NAVIGA IL SITO

Aborto, sotto esame della Consulta la legge sui minori

La 194 sarà nei prossimi giorni all’esame della Consulta dopo il caso della minorenne che si è rivolta al consultorio per abortire senza coinvolgere i genitori

Neonati

Tutte le foto < 1 >

Vedi foto di: Neonati

    Neonato che sorride
    monica de chirico 8 giugno 2012
    Dopo il caso di una sedicenne che ha richiesto di abortire (LEGGI) senza coinvolgere i genitori, nei prossimi giorni sarà all'esame della Consulta la legge 194 sull'aborto. La consulta il 20 giugno dovrebbe analizzare la legittimità dell'art.4 sulle circostanze che legittimano l'interruzione di gravidanza. Se la decisione della Corte costituzionale avrà conseguenze sull’impianto della legge, si riaprirebbe la battaglia in Parlamento tra chi vuole modifiche in senso più restrittivo e chi chiede al legislatore di ampliare la libertà di scelta della donna e di rendere pienamente accessibile ai minori la contraccezione.



    LEGGI ANCHE: Maternità negata: Sindrome post aborto volontario



    La ragazza di Spoleto che si era recata in un consultorio con il ragazzo, anche lui minorenne, aveva espresso «con determinazione» di voler abortire (LEGGI), non ritenendosi in grado di crescere un figlio, nè disposta ad affrontare un evento che per lei rappresenterebbe un cambiamento enorme di vita. Muovendo da questo caso il giudice avrebbe chiesto di valutare la legittimità costituzionale dell'articolo 4 della legge relativo alle circostanze che consentono l'aborto. La norma, secondo il giudice, sarebbe in contrasto, in particolare, con quanto previsto dalla sentenza della Corte di giustizia dell'Ue del 18 ottobre 2011 dalla quale «l'embrione umano è stato riconosciuto quale soggetto da tutelarsi in modo assoluto».



    LEGGI ANCHE: Aborto: quando inizia la vita per la legge e quando per la Chiesa?




    Varata il 22 maggio 1978, la legge 194 sull'interruzione volontaria di gravidanza (Ivg) (LEGGI) è da tempo al centro di accese discussioni, attacchi e polemiche. La legge prevede che è possibile abortire in una struttura sanitaria pubblica entro i primi 90 giorni di gravidanza solo in particolari «circostanze per le quali la prosecuzione della gravidanza, il parto o la maternità comporterebbero per la donna un serio pericolo per la sua salute fisica o psichica, in relazione o al suo stato di salute, o alle sue condizioni economiche, o sociali o familiari, o alle circostanze in cui è avvenuto il concepimento, o a previsioni di anomalie o malformazioni del concepito». Il cosiddetto «aborto terapeutico» scatta dopo i 90 giorni ed è ammesso dalla legge solo in due casi: «quando la gravidanza o il parto comportino un grave pericolo per la vita della donna» e «quando siano accertati processi patologici», come «rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro, che determinino un grave pericolo per la salute fisica o psichica della donna»



    LEGGI ANCHE: Aborto spontaneo… quanto dolore!




    Per quanto riguarda i minori, tra i vari punti, la legge 194 stabilisce che la richiesta di interruzione della gravidanza (LEGGI) è fatta personalmente dalla donna, ma se minorenne per l'Ivg "è richiesto l'assenso di chi esercita sulla donna stessa la potestà o la tutela. Tuttavia, nei primi novanta giorni, quando vi siano seri motivi che impediscano o sconsiglino la consultazione delle persone esercenti la potestà o la tutela - recita la legge - oppure queste, interpellate, rifiutino il loro assenso o esprimano pareri tra loro difformi, il consultorio o la struttura socio-sanitaria, o il medico di fiducia, espleta i compiti e le procedure di cui all'articolo 5".



    LEGGI ANCHE: Marcia contro l'aborto a Roma: sfila anche il sindaco Alemanno




    Dopo la marcia contro l'aborto a Roma, questo è uno dei tantissimi casi che tornano a riaccendere polemiche e discussioni sempre aperte e mettono a confronto chi è favorevole a chi manifesta il proprio dissenso


    Caricamento in corso: attendere qualche istante...

    0
    Commenti

    Chiudi
    Aggiungi un commento a Aborto, sotto esame della Consulta la legge sui minori...
    • * Nome:
    • Indirizzo E-Mail:
    • Notifica automatica:
    • Sito personale:
    • * Titolo:
    • * Avatar:
    • * Commento:
    • * Trascrivi questo codice:
    * campi obbligatori