gpt skin_web-parto-0
gpt strip1_generica-parto
gpt strip1_gpt-parto-0
1 5

La fine del parto: il secondamento

/pictures/20160420/la-fine-del-parto-il-secondamento-1781204585[1669]x[696]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-parto

Il secondamento durante il parto è la fase successiva alla nascita in cui avviene l'espulsione della placenta, detta popolarmente 'seconda' e delle membrane

Secondamento parto

Dopo aver superato nove mesi d’attesa e un certo  numero di ore in sala travaglio finalmente potete stringere tra le braccia la vostra creatura.. ma non è finita qui! Vi attende l’ultima fatica, indolore e abbastanza breve (mediamente sono necessari una ventina di minuti): l’espulsione della placenta e degli annessi fetali. Questa fase del parto si chiama secondamento.

La placenta e il cordone che hanno protetto e nutrito il feto durante i mesi di gestazione possono ora tranquillamente essere espulsi con qualche spinta e l’aiuto dell’ostetrica, anche se può accadere che il secondamento avvenga senza che la neo mamma se ne accorga.

gpt native-middle-foglia-parto

Ma cosa succede?

La placenta si separa dalla parete uterina e viene espulsa attraverso il collo dell’utero e la vagina, spontaneamente. Nel caso in cui la placenta sia parzialmente o completamente in espulsa, sarà necessario l’intervento dell’ostetrica: per facilitare il processo di espulsione quest’ultima potrà infatti esercitare una lieve pressione sul vostro ventre o decidere di somministrarvi una piccola dose di ossitocina, tramite un’iniezione nel cordone ombelicale.

E’ importante che venga controllata l’integrità della placenta espulsa, e che non vi siano residui all’interno dell’utero, in quanto potrebbero causare emorragie, infezioni o semplicemente, alla visita di controllo dei 40 giorni, farvi sottoporre ad un antipatico raschiamento.

Non spaventatevi se dovesse esserci una ingente perdita di sangue: è dovuta alla rottura dei  vasi sanguigni che hanno irrorato la placenta durante i nove mesi di gestazione. L’utero, contraendosi per tornare pian piano alla dimensione originaria, fungerà da “emostatico” limitandone comunque l’intensità.

Le quattro fasi del travaglio spiegate in dettaglio

Dopo il parto dovrete ancora “sopportare” per un po’ di giorni le lochiazioni, delle perdite ematiche simili a delle abbondanti mestruazioni, che nei primi giorni avranno un colore rosso molto vivo, che andrà via via scemando. I lochi porteranno con sé gli eventuali residui di mucosa uterina. E' proprio per le lochiazioni che vi viene chiesto di mettere nella valigia da portare in ospedale quegli assorbenti giganti post-parto, non lesinate nel loro acquisto perchè ve ne serviranno un bel pò.

Dopo di che potrete conservare l’esperienza parto nell’album dei ricordi e prepararvi anima e corpo alla meravigliosa avventura dell’essere mamme!

gpt native-bottom-foglia-parto
gpt inread-parto-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-parto-0