NAVIGA IL SITO

Vulvovaginiti da contatto: cosa sono e come si curano

Perchè compare la vulvovaginite non infettiva e come si può curare? Ecco i consigli della nostra ostetrica

di Violeta Benini

Non sempre il prurito e/o il bruciore alla vulva, la parte esterna dei genitali femminili, o alla vagina sono causati da infezioni batteriche o fungine. Esistono moltissime cause che possono causare una infiammazione con i sintomi simili a una infezione. I sintomi che si avvertono sono bruciore, prurito, dolore, senso di tensione, spesso possono esserci ragadi (piccoli taglietti della pelle) o eritemi, arrossamenti e gonfiore.
La vulvovaginite non infettiva può anche essere causata dal contatto con materiali irritanti, da sostanze allergeniche o irritative, ma anche cambiamenti del proprio corpo che portano a reagire in maniera diversa a indumenti, saponi, e altre sostanze cui siamo abituati. Vedi le foto: L'apparato genitale femminile


LEGGI ANCHE: I DISTURBI DELLE VIE URINARIE, LA CISTITE


Le varie cause quindi potrebbero essere:
•    Abiti e body troppo attillati (jeans stretti, non usare biancheria intima, cerniere di ferro sui pantaloni
•    Biancheria sintetica (nylon, lycra)
•    Uso di carta igienica oleosa o profumata
•    Uso di assorbenti, assorbenti interni o proteggislip sintetici o poco traspiranti (contenenti cellulosa)
•    Abuso di sostanze topiche (spray deodoranti, cere o creme depilatorie, detergenti aggressivi, creme antifecondative, lavande vaginali non adeguate o ripetute)
•    Farmaci per trattare forme infettive come creme antibiotiche o antimicotiche
•    Detersivi per la biancheria
•    Contraccettivi di barriera (profilattico sia maschile che femminile)
•    Andare in bicicletta

Leggi anche: i disturbi più comuni ai genitali delle femminucce


•    Fare il bagno in acqua contenente cloro
•    Rapporti sessuali traumatici (passionali) o sporadici
•    Traumatismi dovuti a interventi chirurgici o all'uso di pessari per il prolasso
I cambiamenti del corpo possono essere:
•    Gravidanza
•    Ciclo mestruale
•    Incontinenza urinaria
•    Obesità
•    Eccessiva sudorazione o forte leucorrea
•    Dieta povera di acidi grassi essenziali (alterazione della barriera cutanea)
•    Fattori psicosomatici
•    Patologie concomitanti (diabete, immunodepressione)
•    Terapie antibiotiche
•    Scarsa igiene intima

Altri articoli interessanti
- Igiene intima in gravidanza
- Infezioni alle vie urinarie nei bambini
- Genitali delle femminucce, i problemi più comuni

Hai trovato interessante questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Vulvovaginiti da contatto: cosa sono e come si curano...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori