PianetaDonna

Cesareo? Una bella esperienza

Ho “subito” un cesareo d urgenza alla 40 settimana per riduzione dei movimenti della mia piccolina. Appena il medico mi ha comunicato della necessità di tagliare ho avuto paura per la bambina eun pò per me…ma dopo un ora mi trovavo in sala operatoria circondata dalla gentilezza di ostertriche, anestesista ed da ultimo del ginecologo. Come primo parto me lo aspettavo diverso, naturale ad essere sincera, ma oggi che sono passati 45 giorni dalla nasciata della mia bambina non rimpiango niente. La mattina dopo dopo avermi tolto il catetere e lavata mi sono alzata, certonon riuscivo a camminare dritta un pò per il dolore ed un pò per l’aria ma ogni giorno stavo meglio e al momento della dimissione stavo dritta! I dolori ci sono stati soprattutto per salire e scendere dal letto ( per fortuna ho scelto un ospedale dove non fanno il room-ing! ) ma ho allattato fin da subito e grazie alle cure che mi sono state date ( antidolorifici, metergin e calciparina ma solo fino al giorno della dimissione ) sono tornata a casa un pò dolorante ma senza troppi problemi. ad oggi, a fine giornata, continuo ancora a sentire i punti di sutura interni ma partendo dal presupposto che ho subito un operazione, che il mio utero è stato tagliato e lo stesso la mia pella tenuta insieme con 12 grappette per oltre una settimana non posso lamentarmi! :D e poi la mia bambina è nata serena e senza traumi e soprattutto senza sofferenze fetale come potevano presupporre dal monitoraggio piatto. appena uscita fuori ha inziato subito a muoversi … l ho sempre creduta pigra perchè anche durante la gravidanza scalciava poco ma oggi che è a casa, che sta crescendo non posso definirla una bambina pigra, anzi!
L’esperienza del parto cesareo è soggettiva come quella del parto naturale e credo che molto faccia l’ospedale, la competenza dei medici nell’eseguire un “taglia e cuci” e delle ostetriche soprattutto nei giorni post – operazione! :D
Auguri a tutte noi mamme!

Racconto tratto dal forum

Ti è piaciuto questo articolo? Seguici su Facebook!

<
9 Commenti

9 risposte a “Cesareo? Una bella esperienza”

  1. sylvie dice:

    28 apr 2011 alle 11:01

    lunedi mattina cesareo programmato………. spero tutto bene…..

  2. Sharon dice:

    28 apr 2011 alle 11:33

    Il mio è stato molto più traumatico, forse anche perchè ho partorito due gemelli, ma come fa notare qs mamma, anche secondo me dipende molto dalle infermiere/medici dopo l’operazione. A me x il dolore davano la Tachipirina… Son tornata a casa e non riuscivo a stare dritta x 5 min consecutivi…. Mai più in vita mia!!!!! Esperienza negativa e bocciata in toto!!

  3. Mayetta dice:

    28 apr 2011 alle 13:14

    Io ho avuto un parto naturale….e ringrazio Dio di questo! Sono sempre stata contraria al cesareo forse xkè adesso ( non nel tuo caso) lo si fa x non soffrire e x avere un fisico subito bello a distanza di un mese dalla nascita del bambino! Mio figlio ora ha 8 mesi e adesso sto pian piano riprendendo le mie ” vecchie forme” , dopo averlo allattato al seno e dopo 13 ore di travaglio……posso solo che essere contenta….e x il prossimo o prossima ( se Dio vorrà) mi auguro che farò lo stesso percorso che ho fatto con il primo!

  4. valentina dice:

    28 apr 2011 alle 20:08

    guarda mayetta io ho fatto il cesareo (obbligato, non per scelta) ed é esattamente il contrario: ci si recupera fisicamente molto prima con un parto naturale. Mi pare offensivo e poco sensibile fare quest’osservazione a persone (come me) che hanno “subito” il cesareo, sebbene sia stata un’esperienza buona anche la mia e “poco” dolorosa. anche io ho allattato 20 mesi (fino 3 settimane fa) e appena ora comincio a recuperare le mie forme, che cmq non saranno quelle di prima visto che la tonicitá della pancia (anche grazie all’operazione) non esiste piú. Ma va bene lo stesso. Credo che per scegliere un’operazione invece che un’esperienza naturale bisogna essere un po’ suonate e francamente non conosco nessuna che l’abbia fatto potendo avere un parto naturale. mah, mi lascia molto perplessa il tono che usi e le tue osservazioni…scusa ma mi sento molto tirata in causa visto la tristezza che mi ha causato non poter avere un parto naturale e dovermi pure fare trattare come fossi una scema superficiale velina da mamme che hanno avuto la fortuna di farlo naturale. ciao

