Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-parto
1 5

Il parto indotto

Il parto indotto è una tecnica ostetrica di immenso valore perchè consente di far nascere il bambino senza indugi quando si verifica la necessità, quando il travaglio non è efficace e senza ricorrere al cesareo

adsense-foglia-300
di  Anna Capitanio

Il parto indotto è una tecnica ostetrica di immenso valore perchè consente di far nascere il bambino senza indugi quando si verifica la necessità, quando il travaglio non è efficace e senza ricorrere al cesareo (LEGGI). Il parto può essere indotto prima del termine in caso di cattivo funzionamento della placenta che causa un arresto della crescita del bambino o in caso di patologie che affliggono la partoriente come la pre-eclampsia (LEGGI) o i sintomi principali ad essa imputati.


LEGGI ANCHE: Parto cesareo a richiesta: è possibile farlo?


Il parto può essere anche indotto oltre il termine, infatti è consuetudine procedere all'induzione circa 8-10 giorni dopo il termine (40 settimane compiute di gestazione) anche se in realtà del 12% dei bambini che nascono oltre il termine solo un 1% presenta segni di post-maturità e questo dato porta a pensare che la spiegazione di questi ritardi risieda in un errore di calcolo in merito all'inizio della gravidanza (LEGGI).


LEGGI ANCHE: Partorire con l'epidurale, un miraggio per la maggior parte delle italiane


Sostanzialmente le tecniche utilizzate per l'induzione sono riconducibili a quattro:
- DISTACCO DELLE MEMBRANE che consiste nell'allontanare manualmente le membrane dalla cervice lasciandole intatte
- ROTTURA ARTIFICIALE DELLE MEMBRANE che si esegue tramite una sorta di uncino. Questa pratica è indolore e solitamente vi si ricorre quando la cervice ha già cominciato il suo processo di dilatazione
- GEL DI PROSTAGLANDINE che consiste nell'introduzione di candelette vaginali all'interno dell'utero; nonostante a volte questa pratica non scateni l'inizio del travaglio consente l'ammorbidimento di una cervice ancora ben chiusa agevolando la dilatazione con l'impiego dell'ossitocina (LEGGI).



- L'ultima tecnica è per l'appunto quella che prevede l'utilizzo di una fleboclisi di OSSITOCINA. Spesso prima di procedere con tale flebo che consiste nell'inserimento di una canula in un braccio o in una mano si immette nel sangue una soluzione di glucosio. L'ossitocina agisce stimolando le contrazioni (LEGGI) e rendendole più efficaci nel processo di dilatazione