gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

I diritti dei nonni ad avere "rapporti significativi" con i nipoti

I nonni hanno diritto ad avere "rapporti significativi" con i nipoti: tra le norme del decreto legislativo, in tema di filiazione, approvato dal Consiglio dei Ministri

Diritto dei nonni a vedere i nipoti

Dopo l'approvazione del nuovo decreto legislativo secondo il quale tutti i figli, anche quelli nati in una "famiglia di fatto",
sono equiparati davanti alla legge, arriva un'altra importante norma che farà felici soprattutto i nonni.


Stessi diritti per i figli naturali e figli legittimi


Niente più aggettivi discriminanti "naturali e legittimi" e più diritti per i nonni ad avere "rapporti significativi" con i propri nipoti. E qualora questo diritto non venga garantito, potranno anche rivolgersi ad un giudice e far condannare i genitori. Una vera e propria posizione di privilegio che, per fare un pò di ironia, non farà piacere a chi segue con passione il nostro blog "nuore contro suocere" e quindi a tutte quelle mamme che non hanno un ottimo rapporto con i genitori del proprio compagno/marito.
 

decreto-figli-infografica_2



Ma ritornando alla legge, la norma direbbe che il giudice competente sarà quello del luogo di residenza abituale del minore. Quest’ultimo dovrà sempre valutare la compatibilità delle richieste del nonno con gli interessi del minore. E se le domande dei nonni rappresenteranno un danno per il bambino, non potranno essere accolte; in altre parole l'interesse del minore verrà prima di tutto.


Differenze tra figli illeggitimi, legittimi e naturali


Inoltre i nonni potranno godere di questo diritto solo finchè i nipoti saranno minorenni. In effetti una volta che avranno raggiunto la maggiore età, saranno loro a decidere se avere o meno contatti  con i nonni e in che misura. Inoltre nello stesso decreto ci sarebbero nuove norme in tema di filiazione e successione. Nel recepire la giurisprudenza della Corte Costituzionale e della Corte di Cassazione, il Cdm avrebbe deciso, con il decreto, di limitare a cinque anni dalla nascita il termine per proporre l'azione di disconoscimento della paternità. Mentre il termine di prescrizione per l'accettazione dell'eredità per i figli nati fuori dal matrimonio è di dieci anni. Sostituita la nozione di 'potesta' genitoriale' con quella di 'responsabilita' genitoriale, concetto più ampio e profondo. Modificate anche le norme in tema di affidamento dei figli e ascolto del minore

Fonte Credits| La legge per tutti
 

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0