Nostrofiglio.it
1 5

La vostra casa vi mette ansia? Ecco perché e come correre ai ripari

/pictures/2018/01/25/la-vostra-casa-vi-mette-ansia-ecco-perche-e-come-correre-ai-ripari-988276648[1211]x[504]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-donnamamma
La casa può mettere ansia quando non risponde alle esigenze di una famiglia con bambini. Ecco qualche consiglio su come rendere la casa funzionale alla routine di una mamma

Come rendere la casa funzionale alla routine di una mamma

Social come Instagram e Pinterest sono una continua fonte di ispirazione per l’arredo della casa. Basta fare qualche ricerca sui social per restare ammaliate da decine e centinaia di proposte favolose, idee di grande impatto che spesso si possono replicare senza nemmeno un budget eccessivo.

Ma ora che abbiamo dei bambini, le cose non sono più così semplici. Non basta trovare qualche idea d’arredo brillante e copiarla, perché nella maggior parte dei casi si rivelano poco funzionali e ci costringono quindi a diventare “schiave” della casa. Ci ritroviamo così con il salotto dei nostri sogni che si trasforma in un campo minato di giocattoli. Perdiamo tempo nel trovare cose che dovrebbero essere sottomano e non lo sono, perché “fanno disordine” e rovinano quel progetto che nella nostra testa sembrava perfetto per noi, ma che poi nella pratica si è rivelato completamente inadatto alla vita familiare. La nostra casa inizia a metterci ansia perché, di fatto, non è funzionale alla nostra routine. Ecco come cambiare le cose.

Come fare le pulizie domestiche con i bambini
  • Migliorare la casa in modo che non vi complichi la vita

Tutte le soluzioni d’arredo che impongono di cambiare un’abitudine radicata della vostra famiglia, probabilmente non funzioneranno. Se avete ad esempio la consuetudine di tenere l’asse da stiro sempre fuori e pronta all'uso, forse doverla ogni volta estrarre a fatica da uno sgabuzzino sarà solo una noia in più. Ricordate che ogni stanza della casa è una risorsa, uno spazio che deve servire in primo luogo a farvi vivere meglio. Quindi, pensate fuori dagli schemi: magari non vi serve una sala da pranzo enorme, ma vi farebbe comodo una lavanderia o una sala giochi, o ancora uno studio dove appartarvi se dovete concentrarvi su qualcosa lontano dai bambini.

Fate mente locale delle vostre necessità e poi capite come migliorare la vostra abitazione di modo che non vi complichi la vita, mettendovi ansia. Perché in realtà dovrebbe “fare” l’esatto contrario.

  • Parola d'ordine: efficienza 

Tutte noi abbiamo un’amica - o magari più di una - che ha una casa che sembra uscita da AD. Ma ciò che funziona per lei, forse non funziona per noi. Magari noi dimentichiamo di pagare le bollette se non le lasciamo in bella vista da qualche parte. Magari quando rientriamo alla sera abbiamo bisogno di poter aprire e consultare subito il nostro prezioso libro delle ricette da 5 minuti, anche se è vecchio e pieno di macchie di sugo. Oppure l’attaccapanni minimale che abbiamo scelto con cura, è completamente nascosto da decine di giacche e piumini che lo fanno pendere da un lato.

Non tutte abbiamo il tempo e la voglia di dedicare ore al giorno, o magari la sera o nel weekend, a riordinare perfettamente la casa. Ma forse, se al posto dell’attaccapanni ci fosse un grande armadio con le grucce all’interno, non ci verrebbe il nervoso ogni volta che entriamo in casa, e nemmeno quando usciamo e non riusciamo a trovare il nostro cappotto se non tirandone giù altri cinque. Per non parlare di quei cassettoni o mobili dell’ingresso che ospitano solo due cornici d’argento e una pianta: perché impazzire ogni mattina a cercare le chiavi e il telefono? Un comodo vuotatasche vi semplificherà la vita e, incredibilmente, farà sembrare la vostra casa molto più ordinata e “alla Pinterest”.

  • Come far fronte ai giocattoli che invadono gli spazi comuni? 

I giocattoli dovrebbero stare nella stanza dei bambini. Già, esattamente quel posto specificamente dedicato, appunto, al gioco. Allora come mai sono dispersi in ogni angolo della casa, e soprattutto nel salotto, che dovrebbe essere il luogo più “adulto” e chic della casa? La sera, quando finalmente abbiamo terminato le incombenze domestiche, non ci è dato di rilassarci finalmente sul divano, perché c’ sempre quella mezza dozzina (quando va bene) di giochi in giro, immancabilmente sfuggiti alle operazioni di ordine fatte dai bambini. Allora, anche se ci sembra brutto, mettiamo qualche contenitore per i giochi anche in sala. Ci semplificherà la vita!

  • Siamo realiste su cosa vogliamo noi dalla casa 

Magari siamo state conquistate dall’immagine di noi stesse che diamo cene da 12 coperti, e abbiamo progettato la sala e la cucina fantasticando su portate sopraffine e servizi da tavola super chic. Poi abbiamo scoperto che non abbiamo nessuna voglia di sobbarcarci una fatica simile, e invitiamo al massimo una famiglia per volta: a questo punto è bene rendercene conto e fare marcia indietro, perché non solo quella casa non ci rappresenta, ma ci mette ansia perché in qualche modo ha il sapore di un piccolo fallimento - anche se ovviamente non è così.

Abbiamo letto in uno studio della Pennsylvania State University (pubblicato sul sito bustle.com) che la maggior parte delle persone si sente più in ansia a casa piuttosto che in ufficio. E questo fenomeno riguarda in grandissima parte le donne, probabilmente perché l’organizzazione domestica è di per sé causa di stress. Addirittura, nello stesso studio emerge che quasi la metà delle persone ansiose sono costantemente preoccupate che la loro casa sia in disordine. Vi suona familiare?

Ma la soluzione c’è: una volta che avremo riorganizzato la casa in modo più efficiente, sarà molto più facile mantenere l’ordine e la pulizia, e anche avere la collaborazione dei nostri familiari. Anche i bambini più piccoli possono aiutare, ma a patto che ogni cosa abbia il suo posto. E non ha senso rendere difficilmente raggiungibili le cose che usiamo ogni giorno, o anche diverse volte al giorno!

  • Il disordine causa stress

Infine, uno dei motivi per cui la nostra casa ci provoca ansia e stress è il disordine, o meglio “l’alta densità degli oggetti domestici” (lo abbiamo letto in uno studio del Center of Everyday Lives and Families (CELF) dell'UCLA, e pubblicato sul sito goodhousekeeping.com). Riorganizzare la casa rendendola funzionale ai vostri bisogni è il primo passo, ma il secondo è mantenerla in ordine: ora non avete più scuse :-). Pare infatti che le pile di carte e giornali, i piatti nel lavandino, il letto disfatto e i famigerati giocattoli per terra siano una delle principali cause del sentirsi stressate mentre si è a casa.

gpt inread-donnamamma-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-donnamamma-0