Home Donna e Mamma

La "spesa intelligente" per mangiare sano

di Monica Balducci - 12.04.2016 Scrivici

la-spesa-intelligente-per-mangiare-sano
Fonte: Shutterstock
Come fare una spesa sana per la famiglia ? I consigli della dietista per fare la spesa in modo intelligente, risparmiando e scegliendo alimenti che facciano bene alla nostra salute

Come fare una spesa sana per la famiglia

Fare la spesa è spesso considerato una faccenda domestica, una cosa indispensabile, da fare nei ritagli di tempo; ma se l’alimentazione è così importante per la nostra salute, come si può sottovalutare a tal punto l’acquisto della materia prima? La maggior parte delle persone fa la spesa in modo sbagliato: sfogliando il volantino delle offerte o scegliendo ciò che più la attrae tra i vari scaffali. Questo comporta l’avere a casa tanti alimenti non indispensabili che vengono mangiati “perché sono lì” e a mangiare prodotti di qualità inferiore rispetto ad altri, solo perché le strategie di marketing ci hanno condotto ad acquistare quelli.

Fare una spesa intelligente, che faccia bene alla nostra salute e contemporaneamente anche alle nostre tasche, non è impossibile, anzi…basta seguire alcune semplici indicazioni.

  • Preparate sempre la lista della spesa

Tenete sempre in cucina un foglio in cui annotare tutto ciò che manca nella vostra dispensa cercando, quando possibile, di redigere una sorta di menù per la settimana a venire, in modo da poter comprare tutto il necessario. Una volta arrivati al supermercato si dovranno acquistare soltanto prodotti presenti nella lista, senza farsi trarre in tentazione da alimenti poco salutari e non indispensabili.

  • Andate a fare la spesa a stomaco pieno

in modo da non essere tentati dalla fame a comprare degli “extra”

  • Non fatevi trarre in inganno dalle strategie di marketing

Acquistate i prodotti in offerta solo se presenti sulla vostra lista o se sono prodotti a lunga scadenza che vi serviranno sicuramente in futuro (es. pasta, legumi, olio, salsa di pomodoro, acqua…). Vicino alla cassa sono sempre presenti prodotti “tentatori”, come dolciumi, caramelle o bibite, non cadete nella trappola, una volta completata la lista niente deve più entrare nel carrello! Negli scaffali più in vista sono posti i prodotti di marche più famose, in quanto l’esposizione in quei punti costa di più, ma imparate ad osservare bene, non sempre ciò che è “di marca” è qualitativamente migliore.

  • Uscite dalla vostra routine e provate cose nuove

potreste trovare prodotti ugualmente gustosi ma più sani. Imparate a leggere bene le etichette, confrontate le tabelle nutrizionali e l’elenco degli ingredienti.

  • Frutta e verdura: questi alimenti non devono mai mancare nel vostro carrello

ma devono essere attentamente scelti. Privilegiate i prodotti freschi, di stagione e possibilmente a Km 0, o almeno provenienti dall’Italia: hanno il massimo delle qualità nutrizionali perché maturati al sole e colti nel momento giusto.

  • Farine e prodotti da forno

evitate le farine più raffinate (“00”), preferite quelle integrali e limitate il più possibile i prodotti da forno confezionati (pane in cassetta, grissini…) prediligendo il pane fresco non condito e senza sale (tipo toscano).

  • Carni: favorite il consumo di carni bianche e i tagli di carne più magri

ma attenzione anche alla provenienza e al modo in cui l’animale è stato allevato. Evitate di acquistare carni di pollo e vitello se non siete certi della provenienza: sono gli animali più soggetti alla somministrazione di antibiotici, anabolizzanti e cortisone.

  • Zuccheri semplici

evitate di acquistare prodotti che contengono grandi quantità di zuccheri (dolci, bibite zuccherate, caramelle) non sono indispensabili neanche per i bambini, anzi, sono la principale causa dell’obesità infantile. Preparate piuttosto voi, in casa, torte gustose, seguendo ricette a basso contenuto calorico ed utilizzando ingredienti di prima qualità.

Seguire queste indicazioni inciderà significativamente sulle abitudini alimentari di tutta la famiglia, aiutandovi a seguire un’alimentazione più sana e non solo, aiuterà anche l’ambiente riducendo notevolmente gli sprechi alimentari.

gpt inread-altre-0

articoli correlati