gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Una mamma adotta 50 bambini finti

Alice Winstone, madre di 5 bambini, per ragioni di salute non può sostenere un’altra gravidanza. La donna ha deciso di adottare 50 bambole-neonato da tenere in casa con lei e la famiglia

Ci sono mamme che si accontentano di avere un solo figlio ed altre che vorrebbero vivere constantemente la gioia di avere un neonato di cui prendersi cura e coccolare. Neanche l'età, la crisi o una malattia riesce a distoglierle dal loro desiderio di maternità (LEGGI) e sono pronte a tutto pur di avere un bambino. E' il caso Alice Winstone, madre di 5 bambini, a cui è stato detto che per ragioni di salute non avrebbe potuto sostenere un’altra gravidanza. La 39enne però non ha rinunciato al suo sogno e alla sua necessità di accudire bebè, così ha deciso di spendere migliaia di sterline e comprare delle bambole-neonato da tenere in casa con lei e la famiglia.



LEGGI ANCHE: I Reborn: le bambole che sembrano bambini veri




Alice ha speso più di 12.000 sterline per comprare 50 bambole (LEGGI) che riproducono fedelmente dei neonati (chiamate in Inghilterra "Reborn dolls"), anche se 3 dei 5 figli siano ancora in casa con lei. L’attaccamento della donna per i finti neonati (la bambola più costosa le è costata 1.200 dollari), la porta a spendere 50 sterline al mese tra vestiti, pannolini e tutto il necessario per prendersi cura delle bambole. Ma questa sua ossessione non ha avuto ripercussioni solo sulla casa, che si è trasformata in un negozio di giocattoli, ma anche sulla sua vita di coppia. In effetti il marito ha chiesto la separazione non potendo più tollerare il comportamento della moglie, che portava i finti neonati anche nel letto mentre dormivano. Alice afferma che il marito non capisce perché tratta le bambole come dei veri bambini. Non lo accetta. Ha cercato di spiegargli quanto la fanno felice, e che non vuole rinunciare alle sue bambole per stare con lui. La separazione tra i due è stata quindi inevitabile.



LEGGI ANCHE: Vestire come una bambola: da oggi si può



Alice ha comprato la prima bambola per 180 sterline e l’ha chiamata Emily. È stato amore a prima vista e da allora, a costo di perdere il marito, non ha smesso più. La donna non può avere dei bambini veri in quanto le è stata diagnosticata una malattia del sangue (LEGGI) che non le permette neanche di lavorare. La donna passa quindi tutta la sua giornata prendendosi cura dei suoi "bambini" finti e veri. Li porta a fare delle passeggiate in macchina o con il passeggino, cambia loro il pannolino, ha creato una camera solo per loro con una culla per farli dormire. E come ogni mamma Alice è molto protettiva nei confronti delle bambole e non permette neanche ai figli di avvicinarsi ai suoi "bambini"

Fonte e Photo Credits| Daily Mail
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0