Home Donna e Mamma

10 tipi di baby-sitter che molte di noi hanno incontrato nella vita

di Laura Losito - 23.10.2017 Scrivici

10-tipi-di-baby-sitter-che-molte-di-noi-hanno-incontrato-nella-vita
Fonte: iStock
Trovare una brava baby sitter è il desiderio di ogni mamma che lavora e non ha nessuno che possa aiutarla. Ecco una lista di diversi tipi di baby sitter che vi sarà capitato di incontrare

Diversi tipi di baby sitter

Su una cosa siamo tutte d’accordo: trovare una brava baby sitter non ha prezzo. Soprattutto per chi lavora fuori casa e/o non ha i nonni vicino, avere una persona seria e affidabile, che ama i nostri bambini ed è ricambiata, e che pian piano diventa una di famiglia, fa passare sopra a tanti difetti. Purtroppo, trovare una persona così non è semplice. Se siete alla ricerca di una baby sitter, ecco una lista semiseria di quelle che probabilmente vi sarà capitato di incontrare!

  • #1 LA BEAUTY ADDICT

Tutto inizia quando, spruzzandoti il tuo profumo preferito, pensi “strano, non mi ricordavo di averlo quasi finito”. Ma col tempo, gli indizi si moltiplicano. Il fondotinta delle “occasioni speciali”, pagato quanto un pieno di benzina, è semivuoto. La crema comprata due settimane fa sembra misteriosamente evaporata. In compenso, la baby-sitter sembra avere un aspetto radioso. Bello quel rossetto, ti sembra proprio di averlo già visto da qualche parte ;-)

  • #2 LA LOLITA

L’abbiamo vista in innumerevoli film e serie tv, e non solo. Chi non ricorda la torbida liaison di Jude Law? Ma non solo. Anche Ethan Hawke, ai tempi d’oro del matrimonio con Uma Thuman, la tradì con la tata, con cui poi ebbe altri due figli. E in tempi recenti malelingue hanno affermato che anche la fine del matrimonio tra Ben Affleck e Jennifer Gardner è da imputarsi ad una sbandata di lui per la baby sitter. Insomma, le Lolite esistono, sono tra noi. E forse vi è anche capitato di incontrarne una!

  • #3 LA “SOLO BABY SITTER”

Rientrate in casa dopo una lunga giornata di lavoro, fate fatica anche solo a passare dall’anticamera al corridoio, perché la superficie calpestatile è ridotta ai minimi termini per i giocattoli sparsi ovunque. E lo scenario nelle altre stanze della casa è altrettanto desolante: vasca da bagno ancora piena con la schiuma colorata che ha macchiato le piastrelle. Mobile della tv costellato di adesivi. In cucina sembra che sia esplosa una bomba. I bambini sono folli di gioia, voi un po’ meno. La “solo baby sitter” è uno dei tipi più insidiosi: un mito per i bambini, una spina nel fianco per la genitrice.

  • #4 L’IRREPERIBILE

Di solito, tutto inizia nell’illusione di aver trovato la baby sitter perfetta, ma ben presto vi rendete conto di avere di fronte un problema insormontabile. La prima volta in cui vi richiama con due ore di ritardo pensate che le sia morto un parente. La seconda vi bevete la classica scusa che “il cellulare non prendeva/era scarico/non aveva credito”. Ma è quando le affidate il bambino con la febbre e lei ignora le vostre chiamate e messaggi per mezza giornata, costringendovi a precipitarci a casa, che capite che no, l’irreperibile dovrebbe proprio cambiare mestiere.

Avere una nonna disponibile come baby sitter, magari “a gratis”, è una di quelle fortune che tutte le mamme di tua conoscenza ti invidiano. E può darsi che lo sia per davvero, in alcuni casi. In altri la nonna in questione è ben consapevole dell’aiuto che sta dando alla famiglia, e a fronte di questo non accetta alcun tipo di raccomandazione, critica o consiglio. Quando vostro figlio pretenderà a gran voce un goccetto di barolo a fine pasto perché la nonna glielo dà sempre, inizierete a pensare che forse val la pena tirare un po’ la cinghia e pagare una baby sitter.

  • #6 LA PERFETTA

Al contrario della “solo baby sitter”, la perfetta è quella che quando rientri a casa, pensi di aver sbagliato indirizzo. Gli ambienti sono puliti, immacolati e in perfetto ordine, e la stessa cosa si può dire dei bambini. Persino il cesto della biancheria è vuoto, i panni stesi ordinatamente piegati, i giocattoli nei loro contenitori. I bambini hanno ricevuto un pasto sano e nutriente, comprese quelle “schifezze verdi” per cui hanno sempre piantato capricci sanguinosi. La perfetta sulla carta è la migliore baby sitter del mondo. Quella che ci fa sentire completamente inadeguate, incapaci e, soprattutto, sostituibili.

  • #7 LA RITARDATARIA

Normalmente è una brava baby sitter, altrimenti nessuno la prenderebbe in considerazione. La questione se assumere o meno una ritardataria cronica passa necessariamente attraverso alla domanda: ve lo potete permettere? Altrimenti, potete sempre barare e dire che la aspettate per le 7:30, quando dovete uscire alle 8. Beninteso, non è comunque detto che ce la faccia in tempo, anzi: con lei imparerete ad andare al lavoro con le scarpe da running e i tacchi nella borsa, come nei film. La ritardataria è la baby sitter giusta per chi ama le emozioni forti.

  • #8 LA SMEMORATA

True story; la baby sitter smemorata è quella capacissima di dimenticarsi il vostro figlio minore all’asilo nido. Voi penserete che sia morta, e lei probabilmente si augurerà di esserlo quando riceverà la vostra poco diplomatica telefonata. La smemorata è quella che vi lascia a piedi la sera del vostro anniversario, che dimentica di portare i bambini a nuoto o a danza, che decide di prendersi un giorno di ferie e poi non vi avvisa. La smemorata decisamente dovrebbe cercarsi un altro lavoro.

  • #9 LA PETTEGOLA

Di solito è una baby sitter che piace moltissimo ai bambini, che sono sempre tutti orecchie al cospetto dei più torbidi segreti familiari. La pettegola è capace di svelare loro i retroscena del divorzio di genitori che conoscono, quando noi abbiamo optato per la versione naif ("Non vivono più insieme ma si vogliono ancora tanto bene"). Spettegola al cellulare, a voce alta, con le amiche. Quando vostro figlio vi chiederà cos’è un “trombamico”, inizierete a spargere la voce che state cercando una nuova baby sitter.

  • #10 IL MANNY

Ultimamente si sta facendo strada anche in Italia una nuova figura: quella del manny. Trattasi di una baby sitter, ma di sesso maschile. Molto spesso si tratta di ragazzi delle superiori, ma a volte anche di uomini adulti. Se funziona, perché no?

gpt inread-altre-0

articoli correlati