gpt skin_web-parto-0
gpt strip1_generica-parto
gpt strip1_gpt-parto-0
1 5

Racconti parto: l'esperienza di un'ostetrica

/pictures/20150731/racconti-parto-l-esperienza-di-un-ostetrica-137397129[1668]x[695]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-parto

L'ostetrica Barbara Colombo ci racconta il primo parto che ha assistito. Un'emozionante avventura vista da una prospettiva diversa ma altrettanto coinvolgente

Parto raccontato da un'ostetrica

Oggi voglio raccontarvi la storia e le emozioni del primo parto che ho assistito.
Sono passati ormai diversi anni, ma ricordo ancora esattamente quello che è successo quel giorno.
Finita l'università mi sono ritrovata in una sala parto con delle mie ex compagne di corso, ora toccava a noi essere in prima linea e stare con le mamme nel loro momento più difficile e più emozionante.

Era sera, intorno alle 20.00, arriva A. con il suo pancione, accompagnata dal marito. È il suo primo bimbo, è molto spaventata e non ha resistito molto a casa. Dopo un'ora dalla prima contrazione è già in ospedale. Dalla visita rilevo che il travaglio è molto iniziale, intorno ai 2-3cm. Il percorso sarà ancora lungo. Sistemiamo A. in sala parto, e io sono pronta a stare con lei per tutta la durata del travaglio. Tra una contrazione e l'altra c'è ancora molto tempo e A. riesce a riposarsi, dorme, a volte russ, riuscendo ad entrare facilmente in un sonno profondo.

Passano un paio di ore, effettuo una nuova visita e posso notare come il travaglio proceda con i suoi tempi, siamo intorno ai 5 centimetri, la bambina sta bene e quindi tutti siamo tranquilli e rilassati. Le contrazioni si fanno sempre più intense e frequenti, il riposo tra loro diminuisce, A. chiede a suo marito di massaggiarle la schiena, sente dolore nella zona lombare e allora proviamo una nuova posizione: a carponi sul lettino appoggiata alla palla, in questo modo sarà anche più facile massaggiarle la schiena. Verso le 2 del mattino si sente un piccolo rumorino...un tac, un colpo secco...si rompono le acque e A. non sa se ridere o essere spaventata di tutto quel liquido chiaro che sembra quasi pipi'.

La stanchezza di tutti inizia a farsi sentire, il marito seduto accanto a lei mentre non ha contrazioni chiude gli occhi e si appisola, ma sempre e comunque tenendole la mano. Anche io sono molto stanca, il travaglio ha i suoi tempi ma la notte è difficile stare svegli se l'unica cosa da fare è aspettare.
Arrivano le 5 e ormai per A. non c'è più tregua, le contrazioni sono ogni minuto, sono forti, senza pause e a lei viene da spingere, ma io non sento ancora bene la testa della bimba.

Il racconto di un parto in casa con lotus birth

Cambiamo nuovamente posizione, proviamo a metterci in piedi, la forza di gravità aiuterà la bimba a scendere durante la contrazione e A. accovacciandosi riuscirà a spingere meglio.
La posizone funziona, A. fa appello a tutte le sue forze e la piccolina avanza a grandi passi verso il momento della nascita. Ad un certo punto non si trova più bene in questa posizione e decide di tornare nella posizone a carponi, è così che vuole che nasca la piccola.
Nessun problema, solo per noi ostetriche cambia l'orientamento dell'assistenza ma se per la mamma è la posizione più comoda sicuramente sarà anche la più agevole per il parto. A. inizia a spingere con la contrazione, inizialmente non riesce a capire bene come coordinare il respiro ma dopo un paio di minuti tutto si aggiusta e si incastra.

Il dolore è massimo ora, non ha voluto l'epidurale e quindi ora sente i tessuti che piano piano si distendono e si dilatano. Piano piano la testa avanza, due passi in avanti, un passo indietro per non esagerare con la pressione, per non lacerare i tessuti della mamma.
Sono le 7 della mattina quando la mamma esausta esclama:"fatemi il cesareo!" risata generale, noi sappiamo che quella frase corrisponde alla nascita imminente. E infatti dopo due spinte esce la testa.

Gravidanza a rischio: il racconto del parto

Chiedo ad A. se vuole toccarla, se vuole sentire i capelli della sua bambina. Mi dice che forse le fa un po' schifo ma che lo farà, inizia a piangere di gioia e a parlare con la bambina come se fosse già nata.
Manca solo un piccolo sforzo, una spinta e una bella bambina paffuta e con tanti capelli nasce, il papà piange di gioia, la mamma anche e anche io sono davvero commossa.
Metto la bimba sulla pancia di A. per farla stare calda e iniziare il bonding tra loro. Una volta che il cordone ombelicale ha smesso di pulsare chiamo il papà che con le lacrime agli occhi e la mano tremante lo taglia.
Dopo circa 5 min esce anche la placenta, il parto si può  considerare concluso e vedere i due nuovi genitori così felici rende felice anche me.
Care mamme per una volta sono io a volervi dire grazie, ogni volta ci lasciate delle storie da raccontare, delle emozioni forti e uniche. Ogni storia, ogni parto è un'avventura meravigliosa per voi, ma anche per chi, come me, aiuta i bimbi e i genitori a venire al mondo.
 

gpt native-bottom-foglia-parto
gpt inread-parto-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-parto-0