gpt skin_web-incinta-0
gpt strip1_generica-incinta
gpt strip1_gpt-incinta-0
1 5

Cerotto anticoncezionale: miglior contraccettivo se sei ansiosa o stressata

L'ansia è donna: lo conferma un recente sondaggio. Come scegliere il contraccettivo giusto quando si convive con stress e ansia?

L'ansia e lo stress sono decisamente un fenomeno al femminile. Un recente indagine GFK Eurisko ha scoperto che il 29,5% delle donne tra i 18 i 54 anni dichiara di essere sempre in ansia (gli uomini lo sono solo nel 16,9% dei casi).
Dati in linea con quanto emerso dalle ricerche scientifiche sul tema che mostrano come le donne presentino un rischio significativamente maggiore del 70% di manifestare nel corso della vita disturbi d’ansia rispetto agli uomini

Come convivere con questi disturbi quando si deve scegliere il metodo contraccettivo più adatto ed efficace?


GUARDA LA FOTOSTORIA: Metodi anticoncezionali presenti, passati e futuri


"In condizioni di ansia e stress, la scelta del contraccettivo va considerata attentamente dato che non tutti i metodi possono risultare ugualmente efficaci. Le diverse conseguenze psicofisiche generate da queste condizioni, quali le alterazioni a livello intestinale e ginecologico e la maggior frequenza di episodi di dimenticanza e distrazione, rendono preferibile orientare la scelta contraccettiva verso il cerotto. Scelta meno vulnerabile agli errori di assunzione legati a stati d’ansia e stress. Una soluzione più affidabile, in grado di mettere al riparo dalle preoccupazioni relative alla vita intima”, spiega Alessandra Graziottin Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica dell'Ospedale San Raffaele Resnati di Milano.

Ma in che modo l'ansia può influenzare la salute e avere ripercussioni sull'efficacia del contraccettivo?
Elevati livelli di ansia aumentano il rischio di patologie gastrointestinali, quali la sindrome dell’intestino irritabile e la dispepsia funzionale. Infatti, in condizioni di ansia e stress, soprattutto se persistente, si verifica un viraggio di tutta la biologia del nostro corpo verso uno stato di allerta. Si instaura da un lato l’iperattività del sistema dell’allarme (rilascio corticotropine, adrenalina e cortisolo) e dall’altro l’iperattività del sistema nervoso simpatico.
Questo si traduce nell’iperattività delle cellule di difesa, chiamate mastociti. Tali cellule immunitarie, già di per sé presenti in numero superiore nel sesso femminile, sono maggiormente situate a stretto contatto con le terminazioni nervose intestinali. Pertanto, lo stress acuto, attivando i mastociti, provoca sia alterazioni della motilità intestinale, dell’evacuazione e della consistenza fecale sia dolore addominale.



Tali conseguenze possono determinare una notevole variabilità del tempo di transito intestinale e dell’assorbimento di cibo e farmaci – continua la Prof.ssa Alessandra Graziottin - Questa variabilità è un problema in caso di assunzione di farmaci, tra cui anche i contraccettivi orali, (LEGGI) che necessitano di continuità e costanza nell’assorbimento del principio attivo per poterne garantire l’efficacia".


LEGGI ANCHE: 8 metodi anticoncezionali strani e terrificanti



Dati molto solidi ottenuti da un campione di 1.438 donne, dimostrano che le donne ansiose hanno una probabilità superiore di dimenticare ripetutamente l’assunzione del contraccettivo orale: un singolo episodio di ansia aumenterebbe la probabilità di dimenticanza del 24%, e il rischio è raddoppiato in caso di episodi multipli di ansia e inoltre le donne ansiose e stressate spesso rinunciano ad assumere qualsiasi tipo di contraccettivo esponendosi così a un rischio più elevato di gravidanze indesiderate (LEGGI) ed a una sessualità globalmente preoccupata, limitata e insoddisfacente.

In questi casi il cerotto è la scelta migliore.
Si applica una volta alla settimana e garantisce un rilascio ormonale costante e prolungato tipico della via transdermica.
gpt native-bottom-foglia-incinta
gpt inread-incinta-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-incinta-0