gpt skin_web-incinta-0
gpt strip1_generica-incinta
gpt strip1_gpt-incinta-0
1 5

Calcolo del periodo fertile per rimanere incinta

/pictures/2017/03/01/calcolo-del-periodo-fertile-per-rimanere-incinta-3991101563[1202]x[501]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-incinta

Calcolo periodo fertile: come capire quali sono i giorni più fertili del mese per aumentare le probabilità di rimanere incinta

Calcolo periodo fertile

Come fare il calcolo del periodo fertile per rimanere incinta? Scopriamo tutti i modi per sapere quali sono i giorni fertili del mese, per massimizzare le probabilità di concepimento.

Calcolo periodo fecondo

Il calcolo del periodo fertile va fatto innanzitutto tenendo sotto controllo il proprio ciclo mestruale per qualche mese, in questo modo sapremo quanto dura il ciclo, quando arrivano le mestruazioni e quindi sarà più facile calcolare il periodo di fertilità.

In un ciclo mestruale mensile che dura, in media, 28 giorni il calcolo del periodo fertile si farà partendo dall'ultimo giorno di mestruazioni e andando avanti per 14 giorni: la finestra temporale di fertilità è quella di 4 giorni circa, a cavallo dell'ovulazione.

Calcolo periodo fertile per rimanere incinta

L'ovulo viene prodotto dall'ovaio e viaggia lungo le tube di Falloppio fino all'utero: se non viene fecondato si sfalda e verrà poi espulso con le mestruazioni. Il suo ciclo vitale è di circa 24 ore, in questo arco di tempo può essere fecondato da uno spermatozoo durante il suo viaggio. Gli spermatozoi possono sopravvivere fino a 72 ore e anche in più: ciò vuol dire che la finestra del periodo fertile è di circa 4 giorni, cioè quelli immediatamente precedenti e immediatamente successivi all'ovulazione.

gpt native-middle-foglia-incinta

Calcolo ovulazione del periodo fertile

E' possibile calcolare, quindi, i giorni dell'ovulazione con una certa previsione usando diversi mezzi:

  • stick per l'ovulazione: si trovano in vendita in farmacia e misurano la concentrazione nell'urina di un ormone, LH LH, l'ormone luteinizzante, che aumenta quando si sta per ovulare. Le strisce si colorano in corrispondenza del picco dell'ormone nelle urine e indicano, quindi, quali sono i giorni giusti per concentrare i rapporti sessuali mirati al concepimento;
  • temperatura basale: la temperatura aumenta di circa mezzo grado nel giorno dell'ovulazione rispetto al resto del mese. Per usare questo metodo è importante misurare la temperatura per tre mesi per capire quale sia la propria temperatura basale di riferimento;
  • muco cervicale: il muco vaginale cambia in consistenza, colore e quantità in corrispondenza dei giorni fertili. Diventa simile all'albume dell'uovo, filante, più acquoso, di colore bianco trasparente ed è molto più abbondante. L'osservazione combinata del muco cervicale e della temperatura basale consente di avere un'idea piuttosto precisa di quale sia il giorno dell'ovulazione.

Calcolo dei giorni fertili dopo il ciclo

Come detto, in genere, in un ciclo della durata di 28 giorni l'ovulazione avverrà intorno alla metà del mese, quindi intorno al 14esimo giorno. Ma molto dipende dalla durata media del ciclo: non tutte le donne hanno un ciclo che dura 28 giorni, qualcuna 26 giorni, altre ancora più breve e da questo dato dipende la data dell'ovulazione.

Calcolo settimana fertile

Possiamo provare a calcolare i giorni più fertili del mese utilizzando il cosiddetto metodo di Ogino-Knaus. In pratica consiste nel prendere nota della durata media di ogni ciclo mestruale per qualche mese per poi riuscire a sapere, con una certa probabilità, quale sia la settimana più fertile.

Come fare il calcolo delle settimane? Poniamo il caso che il nostro ciclo mensile, cioè i giorni che passano tra una mestruazione e l'altra, duri 28 giorni (la durata media della maggior parte delle donne in età fertile) e che le mestruazioni sono arrivate il 1 del mese: i giorni più fertili saranno quelli a cavallo tra il l'11esimo e il 17esimo giorno dopo il ciclo.

