Pianetamamma logo pianetamamma.it

1 5

Depressione post parto: l'hai avuta anche tu?

Su lungo periodo i figli completano una coppia e rafforzano la soddisfazione personale. Ma immediatamente dopo il parto la depressione può farsi sentire

In che modo l'arrivo di un bambino inlfuenza il benessere personale e di coppia?
Alcuni studi condotti negli anni scorsi hanno scoperto, ad esempio, che avere dei bambini rende più felici e allontana tristezza e depressione. E qualche ricercatore si è anche azzardato a delineare l'identikit del modello di famiglia felice, che dovrebbe avere due figlie femmine (LEGGI). Gli ultimi ad aver indagato in questo ambito sono stati i ricercatori del Max Planck Institute per la Ricerca demografica tedesco che hanno analizzato i dati relativi a 130.000 adulti, tra i quali più di 52.000 genitori per concludere che i genitori sono più felici e realizzati delle coppie senza figli, soprattutto se hanno avuto figli in tarda età. Al contrario, le coppie giovani all'inizio possono essere felici ma poi, dopo un po' di tempo, hanno maggiori rischi di entrare in crisi e andare incontro a depressione e altri disturbi (LEGGI).



SONDAGGIO: DEPRESSIONE POST PARTUM, L'HAI AVUTA ANCHE TU?




Quel che è certo è che subito dopo il parto una significativa percentuale di donne soffre di baby blues (LEGGI) o di vera e propria depressione post partum.
Si calcola che addirittura il 70-80 percento delle neomamme soffra di baby blues: è una condizione del tutto normale, i cambiamenti ormonali, le paure legate alle nuove responsabilità, il senso di inadeguatezza e la stanchezza possono essere responsabili di questo senso di tristezza e malinconia piuttosto frequente. Si piange facilmente, ci si sente stanche e apatiche e piuttosto irritabili. Niente di preoccupante, nella maggior parte delle donne questa tristezza passa in capo a qualche settimana. Giusto il tempo di adattarsi al cambiamento.


LEGGI ANCHE: Depressione post partum, conoscerla per combatterla


Ma nel 10% di queste donne la malinconia non passa, anzi peggiora. E' la depressione post parto (LEGGI).
Riconoscerla non è difficile, eppure ancora oggi si tende a sottovalutarla, a ignorarla, a far finta di niente perchè "tanto poi passa". E invece no. La tristezza si acuisce, l'irritabilità diventa cronica, si inizia a diventare insofferenti nei confronti del bambino, a ignorarne le esigenze, non si ha appetito, si ha difficoltà a dormire, si perde interesse nei confronti di ogni cosa, ci si sente stanche e apatiche.


LEGGI ANCHE: Depressione post parto, cos'è e come affrontarla


E non è finita, recenti studi si sono concentrati sui neopadri. Anche loro non sono immuni dal rischio di depressione. Ovviamente nel loro caso non c'entrano i cambiamenti ormonali ma rilevanti fattori psicologici, come la paura di non farcela economicamente oppure il timore di perdere l'intimità di coppia (LEGGI).
Secondo le ricerche si calcola che il 15% dei padri soffra di depressione, ma se la depressione ha colpito la mamma la percentuale sale al 20% e al 25% se a soffrire di questo problema sono stati entrambi i genitori.
I soggetti più a rischio sono quelli che hanno problemi di lavoro o hanno un lavoro precario: per loro il rischio di soffrire di depressione è superiore di sei volte e mezzo.

Raccontaci la tua esperienza. Anche tu hai sofferto di depressione post parto?

SONDAGGIO: DEPRESSIONE POST PARTUM, L'HAI AVUTA ANCHE TU?