gpt skin_web-incinta-0
gpt strip1_generica-incinta
gpt strip1_gpt-incinta-0
1 5

In Italia le mamme più vecchie d'Europa

Un'indagine mostra che le mamme italiane sono tra le più vecchie d'Europa

Un'indagine condotta dal centro per la fertilità svizzero ProCrea mostra che le mamme italiane sono tra le più vecchie d'Europa (LEGGI).

Gli esperti spiegano che nell'ultimo ventennio l'età media al momento del parto è passata da 29,1 anni del 1991 ai 31,4 anni del 2011, e in alcune regioni del Centro Italia si può arrivare a toccare anche l'età media di 31,8 anni.
Il dato colloca l'Italia ai primi posti in Europa per età  materna, al pari della Svizzera e di poco sotto alla Spagna e all'Irlanda.
In Europa l'età media non va oltre i 30 anni.


LEGGI ANCHE: Fertilità, quanti ovuli ti sono rimasti?


E con l'aumentare dell'età media della gravidanza, aumentano anche i rischi.
Non solo il rischio di non riuscire a concepire con facilità, perchè man mano che passano gli anni il numero di ovuli diminuisce progressivamente abbattendo le possibilità di successo (LEGGI), ma anche il rischio di andare incontro a malformazioni fetali e aborti spontanei (che sarebbero aumentati del 30% negli ultimi 25 anni e che, nella fascia di età 40-44 anni sono più del doppio di quelli relativi alla fascia di età 35-39 anni).


LEGGI ANCHE: Fertilità e orologio biologico, tu quanto ne sai?


Cesare Taccani, specialista in medicina della riproduzione del centro, spiega anche che è aumentata anche l'età nella quale ci si rivolge per la prima volta a un centro di fecondazione assistita: anche nelle tecniche di procreazione assistita l'età è un elemento che gioca un ruolo determinante per aumentare le probabilità di successo.

Nelle donne che hanno meno di 30 anni le gravidanze si sono concluse con successo nel 50% dei trattamenti; e la percentuale scende al 40% per le donne con 35 anni e al 25% per le donne di 40 anni.


gpt native-bottom-foglia-incinta
gpt inread-incinta-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-incinta-0