gpt skin_web-parto-0
gpt strip1_generica-parto
gpt strip1_gpt-parto-0
1 5

Corpo della donna dopo il parto: cosa cambia?

/pictures/2017/09/05/corpo-della-donna-dopo-il-parto-cosa-cambia-3349138667[951]x[397]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-parto

Dopo la nascita del bambino ci guardiamo allo specchio e ci vediamo completamente trasformate. Ecco come cambia il corpo dopo il parto

Come cambia il corpo dopo il parto

Il bebè è nato e tu ti guardi allo specchio e non ti vedi più la stessa di prima. In effetti il tuo corpo, durante i nove mesi di gestazione, ha subito una trasformazione davvero epocale e si è adattato alle grandi trasformazioni che si sono rese necessarie per far crescere il bambino comodo e sano nel tuo utero. Ma come cambia il corpo dopo il parto e il fisico tornerà come prima? Proviamo a rispondere.

gpt native-middle-foglia-parto

Cambiamenti del corpo

Gli esperti dicono che in genere passa almeno un anno o 18 mesi dal parto prima di veder tornare le proprie forme come erano prima della gravidanza.

Il periodo dei cambiamenti post parto riguarda soprattutto il primo mese, mentre già dal secondo i sintomi inizieranno a diminuire.

Ecco ciò che può comunemente accadere:

  • Perdite vaginali o lochi

Come sarà la vagina dopo il parto? Dopo aver partorito si hanno delle perdite vaginali molto abbondanti. Apparentemente simili alle mestruazioni sono composte da liquidi e sangue che l’utero espelle dopo la nascita del bambino. Le perdite durano circa sei settimane e possono cambiare colore e consistenza, diventando sempre più chiare e alla fine anche giallastre.

  • Irritazione vaginale

In caso di parto naturale è normale avere irritazione vaginale dopo la nascita del bambino, soprattutto se c’è stata lacerazione o se è stata praticata l’episiotomia. Il gonfiore e l’irritazione sono dovute al cambiamento subito da tutta la zona vaginale per permettere al bambino di uscire. La situazione migliora nell’arco delle settimane dopo il parto.

  • I piedi possono cambiare numero e forma

Uno studio americano ha scoperto che la gravidanza può modificare in modo permanente il piede: in particolare alcune donne possono ritrovarsi con i piedi appiattiti (a causa soprattutto dell'eccessivo peso preso in gravidanza e della lassità delle articolazioni) o con piedi più larghi.

  • Incontinenza

Nei primi due mesi dopo il parto può accadere di avere piccoli episodi di incontinenza. Sono dovuti al rilassamento dei legamenti e dei muscoli pelvici che si sono sforzati durante la gravidanza. Si può cercare di recuperare la tonicità con esercizi di contrazione e rilassamento dei muscoli vaginali.

  • Emorroidi e stitichezza

Lo sforzo del parto naturale porta molte donne ad accusare problemi di emorroidi. Il rallentamento intestinale che in molti casi si verifica dopo il parto non aiuta a una veloce risoluzione del problema. E’ consigliabile in questo periodo curare molto l’alimentazione, mangiando frutta, verdura, alimenti ricchi di fibre e bere molta acqua.

  • Ingorghi mammari

Con l’arrivo della montata lattea poco dopo il parto e l’avvio dell’allattamento, la produzione di latte non è ancora ben regolata. In questa fase può accadere di avere ingorghi mammari. E’ consigliabile allattare il bambino a richiesta e svuotare il latte in eccesso. In caso di febbre o comparsa di altri sintomi bisogna contattare il medico.

  • Perdita dei capelli

Durante i primi mesi dopo il parto può capitare di notare una perdita dei capelli maggiore del normale. Si tratta di uno stato transitorio che il corpo recupera con il tempo. Evitare di assumere o utilizzare sostanze per i capelli che non siano compatibili con l’allattamento.

Fianchi larghi dopo il parto

Durante i nove mesi i fianchi si sono allargati sia a causa della crescente pressione dell'utero che per fare spazio al bambino, soprattutto in vista del parto. Ma dopo la gravidanza i fianchi tornano come prima? Ci vogliono almeno sei settimane prima che l'utero ritorni alle sue dimensioni originali. Le ossa del bacino torneranno come prima della gravidanza nel giro di qualche mese, tuttavia alcuni accumuli adiposi possono concentrarsi proprio sui fianchi e sul ventre e solo una dieta corretta e una regolare attività fisica potrà aiutarci ad eliminare il grasso localizzato.

Rieducazione del perineo dopo il parto

Gonfiore alle gambe

Subito dopo il parto alcune donne possono accusare gonfiore soprattutto nella zona del viso e delle gambe. Si tratta di una situazione che tende a scomparire nelle settimane successive al parto. Per alleviare i sintomi soprattutto da gambe gonfie si può cercare di tenerle alzate in modo da favorire la circolazione, fare pediluvi con acqua fresca e sale o con oli essenziali e praticare regolarmente un massaggio linfodrenante che parte dalle caviglie e risale fino all'interno coscia.

Cambiamenti ormonali dopo il parto

Durante la gravidanza il livello di alcuni specifici ormoni aumenta esponenzialmente. Si tratta soprattutto degli estrogeni e dei progestinici. Dopo il parto il livello di questi ormoni crolla improvvisamente ritornando ai valori pre-gravidanza. E insieme a questi cambiano anche altri ormoni, come quelli tiroidei, il cortisolo, la prolattina. Una vera e propria tempesta ormonale che si verifica nei primi giorni dopo il parto e che può certamente influenzare l'umore. Per questo le neomamme possono sperimentare una certa irritabilità, malinconia, tristezza e cambiamenti d'umore nei primi giorni dopo il parto: è il cosiddetto baby blues, un fenomeno del tutto normale che poi passa spontaneamente non appena l'equilibrio ormonale viene ristabilito e la neomamma si è abituata ai nuovi ritmi di vita.

