gpt skin_web-parto-0
gpt strip1_generica-parto
gpt strip1_gpt-parto-0
1 5

Allattamento e pillola anticoncezionale, tutto quello che si deve sapere

/pictures/20150209/allattamento-e-pillola-anticoncezionale-tutto-quello-che-si-deve-sapere-2414267840[3621]x[1506]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-parto

Molte neomamme che allattano sono indecise se prendere la pillola dopo il parto e temono di creare problemi al bambino: ecco perché possono stare tranquille

Allattamento e pillola anticoncezionale

Il momento dell'allattamento  è molto delicato per le mamme. Si cerca di stare attente a quello che si mangia per evitare fastidi nei neonati.

Ma per quanto riguarda la pillola anticoncezionale come ci si deve comportare? Molti ginecologi dopo il parto consigliano l'assunzione di una pillola anticoncezionale per evitare una gravidanza immediata, soprattutto per le donne che hanno dovuto partorire con il cesareo.

gpt native-middle-foglia-parto


A questo punto però a molte neomamme sorge un dubbio: la pillola non farà male al bambino? E spesso le rassicurazioni del ginecologo non servono a molto. Ovviamente non potrete prendere la pillola che, magari, assumevate prima, ma dovete farvi prescrivere una pillola di terza generazione, che è più leggera rispetto alle altre e non crea problemi nel bambino.

Sicuramente il ginecologo vi saprà consigliare la pillola giusta da assumere tranquillamente anche se state allattando al seno il vostro bambino. Anche perché durante l'allattamento, anche se il ciclo ancora non vi è tornato, potreste lo stesso restare incinte. E se volete evitare di avere una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto, la pillola è la soluzione più sicura.

Allattamento e ciclo mestruale, informazioni utili

Una delle pillole più utilizzate dalle mamme che allattano è Cerazette, che contiene solo desogestrel, un progestinico di terza generazione, ed è conosciuta anche come la "mini pillola". La sua composizione la rende infatti compatibile con l'allattamento.

Alle neomamme viene quindi prescritta la minipillola, che non contiene estrogeno ma solo progestinico. Si tratta di una pillola che elimina l'ovulazione. E come la pillola tradizionale, deve essere assunta ogni giorno alla stessa ora. L'unica differenza è che non si deve fare la pausa di una settimana tra un ciclo e l'altro, in quanto la minipillola blocca completamente il ciclo mestruale. Potrebbero esserci delle lievi perdite durante il suo utilizzo, ma si tratta solo di spotting.



Dopo il parto si può iniziare ad assumere questa pillola già a partire dal 21° giorno. La pillola non influisce negativamente sulla qualità e quantità del latte materno e non interagisce in alcun modo sul sano sviluppo corporeo del bambino. Quindi le neomamme che vogliono ricominciare ad avere rapporti con il proprio compagno e vogliono evitare una nuova gravidanza possono stare tranquille.

gpt native-bottom-foglia-parto
gpt inread-parto-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-parto-0