Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-incinta
1 5

Contraccezione permanente: la procedura Essure

La procedure Essure è la contraccezione per le mamme che non vogliono altri figli e cercano una soluzione permanente

adsense-foglia-300
Ci sono donne che ad un certo punto della vita si accorgono di essere realizzate, hanno dei figli che amano molto e con loro sentono che la famiglia è al completo e vorrebbero quindi non doversi più preoccupare di gravidanze indesiderate (LEGGI) o non pianificate soprattutto quando si hanno tantissimi impegni da seguire. Un metodo contraccettivo permanente può rappresentare una risposta alle esigenze di queste mamme.



LEGGI ANCHE: CONTRACCEZIONE: L'IMPIANTO ORMONALE SOTTOCUTANEO



Tra le varie opzioni disponibili c'è la procedura Essure®, una tecnologia innovativa che elimina la necessità di usare un metodo contraccettivo temporaneo. Essure® è un metodo contraccettivo non reversibile, che lavora con l’organismo per creare una barriera naturale contro le gravidanze; non prevede ormoni (LEGGI), incisioni, bruciature né possibili rischi legati ad un’anestesia generale. In Italia Essure® è rimborsata al 100% dal Servizio Sanitario Nazionale e può essere eseguita in un ospedale o in una clinica in meno di 10 minuti. Come afferma Massimo Luerti, Responsabile Unità Operativa di Ginecologia, Istituto Clinico Città Studi di Milano e Segretario Nazionale della Scuola Italiana di Chirurigia Mini Invasiva Ginecologica: La procedura Essure non richiede anestesia, è priva di rischi ed ha un’efficacia nel 99,74% dei casi. Inoltre le donne possono riprendere le loro normali attività quotidiane poche ore dopo l’esecuzione della procedura. Le procedure effettuate sono state quasi tutte richieste per pianificazione familiare da donne di età compresa tra 35 e 45 anni (eccezionalmente accetto donne di età inferiore o superiore), con 2 figli in media e comunque con il numero di figli ritenuto sufficiente dalla coppia.



LEGGI ANCHE: LE GRAVIDANZE NON PROGRAMMATE TENDONO A RIPETERSI




In Francia è stato condotto uno studio clinico retrospettivo in 12 ospedali pubblici e privati su 1032 pazienti che si sono sottoposte alla procedura Essure tra il 2002 e il 2006. Questo studio, chiamato Esthyme ha dimostrato che Essure® (LEGGI) è efficace nel 99.74% dei casi (su cinque anni di follow up), quindi superiore a tutti gli altri metodi di controllo delle nascite, incluse le altre metodiche di chiusura delle tube (LEGGI). Secondo questo studio inoltre il 90% delle pazienti analizzate ha ripreso le proprie attività famigliari e il 75% ha ripreso a lavorare entro 24 ore dall’esecuzione della procedura. Un altro aspetto importante per la qualità di vita delle pazienti è che Essure® non ha un impatto negativo sulla loro vita sessuale. Il 33% delle pazienti ha riferito anche un miglioramento della propria sessualità e una sensazione di maggiore libertà perché non dovevano più preoccuparsi per una gravidanza non programmata.



LEGGI ANCHE: NON VOLER ESSERE MADRE E' UN DIRITTO



Ma in cosa consiste questa procedura innovativa? Un ginecologo certificato Essure® inserisce degli inserti morbidi e flessibili nelle tube di Falloppio. Non è necessaria alcuna incisione perché questi piccoli inserti sono inseriti attraverso la vagina e la cervice. Durante le settimane seguenti, si crea una barriera naturale attorno agli inserti impedendo agli spermatozoi di raggiungere gli ovuli. Le ovaie continueranno a rilasciare gli ovuli ma questi saranno riassorbiti dal corpo. Dopo tre mesi, si effettua un test di conferma. Questo test verifica la posizione degli inserti e il blocco delle tube per dare la certezza alla paziente che non dovrà più preoccuparsi di una gravidanza indesiderata. Naturalmente prima di aver ricevuto il test di conferma che in alcuni rari casi va ripetuto, la paziente deve continuare ad utilizzare altri metodi contraccettivi.



LEGGI ANCHE: PILLOLA: OLTRE ALLA CONTRACCEZIONE, A COSA SERVE



Questa procedura sembra essere effettuata da molte donne; solo in Lombardia nel 2011 in 15 centri è stato effettuato il 30% circa delle procedure realizzate in Italia. Naturalmente occorre riflettere bene prima di sottoporsi a questo intervento, il cui risultato resta comunque irreversibile

Fonte| Essure