Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-parto
1 5

Libri: Manuale del parto attivo

In affiancamento al corso preparto si possono leggere alcuni testi utili a spiegare i meccanismi del parto; tra questi abbiamo scelto di presentarvi il "Manuale del parto attivo" di Janet Balaskas

adsense-foglia-300
manuale-parto-attivoIl momento del parto rappresenta un grosso punto interrogativo per le primipare; e l'ignoranza circa le varie fasi del processo è terreno fertile per lo svilupparsi di false convinzioni e paure irrazionali. Una delle armi più efficaci per combattere ansie del tutto comprensibili è frequentare un buon corso di preparazione al parto, affidandosi ai consigli di una professionista piuttosto che ascoltare i racconti "splatter" di amiche e parenti già mamme che amano indugiare in particolari degni di un film di Tarantino. Ma, in affiancamento al corso, si possono leggere alcuni testi utili a spiegare i meccanismi del parto; tra questi abbiamo scelto di presentarvi il "Manuale del parto attivo" di Janet Balaskas.

Come indicato nella prefazione, il testo "si rivolge a tutte le donne che desiderano accrescere la propria consapevolezza e utilizzare attivamente il proprio corpo durante il travaglio". Sì perché, secondo l'autrice, una delle cause più comune dei "parti splatter" di cui sopra è proprio una routine ospedaliera che considera la donna incinta come una "malata" costretta all'immobilità e passiva nei confronti dell'evento naturale che la sta travolgendo. Routine che, peraltro, sembra andare contro una pratica millenaria che ha visto la donna, nei secoli passati e nelle culture più diverse, essere assolutamente attiva nel momento del parto e accompagnare la nascita del bambino assecondando il proprio corpo e la natura stessa. La posizione orizzontale della donna che partorisce sdraiata sembra quasi il simbolo dell'atteggiamento condannato dall'autrice; principi fisici come la forza di gravità fanno sì che partorire in posizione eretta (seduta o accovacciata) e muovendosi riduca di molto i dolori del parto e il rischio di lacerazioni, accelerando il travaglio, rendendo le contrazioni più frequenti e regolari e ottimizzando l'apertura della cervice.

"Partorire in modo attivo significa stare in piedi, camminare, sedersi, inginocchiarsi, accovacciarsi e mettersi nella posizione eretta preferita nella fase iniziale del travaglio. All'avvicinarsi della fase espulsiva, o secondo periodo del travaglio, e fino alla nascita del bambino compresa, si prenderà una naturale posizione espulsiva, per esempio accovacciando, sedendosi o stando in ginocchio, sia rimanendo verticali, sia appoggiandosi su mani e ginocchia."

La donna deve quindi essere attiva: ma questo può risultare difficile visto che lo stile di vita dei nostri tempi ci porta spesso a irrigidire la nostra postura a causa della diffusione di professioni statiche e sedentarie. A questo proposito l'autrice propone una serie di semplici esercizi di stretching che stimolano proprio quei muscoli e quelle articolazioni che facilmente entreranno in gioco al momento del parto. Gli esercizi vanno svolti durante tutto l'arco della gravidanza, e si rivelano piuttosto utili anche a combattere alcuni sintomi fastidiosi di questo periodo, come crampi e mal di schiena. Nell'ultimo capitolo "Dopo il parto" l'autrice propone altri esercizi per tornare in forma una volta diventate mamme. Nel capitolo centrale, dedicato al momento del parto, il libro si dilunga in una dettagliata esposizione di tutti gli aspetti da tenere in considerazione, dalla scelta del luogo agli oggetti utili da portare con se'; molto importante e dettagliata è l'esposizione delle varie fasi del travaglio, in cui si descrive non solo quello che avviene nel nostro corpo, ma anche quali sono le sensazioni, gli effetti e le posizioni più comode da tenere durante i vari momenti.

Il "Manuale del parto attivo" è insomma un testo sicuramente utile quantomeno per vivere il parto con la massima consapevolezza, senza falsi timori o imbarazzi nei confronti del proprio corpo, e senza essere costrette ad affidarsi solo all'istinto, ma possedendo un'informazione dettagliata e completa

Laura Losito