gpt skin_web-parto-0
gpt strip1_generica-parto
gpt strip1_gpt-parto-0
1 5

Inaugurata la culla termica per i bambini abbandonati

L'Ospedale Careggi di Firenze ha inaugurato una culla termica per tutte le neomamme che non vogliono tenere i loro bambini, in modo da non farli abbandonare in mezzo alla strada

Sono ancora troppe le donne che decidono di abbandonare i propri figli dopo la nascita. E spesso lo fanno in luoghi non adatti ad un bambino così piccolo. Così l'Ospedale Careggi di Firenze ha inaugurato una culla termica, che si trova in un'area protetta dell'ospedale stesso. Qui le donne che hanno appena avuto un bambino e che decidono di non tenerlo, possono metterli in questa speciale culla per far in modo che siano adottati da una famiglia che li possa crescere.



LEGGI ANCHE: AdottAMI, nasce la banca regionale delle adozioni



I bambini possono essere lasciati nella culla in modo totalmente anonimo. Ed almeno si può stare sicuri che qui saranno subito presi da personale specializzato e non rischieranno di prendere freddo o di incorrere in qualsiasi altro problema. La culla è dotata di sensori, che segnalano la presenza o meno di un neonato, ed è costantemente videosorvegliata da un controllo remoto.



LEGGI ANCHE: Storia di una adozione, crederci sempre arrendersi mai



"In corrispondenza dell'accesso esterno alla struttura sono presenti una tapparella automatica termo-isolata, un citofono di comunicazione collegato con il reparto di terapia intensiva neonatale e un pulsante di comando". Premendo il pulsante, la tapparella si alza e la madre può posare il neonato nella culla. Subito dopo la tapparella si chiude, in modo che il bambino resti al caldo ed al sicuro, in attesa che il personale specializzato dell'ospedale, subito allertato, accorra a prenderlo.







Un allarme acustico, infatti, avvisa il personale medico della presenza del bambino, che può essere subito portato nel reparto di terapia intensiva o neonatologia per tutti gli adeguati accertamenti e le cure del caso. Il bambino può così essere ricoverato come "neonato non riconosciuto" e vengono subito avviate le pratiche per l'adozione.
gpt native-bottom-foglia-parto
gpt inread-parto-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-parto-0