Ritenzione idrica dopo la gravidanza

Ritrovarsi con la ritenzione idrica e la classica “pelle a buccia d'arancia” dopo il parto è un problema comune a molte neomamme. Oltre agli accumuli adiposi e ai problemi di circolazione, gioca un ruolo importante anche la prolattina che aumenta la ritenzione idrica a livello di cosce, glutei e fianchi. Cosa fare? Naturalmente valgono i consigli che ben conosciamo:

  • bere due litri d'acqua al giorno;
  • mangiare frutta e verdura;
  • fare attività fisica regolare;
  • limitare il consumo di sale.

Ma può essere utilissimo anche un ciclo di linfodrenaggio manuale con oli essenziali come melissa o cipresso, che favoriscono lo svuotamento dei vasi linfatici.

Testimonianze delle mamme

Sei donne hanno accettato di raccontare al quotidiano britannico Daily Mail come è cambiato il loro corpo dopo il parto e hanno anche coraggiosamente accettato di farsi fotografare in indumenti intimi, senza pudore né imbarazzo, per testimoniare che il corpo femminile, soprattutto quando ha dato la vita a un altro essere umano, è bellissimo sempre.

Natalie, 26 anni, mamma da diciotto mesi. Sua madre soffre di smagliature e quindi si aspettava che sarebbe capitata anche a lei, ma certamente non si aspettava di veder comparire le smagliature su tutta la pancia su fino al seno e poi anche sulle braccia e sul seno. La comparsa delle smagliature ha avuto inizio intorno al quarto mese e poi è cresciuta per tutta la gravidanza, ma i problemi sono continuati anche dopo il parto, quando Natalie ha perso molti chili troppo in fretta e ciò ha peggiorato la situazione.

  • Il suo commento? "Non ho tempo di andare in palestra e non posso stare a dieta tutta la vita, le smagliature sono il segno visibile sul mio corpo della mia maternità"

Amiee, 22 anni, mamma da nove mesi. Prima della gravidanza portava una sesta di reggiseno e il suo seno era florido e sodo. Un grande motivo di vanto e bellezza per lei. Dopo una gravidanza difficile e un parto prematuro ha cominciato ad allattare ma una mastite ricorrente le ha letteralmente trasformato il seno. Quando ha smesso di allattare i suoi seni erano flaccidi e portava una terza scarsa di reggiseno.

  • Il suo commento: "Essere privata del mio seno di prima mi fa sentire menomata, sto risparmiando 5600 sterile per sottoporsi  a un intervento di chirurgia plastica".

Jessica, 20 anni, mamma da tre mesi. All'inizio della gravidanza era decisamente in sovrappeso e portava una taglia 50. Oggi porta una 42. Quando ha scoperto di essere incinta Jessica aveva appena deciso di iniziare una dieta, quando ha saputo che aspettava un bambino ha sospeso la dieta ma ha comunque deciso di mangiare poco e solo alimenti sani e possibilmente naturali. Una fissazione? Forse, visto che durante i nove mesi invece che ingrassare è dimagrita notevolmente. Nonostante questo i medici le hanno detto di non preoccuparsi. Dopo il parto il suo seno aveva messo due taglie e il suo peso era diminuito sensibilmente.

  • Il suo commento: "so che qualcuno mi reputa molto fortunata, ma mi sento molto strana in questi nuovi panni e mi preoccupa il fatto che l'appetito non mi sia ancora tornato come prima".

Natalia, 37 anni, mamma da 15 mesi. Prima della gravidanza era magra e aveva pancia piatta e gambe sode. Oggi le sue cosce e i suoi fianchi sono pieni di cellulite. Una donna molto dinamica, Natalia, prima della gravidanza andava regolarmente in palestra e il suo corpo era invidiabile. Durante la gravidanza, pur senza ingrassare troppo, ha sviluppato la cellulite  e ancora oggi, nonostante usi creme costose, la situazione non è affatto migliorata e non ha energia e tempo per tornare in palestra come prima.

  • Il suo commento: "quando mio marito mi vede giù a causa del mio nuovo corpo mi ripete che è bellissimo perchè è grazie a lui che abbiamo nostro figlio".

Rachel, 30 anni, mamma di tre figli, l'ultimo dei quali ha un anno. Tre figli in cinque anni per Rachel e le ultime due gravidanze sono state molto difficili e si sono concluse con un taglio cesareo. Il suo corpo porta i segni evidenti dei suoi parti. Una cicatrice ancora oggi rossa e livida che le fa male e le da fastidio e soprattutto una pancia molle e flaccida, fianchi larghi e due taglie in più.

  • Il suo commento: "temo che il rapporto con mio marito ne risenta, ancora non riesco a convivere con il mio corpo e spesso resto in pigiama"

Aoife, 27 anni, mamma da 22 mesi. Durante la gravidanza ha messo su pochissimi chili tanto che, nascosta sotto i vestiti la sua pancia non si è vista fino al sesto mese. Ma dopo il parto la pancia flaccida e molle l'ha sconvolta e soprattutto ha sviluppato un'infiammazione al nervo sciatico che le ha impedito di muoversi e prendere in braccio suo figlio. secondo il suo medico soffriva anche di depressione post parto. Oggi va molto meglio, è rientrata nei suoi vestiti di prima e si vede bella.

  • Il suo commento: "faccio yoga una volta alla settimana, passeggio ogni giorno e mi sono iscritta a un circolo di jogging. Non ho lo stesso tono muscolare di prima ma non ho fretta e mi sento in pace con il mio corpo".
gpt native-bottom-foglia-parto
gpt inread-parto-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-parto-0