Questo perché, secondo questo metodo di calcolo settimana fertile di tipo probabilistico, l'ovulazione avverrà intorno al 14esimo giorno, in corrispondenza di un aumento dei livelli degli ormoni LH ed estrogeni. L'ovulo come abbiamo detto, sopravvive per 24 ore ma gli spermatozoi possono restare vitali anche per 4 giorni, quindi per aumentare le probabilità di concepimento dobbiamo considerare fertili sia i giorni che precedono l'ovulazione che quelli successivi e concentrare in questa settimana i rapporti sessuali.
Naturalmente se il ciclo dura di meno di 28 giorni oppure di più il calcolo si sposterà e l'ovulazione probabilmente avverrà prima del 14esimo giorno oppure dopo.

Giorni fertili con ciclo irregolare

Naturalmente tutti i calcoli probabilistici sull'ovulazione che possiamo fare per rimanere incinta rischiano di non essere efficaci se si ha un ciclo irregolare. Difficile stabilire con una misurazione su calendario quali siano i giorni fertili se la durata del ciclo cambia continuamente. In questi casi possiamo affidarci a degli stick o computer per calcolare l'ovulazione, che misurano l'aumento dei livelli degli ormoni estrogeni ed LH e quindi sono piuttosto affidabili, oppure all'interpretazione dei segnali che il nostro corpo ci invia quando stiamo ovulando.

Come rimanere incinta velocemente

Sintomi del periodo fertile

In vista dell'ovulazione avvengono molti cambiamenti nel nostro corpo e possiamo diventare piuttosto esperte nel leggere questi sintomi e capire quando stiamo ovulando.

  • Muco cervicale: lontano dai giorni fertili può essere addirittura assente o comunque presente in scarse quantità, in consistenza più grumosa. Quando stiamo per ovulare, invece, diventa più filante, abbondante, liquido perché serve non solo a creare un ambiente vaginale più favorevole per gli spermatozoi ma anche per l'eventuale impianto dell'embrione.
  • Temperatura basale: la temperatura del nostro corpo sale di 02,-0,5 gradi in corrispondenza dell'ovulazione, quindi se misuriamo la temperatura per qualche mese al fine di conoscere quale sia la nostra temperatura standard possiamo capire quale sia il periodo fertile, soprattutto se a questa misurazione associamo l'analisi del muco cervicale.
  • Seno teso e dolorante è un altro sintomo tipico dell'ovulazione in arrivo
  • Dolori e crampi al basso ventre: chi soffre di ovulazione dolorosa può avvertire l'arrivo dell'ovulazione perché soffre di doloretti all'addome o addirittura a livello delle ovaie.

Calcolo dei giorni non fertili

Se si vuole evitare una gravidanza indesiderata è possibile usare dei metodi contraccettivi naturali per provare a calcolare il periodo non fertile. Ovviamente non è il modo migliore per provare ad evitare una gravidanza: preservativi e contraccettivi ormonali sono i modi più efficaci per non rimanere incinta se non lo si desidera. I giorni non fertili del ciclo sono, in genere, quelli immediatamente prima e immediatamente dopo le mestruazioni, ma bisogna tener conto del fatto che, soprattutto dopo i 35 anni, si può avere una doppia ovulazione, il ciclo può cominciare ad essere irregolare e quindi è più difficile calcolare i giorni non fertili con una certa sicurezza.

Ovulazione e nidazione

In caso di avvenuta fecondazione dell'ovulo da parte dello spermatozoo si forma uno zigote che viaggia nella tuba di Falloppio moltiplicando le sue cellule e dirigendosi verso l'utero, dove si impianterà. Questo processo di nidazione, chiamato anche impianto può avvenire nell'arco di cinque-otto giorni, al massimo entro 12 giorni dopo la fecondazione. L'impianto dell'embrione può essere accompagnato da leggere perdite, chiamate appunto perdite da impianto che qualcuna potrà anche scambiare per una anomala mestruazione.

gpt native-bottom-foglia-incinta
gpt inread-incinta-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-incinta-0