Home Donna e Mamma

Consigli per ripartire da genitore single: come ricominciare

di Francesca Capriati - 11.02.2022 Scrivici

consigli-per-ripartire-da-genitore-single
Fonte: shutterstock
Consigli per ripartire da genitore single: prima di rifarsi una vita bisogna ricominciare. Ecco alcuni consigli per ripartire nel modo giusto

Consigli per ripartire da genitore single

La genitorialità spaventa, e ancora di più può spaventare l'idea di essere un genitore single. Dopo un divorzio sono davvero tante le emozioni con cui dobbiamo fare i conti e molte riguardano non solo noi, ma anche i nostri figli. Mai come in questo momento della vita dobbiamo tirare fuori tutta la nostra forza, la nostra capacità di resilienza, determinazione ed empatia, perché possiamo farcela. Che abbiamo subito la separazione o l'abbiamo scelta noi, non è mai semplice ritrovarsi soli, con dei bimbi, magari piccoli. Ci domandiamo da dove ricominciare, cosa sia giusto fare, su quali leve emotive spingere. E allora ecco alcuni consigli per ripartire da genitore single.

In questo articolo

Concediti tempo

Essere genitore single è una sfida impegnativa, ma può anche essere un momento importantissimo e prezioso per conoscere te stesso e trovare nuove direzioni. Concediti tempo, riconosci ciò che riesci a fare bene, concentrati sulle cose che puoi controllare e chiedi aiuto quando ne hai bisogno. Non avere fretta di tornare in pista, di farti nuovi amici, di mostrare che va tutto bene.

La scelta giusta è: non avere fretta, non correre, non farti troppe domande. Resta in "modalità coping" per qualche tempo e affronta un giorno dopo l'altro senza fare troppi progetti. Quando ti starai stabilizzato sui nuovi ritmi, puoi cominciare a programmare qualcosa.

All'inizio, non aspettarti troppo da te stesso e sii pronto rimandare alcune grandi decisioni fino a quando le cose non diventano più chiare, ad esempio il trasloco.

Non isolarti e comincia a creare una rete di supporto

La vera salvezza dei genitori single sono altri genitori single (o anche no). Insomma, è diffidale crescere dei figli da soli, è molto probabile che avrai bisogno di aiuto, fosse solo per prendere un bambino a scuola o portare l'altro al corso di nuoto, quindi non isolarti.

Questo non vuol dire che devi costruire nuove amicizie o relazioni con lo scopo di uscire, andare a ballare o divertirti. Non ti serve una comitiva, ti serve una rete sociale di supporto genitoriale. Persone fidate, per esempio mamme degli amici dei tuoi figli, sulle quali potrai contare quando ne avrai bisogno. E vedrai che con il tempo, proprio queste conoscenze si risommergeranno in amicizie preziose.

Concentrati sulle cose che puoi controllare

Alcune cose saranno fuori dal tuo controllo, come quello che succede quando i tuoi figli sono con il tuo ex partner. Non stare lì a rimuginarci, risparmia energia per affrontare le cose che puoi cambiare o sulle quali pupi avere il controllo. Per esempio creare nuove routine familiari, nuove abitudini che possono creare un senso di sicurezza ai tuoi figli quando sono con te.

Prenditi cura di te

Non puoi cambiare la situazione in cui ti trovi, ma di sicuro puoi cambiare il modo in cui reagisci a ciò che accade. Puoi scegliere di comportarti bene anche se il tuo ex partner non fa lo stesso, puoi scegliere di prenderti cura della tua salute o della tua forma fisica, puoi scegliere di cambiare amicizie e circondarti solo di persone positive. Sii gentile con te stesso, non pretendere troppo e e troppo in fretta. Ricorda che non sei perfetto e soprattutto nessuno, nemmeno i tuoi figli, si aspettano che tu lo sia.

Riprenditi i tuoi spazi

La tua vita di coppia con figli era incentrata sul partner, sui bambini, sulle loro esigenze e su quelle della famiglia. I primi fine settimana che trascorrerai da solo, quando i bambini saranno dall'ex partner, saranno probabilmente difficili al punto di vista emotivo. Ma se lasci scorrere queste emozioni e ti dai del tempo all'improvviso, una sera, sentirsi il piacere del silenzio in casa, di un buon film sul divano, un bicchiere di vino. Il piacere di riprenderti i tuoi spazi, senza obblighi, doveri, orari. Un piacere che – per fortuna – dura solo 48 ore.

Quando sei pronto, fai progetti

Dopo un divorzio, passato il momento critico e riassestati gli equilibri, è il momento di cominciare a guardare la futuro, fare progetti piccoli o grandi. Un weekend speciale con i bambini, un viaggio da organizzare per l'estate, nuove passioni da scoprire insieme. Ricorda che non sei solo: nella tua città, in Italia, ci sono migliaia di genitori single che si sono organizzati per fare rete.

Forum di confronto, di viaggi, di incontri pullulano di nuove amicizie che potrebbero essere una svolta positiva.

Molti hotel offrono pacchetti promozionali per genitori single in vacanza e non avere paura di non farcela: viaggiare da soli con i bambini (ancor meglio se si viaggia con un altro genitore single) è un'esperienza divertente e anche rilassante. Prova a pensarci: nessun compromesso su dove andare, cosa vedere,a che ora mangiare....

gpt inread-altre-0

articoli correlati