gpt skin_web-incinta-0
gpt strip1_generica-incinta
gpt strip1_gpt-incinta-0
1 5

Pillola dei 5 giorni dopo senza ricetta

/pictures/20150114/pillola-dei-5-giorni-dopo-senza-ricetta-2650211710[3732]x[1556]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-incinta

L'EMA stabilisce che la pillola dei 5 giorni dopo va data senza ricetta. La parola all'Aifa, ma è già polemica

Pillola senza ricetta

Nelle scorse settimane l'EMA, l'ente europeo di controllo e autorizzazione dei farmaci, ha deciso che la pillola dei 5 giorni dopo va offerta senza l'obbligo di presentare la ricetta medica. Questo perchè alcuni studi hanno dimostrato che la pillola funziona meglio se viene assunta entro 24 ore dal rapporto a rischio.

In Italia la decisione non è diventata ancora operativa perchè a pronunciarsi in maniera definitiva dovrà essere l'AIFA, l'Agenzia italiana del farmaco.

gpt native-middle-foglia-incinta

Ma la polemica non è tardata ad accendersi.

I cattolici accusano: la pillola dei 5 giorni dopo non è altro che un aborto mascherato. E i farmacisti cominciano a paventare la possibilità di fare obiezione di coscienza.

Cos'è la pillola dei 5 giorni dopo

Si tratta di un contraccettivo d'emergenza che consente di ritardare o bloccare l'ovulazione dopo aver avuto un rapporto sessuale a rischio o quando il preservativo si è rotto o in caso di violenza sessuale. In tal modo si impedisce l'eventuale fecondazione dell'ovulo.

Il principio attivo della pillola dei 5 giorni dopo è l'ulipristal acetato e agisce bloccando l'ovulazione e l'eventuale concepimento. A differenza della pillola del giorno dopo, che deve essere assunta entro 72 ore dal rapporto a rischio, la pillola dei 5 giorni dopo si può prendere entro 120 ore (5 giorni appunto).

Pillola, oltre alla contraccezione a cosa serve?

E se la Commissione Europea ha dato il via libera alla pillola senza ricetta e molti Paesi europei, come Germania ed Inghilterra si preparano a portare avanti questa piccola, grande rivoluzione, in Italia la discussione è aperta.

Allo stato attuale nel nostro Paese per avere accesso a questo contraccettivo d'emergenza bisogna parlarne con il medico o rivolgersi al consultorio di zona, fare un test di gravidanza che escluda la gravidanza già in atto e poi andare in farmacia con la ricetta del medico.

Ma come agirà l'Aifa?

Gli esperti prendono tempo per studiare la questione e trovare una mediazione tra il fronte cattolico e quello più liberale. I dubbi dei medici cattolici non sono solo di natura etica.

Come spiega il ginecologo Filippo Boscia, presidente dell'Associazione medici cattolici, il punto non è vietare l'uso della pillola di 5 giorni

ma definirla un contraccettivo è una bugia. Usarla vuol dire abortire, ma non è questo che mi preoccupa, quanto il fatto che ormai le giovani hanno rapporti a 13-14 anni. Se iniziano così presto a usare farmaci di questo tipo danneggiano il loro sviluppo riproduttivo. Confido che governo e Aifa blocchino tutto

Di diverso parere  Emilio Arisi, presidente della Società della contraccezione che non ci sta a definire la pillola dei 5 giorni dopo un metodo abortivo:

penso alle donne e all'utilità dello strumento. Chi ne ha bisogno oggi lo insegue con una serie di peripezie inutili. Ricordo che stiamo parlando di contraccezione di emergenza

gpt native-bottom-foglia-incinta
gpt inread-incinta-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-incinta-0