PianetaDonna

Piange quando lo lascio all’asilo

Il mio bimbo piange disperato quando lo lascio alla scuola dell’infanzia ha iniziato da un mese e più’ intervallato da tre giorni e poi quattro di febbre, lui ha appena 2 anni e 9 mesi cosa mi consigliate di fare io sono molto dispiaciuta anche perché lui è un bambino solare allegro e socializza con tutti ma a scuola non ne vuole sapere e rifiuta tutti anche la maestra e in più si è ancora più attaccato a me cosa posso fare per farlo stare meglio…aiutatemiiiiiiiiiiiiiiii

Immagino sia il primo inserimento che il suo bambino si trova a “subire” e che sia la prima vera separazione da lei.
Il momento del distacco dalla mamma, in genere verso i due anni e mezzo se il bambino non ha frequentato prima il nido, è un momento molto delicato. Mamma e bambino, precedentemente, hanno condiviso gran parte del loro tempo, dei giochi e degli
affetti; il bimbo è al centro dell’attenzione dei genitori e dell’ambiente familiare in generale. Soprattutto non deve contendersi con nessuno l’attenzione, l’amore, la disponibilità dell’adulto di riferimento.

L’ingresso a scuola determina, necessariamente, un rimaneggiamento di tutto ciò: tanti bambini hanno a disposizione pochi adulti e dei giochi da spartirsi. Come se non bastasse, entrare in un gruppo è di per sé un momento stressante; può accadere che inizialmente un bambino regredisca e recuperi modalità di comportamento che aveva già abbandonato (ciuccio, pannolino, ecc).

A complicare ulteriormente le cose ci sono le malattie intercorrenti a cui i bambini al primo inserimento sono esposti; la presenza discontinua a scuola rende ogni ritorno dopo la convalescenza simile al primo giorno e riattiva lo stesso disagio emotivo.
Tutto ciò non la deve scoraggiare.

Cerchi di capire se l’ambiente scolastico le sembra affidabile, parli con le insegnanti per concordare con loro un comportamento coerente al momento dell’ingresso e dell’uscita.Dica al suo bambino che ora è dispiaciuto di dover lasciare la mamma per andare a scuola ma fra poco, quando conoscerà meglio le maestre e si sarà fatto gli amichetti, sarà più contento. Gli dica che tutti i bimbi vanno a scuola mentre le mamme vanno al lavoro; impieghi del tempo per dirgli che lei, mentre lavora, lo pensa e si chiede: cosa starà facendo? Con chi starà giocando? Se possibile nomini i bambini della classe e anche i cuginetti o figli di amici che vanno a scuola come lui, per farlo sentire meno solo.

Il fatto che lei lo descriva come un bambino socievole fa pensare che sia una fase fisiologica. Abbia pazienza e sia solidale con il timore di suo figlio di perdere l’amore della mamma; gli dica che resta sempre il suo cucciolo anche se va a scuola. Quando le mamme si tranquillizzano sul fatto che, mandandoli a scuola, non stanno infliggendo ai figli una inutile sofferenza ma gli stanno porgendo la realtà (extrafamiliare) a piccole dosi (tollerabili per la fase di sviluppo che essi stanno attraversando), allora i bambini potranno separarsi tranquillamente.

Rientra tutto nella normalità ma ci vuole disponibilità emotiva verso i sentimenti di abbandono dei bambini e pazienza verso le loro manifestazioni di rabbia.

Ti è piaciuto questo articolo? Seguici su Facebook!

<
4 Commenti

4 risposte a “Piange quando lo lascio all’asilo”

  1. Pequena dice:

    28 nov 2011 alle 12:10

    Anche la mia bambina di 3 anni ha patito molto l’inserimento alla materna ma poi si è abituata. Adesso le diciamo sempre di fare un disegno per noi mentre è a scuola e abbiamo visto che questo la tranquillizza. Appena arrivata prepara i disegni per me e suo padre e poi si lascia prendere dalle varie attività, quando arriviamo ci porge ogni giorno orgogliosa i disegni che ha fatto per noi. Le maestre mi hanno detto che questa cosa l’aiuta.

  2. sara dice:

    30 nov 2011 alle 00:03

    elettra ci ha messo quasi un anno per smettere di piangere quando la portavo all’asilo!
    la lasciavo in lacrime in braccio alla maestra stretta nel suo cuscinetto…
    come mettevo piede fuori dalla scuola iniziavo a piangere pure io!!!
    ma non mi sono mai fatta vedere triste o accondiscendente….
    le ho sempre dipinto l’asilo come un posto bello,dove poter giocare con altri bambini…
    un posto in cui lei comunque doveva andare, come il babbo che va al lavoro…
    l’ho buttata sul piacere/dovere……
    ed ha funzionato!!!!
    c’è voluto taaaaaaaaaaaaaaaaanto,ma alla fine ha funzionato!
    a settembre ha iniziato il secondo anno, ora ha 4 anni….
    quando la porto mi saluta allegra e corre a giocare con gli amichetti….
    ha sempre il suo cuscino, ma lo molla dopo qualche minuto e lo mette nell’armadietto dove io lo ritrovo quando vado a riprenderla…
    ci sono passta e di brutto,credimi!!
    quindi ti capisco!
    ma passerà, vedrai….
    ci vuole pazienza e taaaaaaaaaaanta forza d’animo!
    ma alla fine verrai ripagata!!!!
    in bocca al lupo!!!

  3. annalisa dice:

    27 gen 2012 alle 13:00

    io sono mamma di Marco che ha tre anni e mezzo è dall’inizio della scuola materna che lo lascio che piange e a dire il vero mi rattristo anche io ma cerco di essere forte e non farmi vedere da lui! le maestre dicono che smette praticamente subito!!!! è dura ma devo insistere per lui xchè so che serve per farlo crescere!! ps. spero passi presto!

  4. Luna dice:

    15 ott 2012 alle 12:26

    Io sono una Mamma di un maschietto di 2 anni e tre mesi. Mio figlio va all’asilo privato già da quando aveva 14 mesi. Non ha mai avuto problemi fin dal primo giorno, è molto socievole e sta con tutti. Quest’anno però sto avendo problemi, quando lo accompagno piange ma poi la maestra mi dice che appena vado via smette. Quando lo vado a prendere gli chiedo, visto che ora parla quindi possiamo comunicare, tutto ok? Come sono le maestre ecc ecc e lui mi risponde tutto ok, ha giocato ecc. Mi chied come è possibile che ora sta facendo questi capricci? Visto che poi li sta bene e gioca io lo vedo quando lo vado a prendere.La prego mi dia un consiglio attendo una sua risposta.


Lascia un commento