gpt skin_web-incinta-0
gpt strip1_generica-incinta
gpt strip1_gpt-incinta-0
1 5

"Il bambino possibile", guida alla fecondazione assistita di Adele Lapertosa

/pictures/20160127/il-bambino-possibile-guida-alla-fecondazione-assistita-di-adele-lapertosa-1141725819[989]x[413]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-incinta

"Il bambino possibile", guida alla fecondazione assistita di Adele Lapertosa è una guida, un vademecum scritto in modo semplice e comprensibile, con la consulenza degli esperti del settore, sulle tecniche di procreazione medicalmente assistita

"Il bambino possibile", guida alla fecondazione assistita

Adele Lapertosa è una giornalista freelance, lavora per l'Ansa e il Fatto Quotidiano. Scrive da oltre 13 anni di politica sanitaria, medicina, bioetica e scienza. Abbiamo letto con molto piacere e curiosità il suo libro "Il bambino possibile, guida alla fecondazione assistita" e vogliamo consigliarlo a tutte quelle donne che cercano risposte e informazioni chiare e affidabili sul percorso della procreazione assistita. Leggere questo libro è come intraprendere un viaggio di conoscenza, consapevolezza e scoperta sul tema dell'infertilità e su tutte le possibili soluzioni per riuscire a diventare mamma.

Il libro si divide in 8 capitoli. Nel primo l'autrice ci spiega quando si può parlare di infertilità, del quali sono le cause e gli esami da fare per accettarla. Nel successivo si parla di come affrontare una diagnosi di infertilità. Il libro continua spiegando cosa si intende con il termine procreazione medicalmente assistita, quali sono le tecniche e le varie fasi di un ciclo di fecondazione assistita e quali tecniche esistono per preservare la fertilità nel caso di un tumore. Nel quarto capitolo si parla di farmaci, centri italiani di procreazione medicalmente assistita e di costi. Non può mancare un approfondimento storico sulla legge 40 del 2004, cosa prevedeva e cosa è rimasto dopo le varie modifiche apportate nel corso degli anni. Infine Adele Lapertosa affronta il tema della diagnosi genetica preimpianto e della fecondazione eterologa.

Una bambina in un cuore di siringhe: tutto l'amore di una mamma in una foto

Un libro che spiega dalla A alla Z quello che occorre fare quando una donna scopre di non essere fertile, perché come dice la giornalista

...nel corso di un secolo, che si è distinto per la "rivoluzione produttiva" e che ha ampliato le possibilità di scelta di donne e uomini nel campo della sessualità e della procreazione...in questo vasto processo di mutamento che ha coinvolto scienziati, medici, bioeticisti e tutti i cittadini interessanti, un elemento fondamentale è sicuramente quello dell'informazione.

Informarsi per capire, decidere e agire. Il libro è molto interessante, perché oltre a spiegarci in dettaglio come affrontare il tema dell'infertilità e quali sono i percorsi alternativi da seguire per restare incinta, ci racconta storie concrete di donne che nonostante una diagnosi di infertilità sono riuscite ad avere un bambino. Come ad esempio la testimonianza Giuseppina La Delfa, una mamma gay, nonché presidente dell'associazione Famiglie Arcobaleno. Con sua moglie Raffaella hanno avuto due figli grazie alla procreazione assistita. Inoltre "il bambino possile" è un libro che nasce anche dall'esperienza personale della giornalista che nel 2011 scopre che c'era un problema nel restare incinta e che avrebbe dovuto ricorrere anche lei con il marito alla provetta per realizzare il sogno di diventare madre.sogno. 

...Dopo lo sgomento e la disperazione iniziale, mi diedi subito da fare per cercare un bravo ginecologo, specializzato nel settore, che potesse seguirci. In fondo, avendo scritto per tanti anni di questi temi, conoscevo parecchi esperti e io stessa mi ritenevo ben informata. Ma siamo dovuti passare per tre tentativi, in tre centri diversi, e l’aiuto di una psicologa perché io rimanessi finalmente incinta. I primi due cicli, fatti in due diverse strutture di due Regioni distinte, sono stati fallimentari, perché non mi avevano fatto fare le analisi giuste, e quindi anche la stimolazione ormonale era stata errata. Si era partiti pensando che il problema fosse di mio marito, e alla fine abbiamo scoperto che era mio. Ma questo solo al terzo tentativo, quando finalmente abbiamo trovato il medico giusto, una ginecologa non solo bravissima, ma intuitiva e che non ha lasciato nulla di intentato. Soprattutto ci ha ascoltato e fatto le domande giuste. Pur pensando di essere più informata della media, ho così realizzato che, soprattutto col primo ciclo, non ero stata seguita bene. Tutto quello che pensavo di sapere non mi era servito, e non mi aveva protetto da un fallimento e da tanta sofferenza. Così, mi sono ripromessa che se fossi riuscita ad avere un figlio (cosa che poi per fortuna è accaduta nel maggio 2013), avrei scritto un libro per cercare di aiutare tutti coloro che devono affrontare, o stanno prendendo in considerazione, la fecondazione assistita.

Ed è così che è nato questo libro, una guida, un vademecum scritto in modo semplice e comprensibile, con la consulenza degli esperti del settore, per aiutare a orientarsi tra le tante informazioni e capire come muoversi nel migliore dei modi senza perdere tempo, soldi e energie .

Dal 1979 a oggi sono più di cinque milioni i bambini nati grazie alle tecniche di procreazione medicalmente assistita, molti dei quali diventati ormai adulti e genitori a loro volta. Le cose sono cambiate da allora non soltanto dal punto di vista medico-scientifico, ma anche sociale e legislativo. Eppure, nonostante l’infertilità riguardi il 20-30% delle coppie italiane, il problema è ancora vissuto con vergogna e spesso in solitudine, con lo stigma della riprovazione sociale e religiosa. Il bambino possibile affronta i problemi pratici legati alle difficoltà procreative per dare a chi cerca di diventare genitore risposte spesso difficili da reperire in modo coerente e affidabile altrove

gpt native-bottom-foglia-incinta
gpt inread-incinta-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-incinta-0