Home Donna e Mamma

Bonus Vacanze: come fare per richiederlo

di Francesca Capriati - 19.06.2020 Scrivici

bonus-vacanze-come-fare-per-richiederlo
Fonte: Shutterstock
I requisiti per accedere al Bonus Vacanze 2020: a quanto ammonta e come possiamo usufruirne

Bonus Vacanze

Nel nuovo decreto Rilancio approvato nei giorni scorsi dal governo ci sono diverse misure finalizzate a favorire il rilancio economico del Paese dopo il lockdown forzato a causa dell'epidemia da Covid-19. Alcune iniziative sono direttamente finalizzate a promuovere e sostenere il turismo, che in Italia rappresenta una fondamentale e sostanziosa voce del PIL, e aiutare le famiglie italiane a poter andare in vacanza usufruendo del cosiddetto Bonus Vacanze. Ma in cosa consiste e quali sono i requisiti e le modalità per richiederlo?

Bonus Vacanze: a quanto ammonta

Il Bonus Vacanze 2020 ha un valore fino a 500 euro e serve a rilanciare il turismo italiano, quindi può essere utilizzato per andare in vacanza in una struttura ricettiva nel nostro Paese. Nel dettaglio ecco gli scaglioni:

  • 500 Euro a famiglia (uguale per 1, 2 + figli)
  • 300 Euro / genitore single con 1 figlio ( o due adulti)
  • 150 Euro per i nucleo formati da una sola persona

I requisiti per chiedere il Bonus Vacanze

Come dicevamo il Bonus Vacanze 2020 è destinato alle famiglie e anche ai single che hanno un reddito ISEE non superiore a 40mila euro. L'importo massimo è d 500 euro a famiglia con due adulti e 1 o più figli.

Come va utilizzato il Bonus Vacanze

Il Bonus potrà essere utilizzato in un'unica struttura, verrà emessa una sola fattura e non potrà essere quindi frazionato.

L'acquisto dovrà avvenire direttamente presso la struttura e non attraverso i portali che fanno da intermediazione.

Il credito sarà fruibile nell’80 per cento come sconto sul corrispettivo dovuto alla struttura che dovrà emettere fattura elettronica, il  restante 20 per cento potrà essere portato in dichiarazione dei redditi come detrazione dall’imposta sul reddito nella dichiarazione del 2021.

In pratica non sarà, quindi, possibile, godere del Bonus prenotando attraverso

l'intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici

come Booking o Airbnb, ma si potrà cercare la struttura, visitare il sito e contattarla direttamente.

Tra le strutture presso le quali si potranno prenotare le vacanze usufruendo del Bonus ci sono:

  • alberghi,
  • campeggi,
  • villaggi,
  • bed & breakfast;
  • agriturismi.

Come richiedere il Bonus Vacanze

Come spiegato nel documento dell'Agenzia delle Entrate la richiesta può essere inoltrata dal 1 luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2020 per soggiorni vacanza goduti durante questo periodo. La domanda va inoltrata esclusivamente attraverso una app - IO - legata alla piattaforma della pubblica amministrazione PagoPa, ed è necessario avere l'identità digitale. Quindi, per usufruire e richiedere il Bonus Vacanze 2020 bisogna:

  1. scaricare la App Io dei servizi pubblici
  2. fare richiesta di una identità digitale (Spid) composto da un nome utente e una password. A questo link  è possibile consultare l’elenco dei fornitori di identità SPID. In alternativa si può accedere con la carta identità digitale, il nuovo documento identificativo a cui è associato un Pin di 8 cifre.

Come funziona la App Io

Dopo il primo accesso l'utente sceglierà un PIN che dovrà conservare. A partire dal 1 luglio uno dei componenti del nucleo familiare può accedere alla funzione per richiedere il bonus Vacanze disponibile nella sezione “Pagamenti” dell’app IO  e verificare la sua idoneità, nonché lo status della domanda.

Prima di partire è consigliabile verificare che con la struttura alberghiera scelta che sia autorizzata. Ricordate che il Bonus può essere richiesto solo da un membro per nucleo familiare.

Al  momento  del  pagamento presso la struttura del  corrispettivo  dovuto, bisogna comunicare  al fornitore il proprio codice fiscale  ed il codice univoco assegnato o, in  alternativa, esibire il QR code.

Gli altri Bonus per le famiglie

Oltre al Bonus Vacanze, per le famiglie sono state introdotte altre misure interessanti che proviamo ad elencare:

  • Bonus Baby sitter e Centri Estivi: dovendo ritornare a lavoro, moltissimi genitori si trovano in grandi difficoltà a dover assistere i figli che sono a casa a causa della chiusura delle scuole. Per aiutarli è stato confermato anche nel decreto Rilancio il Bonus Baby Sitter che è stato raddoppiato passando da 600 a 1200 euro (per i sanitari e le forze dell'ordine il valore del bonus è di 2000 euro).
  • Congedo parentale: il congedo parentale pagato al 50% per i figli fino a 12 anni è stato confermato: può essere continuativo oppure frazionato ma non dovrà essere superiore a 30 giorni. Si può chiedere fino al 31 luglio 2020.
  • E' stato approvato un Reddito di Emergenza (REM) per aiutare le famiglie che si trovano in maggiori difficoltà: a chi ha un Isee inferiore ai 15mila euro, un patrimonio mobiliare inferiore ai 10mila euro e non percepisce il reddito di cittadinanza l'INPS erogherà da 400 a 800 euro in base al numero di componenti della famiglia;

Per incentivare il lavoro agile, tutti i lavoratori di aziende pubbliche e private con figli minori di 14 anni potranno chiedere lo smart working sempre, purché sia compatibili con la loro attività.

Vi ricordiamo, infine, che nel Decreto Rilancio, ha trovato spazio anche un Bonus per l'acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, monopattini elettrici, segway e hoverboard: il bonus mobilità prevede un rimborso del 60% del prezzo di acquisto, fino a un tetto massimo di 500 euro. Il bonus può essere usato anche per un acquisto avvenuto a partire dal 4 maggio scorso e fino al 31 dicembre 2020.

gpt inread-altre-0

articoli correlati