gpt skin_web-incinta-0
gpt strip1_generica-incinta
gpt strip1_gpt-incinta-0
1 5

Come superare il dolore per un aborto spontaneo?

E' un evento drammatico che colpisce molte donne. Superarlo è possibile, ecco qualche consiglio

Una percentuale variabile tra il 15 e il 20 percento delle donne che scoprono di essere incinte perdono il loro bambino prima della ventesima settimana. L'esperienza dell'aborto spontaneo, dunque, non è così rara come potrebbe sembrare eppure spesso resta relegato ai confini domestici perchè chi ha vissuto questa dolorosa esperienza tende a non raccontarla, nemmeno alle amiche o ai familiari.


 Dopo un aborto è avvenuto un miracolo

Stress, senso di colpa, uno choc emotivo dal quale è difficile riprendersi, una frattura tra la coppia che può vivere un momento di blackout nella comunicazione e nella condivisione delle emozioni: sono i più comuni effetti di un aborto spontaneo. Tutto normale. L'importante è affrontare l'esperienza dolorosa e riprendere in mano la propria vita.

Ogni gravidanza è diversa, e se si tratta del primo aborto spontaneo non c'è alcun motivo di essere pessimiste e pensare che accadrà di nuovo.

LEGGI ANCHE: Quando restare incinta dopo un aborto spontaneo?

E bisogna anche agire su se stesse e sulla coppia. Innanzitutto no alla chiusura in se stesse: è importante sfogarsi, parlare con l'amica del cuore o la mamma, piangere e vedere riconosciuto il valore del proprio dolore. Così come è bene prendersi il giusto tempo per riprendersi ed elaborare il lutto, non c'è fretta nè di riprovare ad avere un bambino e nemmeno di tornare ad essere sorridente e solare come al solito: ogni donna ha i suoi tempi per affrontare questa brutta esperienza e riprendersi.

aborto-spontaneo_1



Parlare con il proprio ginecologo può essere molto utile, spiegherà che l'aborto spontaneo, purtroppo, è un evento piuttosto frequente, soprattutto nelle prime gravidanze, e fornirà informazioni utili per capire che metodo contraccettivo usare nel frattempo che decidiate di riprovarci ancora!

 Ricerca, cause dell'aborto spontaneo e dolore del feto


Non dimenticare il vostro partner. Anche lui ha subito una perdita anche lui sta soffrendo e accanto a questa sofferenza c'è la sensazione di dovervi essere comunque vicino e di sostenervi. Parlate tanto tra voi, consolatevi, condividete dolore e pensieri e quando sarete pronti cominciate a fare le cose che facevate prima: il cinema, la cena romantica, un film abbracciati.

Parlate con altre donne che hanno vissuto l'esperienza di un aborto: amiche, colleghe, familiari, ma anche forum e social network.


gpt native-bottom-foglia-incinta
gpt inread-incinta-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-incinta-0