Home Donna e Mamma

Consigli di igiene intima per mamme più sensibili che soffrono di irritazione intima

di Ostetrica Barbara Colombo - 19.07.2016 Scrivici

consigli-di-igiene-intima-per-mamme-piu-sensibili-che-soffrono-di-irritazione-intima
I consigli dell'ostetrica per donne più sensibili che soffrono di irritazioni intima e arrossamento causato da diversi agenti esterni

Molte mamme soffrono di sensibilità della cute e delle mucose intime che si accentua in particolari condizioni. Ecco alcuni consigli e trucchi che possono mantenere la situazione sotto controllo.

Innanzitutto cosa vuol dire sensibilità?

Normalmente la cute non presenta zone di arrossamento e le mucose hanno un colore chiaro. In donne particolarmente sensibili invece questo colore tende ad essere rosa intenso, più acceso specie in particolari condizioni. Le donne con pelli molto sensibili sono spesso predisposte all'irritazione cutanea e all'arrossamento causato da diversi agenti esterni: assorbenti, abiti attillati, tessuti sintetici, sudore, sabbia, mestruazioni e rapporti sessuali. 

Cosa fare allora?

Prima di tutto è importante escludere che questa irritazione sia dovuta alla presenza di un'infezione da microorganismi. Quindi fate attenzione alla comparsa di sintomi quali bruciori, prurito, perdite vaginali differenti dal solito. Se ciò dovesse accadere recatevi presso un laboratorio che esegue dei tamponi vaginali. Mentre aspettate l'esito del tampone (di solito circa una settimana) non usate rimedi fai da te.

Una buona igiene intima con un detergente a pH basso, può aiutare a "combattere" l'infezione.  E' consigliabile alternare l'utilizzo di un detergente attivo, usandolo magari la sera, con uno lenitivo, a pH più basico, che possa aiutare a rendere meno fastidiosi i sintomi presenti. Nel caso in cui invece non compaiano altri fastidi, ma solo l'arrossamento e l'irritazione, la causa probabilmente è la sensibilità della vostra pelle. Proviamo a capire insieme cosa fare nelle varie situazioni.

In caso di irritazioni da assorbente esterno è importante mantenersi pulite cambiando spesso l'assorbente, ma soprattutto con un'accurata detersione più volte al giorno. L'igiene deve essere molto attenta almeno la sera, in modo da rimuovere eventuali residui anche nelle pieghe cutanee. Se durante il giorno vi è difficoltoso effettuare una detersione con acqua, potete usare delle salviettine con formula lenitiva, ipoallergeniche e biodegradabili con pH attorno a 5.

E se l'irritazione è dovuta all'uso di abiti sintetici? Anche in questo caso l'aspetto importante per prevenire questo disturbo è il mantenimento di una buona igiene personale, specie durante le stagioni calde in cui allo sfregamento con gli abiti si aggiunge il sudore. Evitare inoltre l'uso di salvaslip se non necessario, portare sempre con sé salviettine monouso che possono essere usate anche a prescindere dai normali momenti in cui ci si reca al bagno. Nel momento in cui vi rendete conto che state sudando molto e che i vestiti danno fastidio basta detergere la cute con la salviettina per asciugarla. 

In caso di irritazioni conseguenti ai rapporti sessuali, spesso associati ad una sensazione di estrema secchezza, effettuare una corretta igiene intima prima e dopo il rapporto è fondamentale per evitare che eventuali batteri patogeni presenti possano provocare un'infezione. Lo scopo dell'igiene è però anche un altro, quello di mantenere idratata la mucosa e quindi ridurre i fastidi. Potrebbe essere consigliato per chi ha pelli particolarmente sensibili usare due tipologie differenti di detergenti: un normale detergente a pH neutro prima del rapporto, e uno invece lenitivo dopo il rapporto che aiuti a ridurre la sensazione di secchezza e irritazione.

In conclusione vorrei dare un consiglio che riguarda tutte le donne con pelli particolarmente sensibili: l'igiene deve rimanere uno dei vostri obiettivi primari perché una pelle pulita e quanto più possibile asciutta rende più gestibili anche i piccoli stress quotidiani.

gpt inread-altre-0

articoli correlati