gpt skin_web-parto-0
gpt strip1_generica-parto
gpt strip1_gpt-parto-0
1 5

Il canto carnatico

/pictures/20160401/il-canto-carnatico-992619207[1642]x[683]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-parto

Stanche del solito corso di preparazione al parto che prevede soltanto il training di respirazione autogena? Provate il canto carnatico!

Canto carnatico

Stanche del solito corso di preparazione al parto che prevede soltanto il training di respirazione autogena? Troppo pigre per fare yoga o piscina? Volete dare sfogo alle vostre sensazioni nel modo spontaneo rappresentato  dall'emissione della voce e dei suoni? Provate il canto carnatico!

Il canto carnatico o canto delle vocali, nasce nel sud dell'India e nello Sri lanka intorno al 2000 a.C., come introduzione alla meditazione; solo negli anni '70 è stato portato in Europa da un ginecologo francese, Frédérick Leboyer, già famoso per sostenere assiduamente la "nascita dolce", che lo ha riadattato e proposto alle donne in gravidanza come tecnica di autosostegno utile durante il travaglio e il parto, per far prendere coscienza di sè stesse attraverso la voce e per sfruttare il rilassamento della zona di gola e faringe per favorire anche il rilassamento di utero e vagina, strettamente collegati, e renderle così capaci di dominare i dolori delle doglie e del parto

gpt native-middle-foglia-parto

Canto carnatico cos'è

Il canto carnatico è l'emissione di vocali e suoni modulate sul respiro; si basa sulla respirazione addominale, quindi abbassare il diaframma e spingere fuori l'addome quando si inspira ed emettere suoni e vocali quando si espira.

Ogni donna è libera di scegliere quale sia il vocalizzo più adatto in quel momento e non deve seguire melodie prestabilite, inoltre emettere suoni e vocali e usare la voce per sfogare la paura e la tensione durante le contrazioni aiuta ad allentare la tensione e a rilassarsi e permette di entrare in contatto con il bambino che viene cullato dalle vibrazioni

Come si fa il canto carnatico

Innanzitutto si parte dal silenzio. L'atmosfera deve essere tranquilla, serena e il silenzio deve dominare. Si incomincia con esercizi dolci di torsione e stretching della colonna vertebrale e del bacino, poi si continua con esercizi respiratori e infine si comincia con il vero e proprio canto. Durante tale esercitazione di canto carnatico si eseguono e susseguono, partendo dal silenzio e finendo col silenzio, suoni uguali emessi con vocali differenti, iniziando dalla "a" aperta che permette alla mamma di sciogliere la tensione e di sbloccarsi, e che dura tutto il tempo dell'espirazione e continuando con "eee", "iii", "ooo", "uuu"; a seconda della vocale la bocca si modifica e permette di regolare l'uscita dell'aria, producendo effetti benefici differenti sul corpo e sulla mente della gestante che attua questa tecnica

A cosa serve il canto carnatico durante il travaglio

  • I vantaggi per il corpo

Il canto carnatico durante la gravidanza aiuta, grazie alla respirazione profonda e alla postura corretta acquisita, ad alleviare il mal di schiena, frequente soprattutto con l'avvicinarsi del parto a causa del peso del pancione; durante il travaglio emettere suoni e vocali aiuterà a sciogliere i muscoli e la tensione muscolare stessa, a mantenere le forze per spingere durante la fase espulsiva, ad accettare e dominare il dolore delle contrazioni, attenuando la tensione

Come sentire meno dolore durante il travaglio
  • I vantaggi per la mente

Utile in qualunque momento della vita il canto carnatico regala serenità e allontana le tensioni, aiuta l'individuo a rilassarsi entrando in pace e in sintonia con sè stesso; nella donna incinta il canto carnatico trasmette la possibilità  e la consapevolezza di vivere la gravidanza e il travaglio attivamente, da protagonista; la gestante diventa capace di controllare gli eventi, non subendoli passivamente ma comandandoli lei stessa

Come per qualsiasi altra tecnica di rilassamento, soltanto se sarà eseguita con costanza e consapevolezza e se sarà appresa nel modo corretto, al momento opportuno mostrerà i suoi frutti. La donna che durante la gravidanza ha frequentato un corso di canto carnatico, che ha sviluppato una propria autonomia nel canto e nella vocalizzazione e che ha appreso la tecnica corretta di espirazione e inspirazione con la giusta postura e che si è esercitata tutti i giorni, al momento del travaglio sarà in grado di gestirsi e di mettere in atto ciò che ha appreso, lasciandosi attraversare dal dolore e scaricando le tensioni, risparmiando le energie per il momento espulsivo

I corsi di canto carnatico in gravidanza

I corsi possono essere soltanto di canto carnatico o essere associati a corsi di yoga e preparazione al parto, in genere hanno una durata di circa 2 mesi e in totale si partecipa a dieci incontri. Durante questi incontri non è prevista la presenza del partner in quanto il canto carnatico prepara la donna a vivere il travaglio, evento in cui  sarà lei la protagonista e dove lei dovrà avere un ruolo attivo e decisivo.

gpt native-bottom-foglia-parto
gpt inread-parto-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-parto-0