gpt skin_web-parto-0
gpt strip1_generica-parto
gpt strip1_gpt-parto-0
1 5

I segreti delle star per dimagrire dopo il parto

/pictures/20150508/i-segreti-delle-star-per-dimagrire-dopo-il-parto-3585518967[2965]x[1236]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-parto

Come fanno le star a rimettersi in forma così presto dopo il parto? Curiosiamo un po', tra allenatori famosi e diete di ogni genere

Diete delle star dopo il parto

Il non plus ultra fu Heidi Klum che nel 2005 sfilò in intimo per Victoria's Secret sfoggiando un corpo da urlo dopo soli due mesi dalla nascita di suo figlio Henry.
Lì tutti si chiesero come avesse mai fatto a non ritrovarsi più nemmeno una grinza o un rotolino e dove avesse trovato il coraggio di mettersi in bikini per sfilare sulla passerella dopo solo due mesi dal parto.

Il suo segreto si chiama David Kirsch, personal trainer e guru della forma fisica che impegnò Heidi in un duro programma di allenamento. Heidi lavorò per due settimane seguendo una versione intensiva del programma di allenamento di Kirsch chiamato The Ultimate New York Body Plan lavorando per 90 minuti-240 minuti al giorno, impegnandosi a scolpire il ventre, le cosce, braccia e spalle.
Heidi seguì anche la dieta proposta da Kirsch che prevedeva un taglio netto ad alcol, pane bianco e carboidrati amidacei, caffè, latticini, alcuni frutti e grassi saturi. Cinque pasti al giorno caratterizzati da verdure  a basso contenuto di amido, come broccoli e cavolfiori, salmone, pollo, noci, funghi, albume d'uovo, fagioli e lenticchie, frutti di bosco.

Ecco, quindi, come fanno le Vip a dimagrire in modo così impressionante in pochi mesi dopo il parto. Per necessità professionali, indubbiamente, e grazie alla possibilità economica di potersi affidare a personal trainer e nutrizionisti all'ultimo grido.

E per le mamme "normali" Kirsch ha un consiglio: inutile fare una mezzoretta di sport al giorno, perchè non servirebbe

o fai due ore di allenamento intensivo oppure lascia perdere perchè stai perdendo il tuo tempo

Di tutt'altro avviso il trainer Rob Parr, autore del metodo Star Quality, al quale si affidò a suo tempo l'attrice Naomi Watts che voleva dimagrire dopo aver preso 15 chili durante la gravidanza.

Nessuna fretta per lei e nessuna intenzione di affamarsi con diete ferree o estenuanti sedute sportive. Naomi aveva un approccio molto rilassato e nessuna pressione quindi fece dell'esercizio fisico una routine quotidiana con allenamenti svolti soprattutto in piscina: 30-60 minuti di allenamento per un paio di volte alla settimana. Negli altri giorni un'ora di esercizi di forza e dopo un po' il jogging. Anche a tavola nessuna dieta ferrea, ma consigli di buon senso: mangiare cibo "pulito", pasti freschi senza grassi come burro o salse. Verdure al vapore, pollo alla griglia, pesce e carne magra.

E' possibile applicare questo metodo nella vita delle mamme "normali"?

Parr consiglia un allenamento in piscina per tutte perchè l'acqua è delicata sul corpo e permette di allenare tutti i muscoli contemporaneamente.

Due approcci del tutto opposti, dunque, e nel mezzo una varietà di diete e consigli dei più famosi trainer d'America.

Dimagrire dopo il parto

Come Harley Pasternak, che con i suoi programmi 5-Factor Diet e 5-Factor Fitness, aiutò Milla Jovovich a perdere i più di 30 chili presi in gravidanza: allenamenti distribuiti in 5 fasi e 5 pasti ognuno dei quali fornisce carboidrati salutari per garantire energia all'organismo, proteine a basso contenuto di grassi, grassi insaturi e una bevanda senza calorie.

Oppure come Ramona Braganza, i cui consigli aiutarono Jessica Alba a dimagrire dopo il parto con il suo programma 321 Baby Bulge Be Gone. Un sistema distribuito su tre mesi progettato per aiutare le mamme a riprendere l'esercizio fisico nei primi tre mesi.

Nella prima fase allenamenti da 20 minuti per rafforzare i muscoli principali, nella seconda fase sessioni da 40 minuti più intensivi e infine un allenamento della forza.

L'alimentazione di Jessica prevedeva tre pasti, due spuntini e almeno due litri d'acqua al giorno, utile a mantenere alta la produzione di latte. Una dieta di 1700 calorie al giorno ricca di fibre e cereali integrali, insalate, carni magre e spuntini a base di proteine.

gpt native-bottom-foglia-parto
gpt inread-parto-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-parto-0