vita ha valore anche se non avete figli e non intendete farne

dichiara l'autrice che si dice convinta che molte donne siano childfree inconsapevoli e che diventino madri più che altro per soddisfare le aspettative sociali e familiari che vengono imposte sin da bambine.

Le non madri vanno elogiate tanto quanto le madri: non sono donne a metà e la loro scelta va rispettata

chiarisce Michela che non ha problemi, dunque, ad esortare anche le altre, tante donne che hanno liberamente scelto di non volere figli a non nascondersi, a non sentirsi donne di serie B e nemmeno a vergognarsi.

Figli? No grazie

Il movimento Childfree è cresciuto significativamente negli ultimi anni. Letteralmente il termine angolsassone vuol dire “senza figli” ma per scelta, a differenza delle donne “childless" che non hanno potuto avere figli nonostante lo volessero.

Amy Blackstone, docente di sociologia all’Università del Maine e autrice del saggio “Childfree by choice”  spiega che non esistono ricerche che riescano a valutare quante siano le childfree e quante le childless, ma secondo un'analisi condotta su un campione negli States, si può concludere che circa metà delle donne che non hanno mai diventate madri siano childless per circostanze esterne alla loro volontà, e l'altra metà non abbiano voluto figli. 

Ma se si guarda all'Europa i numeri sono un po' diversi. Una ricerca finlandese ha stimato che l'11% delle persone fra i 18 e i 40 anni in Europa che non intende avere figli e le percentuali sono più alte in Svizzera, Lussemburgo e Belgio, mentre in Italia non superano il 4%. 

Secondo i sostenitori del movimento childfree scegliere di non volere figli e avere la forza di dichiararlo pubblicamente vuol dire voler godere della propria vita, dedicarsi al rapporto di coppia, coltivare passioni e hobby, non voler cambiare le proprie priorità in funzione della maternità e anche non sentirsi all'altezza di assumere la responsabilità di un altro essere umano come spiegò l'attrice Cameron Diaz qualche tempo fa.

Ma la battaglia a sostegno delle childfree passa anche un profondo cambiamento culturale e sociale. La giornalista e artista statunitense Nicole Lane, infatti, sostiene che chi fa questa scelta si scontra con pressioni e condizionamenti sociali inimmaginabili:

"La febbre del bambino" è un desiderio acquisito e imposto di lasciare un proprio segno sulla società attraverso contributi biologici, noti anche come bambini. Siamo stati così socialmente condizionati a diventare madri e genitori che sembra essere una sensazione innata, un impulso indescrivibile a rimanere incinta e iniziare la maternità. Tuttavia, la ricerca ha scoperto che non vi è alcuna prova concreta di processi biologici che contribuiscano a questo profondo desiderio. Dopo che generazioni di società ci hanno detto che avere figli è un requisito per sentirsi soddisfatti - sia attraverso i media popolari o le aspettative della famiglia - iniziamo a considerare questo desiderio di avere figli normali e obbligatori.

gpt inread-altre-0

articoli correlati