  5. valentina dice:

    28 apr 2011 alle 20:10

    PS: senza rancore, che magari mi sono infervorata…

    PS2: dopo 24 ore di podromi e 8 di travaglio indotto molto duro pure per me il cesareo é stata una (relativa) passeggiata ;-)

  6. Giorgia dice:

    02 mag 2011 alle 11:36

    Ho avuto un oarto cesareo alla 34+3 di tre gemelli dizigoti. L’ospedale e il mio ginecologo (che tra l’altro li ha fatti nascere) sono stati molto competenti e molto comprensivi con me. Mi sono sempre sentita sicura e tranquilla (a parte l’anestesia che mi terrorizza). Mi hanno fatto la spinale perciò ho persino potuto vederli subito dopo la nascita e salutarli. Nel post parto sono stata molto seguita. Cono d’accordo sul fatto che molto dipende dall’ospedale e dai medici.
    IO per esempio ho avuto un’esperienza poco positiva con il nido del reparto dove mi hanno lasciata sola nel momento della montata lattea che ho poi perso, mentre la neonatologia mi ha sostenuta e aiutata sempre. Da loro ho imparato tutto e se fossi riuscita a stare in piedi da subito sono convinta che mi avrebbero sicuramente insegnato il modo giusto di allattare senza perdere il latte…..

  7. sylvie dice:

    18 mag 2011 alle 14:34

    bè ora posso dire che è andato tutto bene, io a 15 gg dal parto non ho piu’ dolori ne alla cicatrice esterna (19 graffette ma è venuta benissimo, una fessurina) ne tanto meno ai punti interni….. e allattando sento il mio utero contrarsi tranquillamente!
    concordo in pieno che fanno tanto i medici l’assistenza e il luogo in cui ci si trova!

  8. maria antonietta dice:

    18 mar 2013 alle 17:00

    io ho avuto 2 cesarei in 2 anni e mezzo e’ stata un’ esperienza bellissima ho avuto anche io i miei dolori ma lo rifarei ,ho avuto 35 punti esterni e 37 per l’altra ma non so quanti ne ho avuti interni ho allattato per 3 anni la piccolina e solo con il mio latte ,w. il cesareo

  9. francesca dice:

    26 mar 2013 alle 15:49

    Io ho avuto la fortuna di poter partorire naturalmente la mia prima figlia. Per miomectomia uterina per il secondo bimbo ho dovuto fare il cesareo neanche una settimana fa. Il cesareo è un intervento chirurgico con tutte le sue conseguenze. Prima cosa, purtroppo si perde la poesia sia del travaglio sia del parto naturale. IL partner è fuori in attesa del pupo che puoi abbracciare solo un’oretta più tardi. Fortunatamente con la spinale ho potuto vederlo e accarezzarlo qualche minuto ma poi è stato portato via. L’ospedale dove ho partorito fa il bonding quindi bimbo nudo in braccio al babbo e subito dopo a me. Nonostante tutto, ho potuto tenerlo sul mio seno quasi tutta la notte…..
    L’indomani via il catetere e subito in piedi anche se dolorante…. l’incubo è stata l’aria che per 3 gg non si è presentata quindi flebo attaccate 24 su 24 e niente mangiare, questa cosa col parto naturale non succede. Dopo il parto torni in camera a piedi e mangi dopo un’ora, senza considerare il fatto che il pupo te lo godi sin da subito… Va beh, l’importante è che sia andata bene. HO avuto la montata lattea il secondo giorno, regolari contrazioni con l’allattamento al seno e gioia meravigliosa stringendo il mio cucciolo. Continuo a sostenere che il parto sia naturale e come tale dovrebbe essere vissuto. IN alcuni casi va bene ricorrere al cesareo ma come ultima spiaggia, è pur sempre un’operazione all’addome con tutti i rischi connessi.


Lascia un commento