NAVIGA IL SITO

Le domande da fare al colloquio con la nuova baby sitter

Come fare per sentirci tranquille e sicure una volta che lasceremo i nostri bambini nelle sue mani? Ecco alcune domande da porre durante il colloquio

Bambini che giocano

Tutte le foto < 1 >

Vedi foto di: Bambini che giocano

    giochi dei bambini (6)
    Redazione PianetaMamma 31 maggio 2012
    La scelta di assumere una baby sitter passa necessariamente attraverso il fatto di aver trovato la persona giusta. Si tratta di qualcuno a cui affideremo i nostri figli (LEGGI), più o meno piccoli, e che diventerà un punto di riferimento per loro, oltre ad avere la responsabilità di sorvegliarli e di intervenire qualora qualcosa andasse storto. Si tratta quindi molto di più che staccare un biglietto dalla bacheca di un supermercato; e la maggior parte di noi non si accontenterà di un paio di buone referenza prima di fare una scelta così importante.
    Come fare per sentirci tranquille e sicure una volta che lasceremo i nostri bambini nelle sue mani? Ecco alcune domande da porre durante il colloquio, tratte da Sittercity.com.


    LEGGI ANCHE: Rapporto morboso con la baby sitter? Risponde l'esperta


    Perché vuoi fare la baby sitter?
    La candidata o il candidato ideale è una persona che ha la passione per il lavoro con i bambini, non certo chi lo fa solo per arrotondare.

    Che esperienza hai?
    Le esperienze possono includere anche quelle familiari, come il fatto di aver accudito i propri fratelli minori o un parente anziano.

    Che referenze hai?

    Mettiamo in chiaro che tutte le referenze verranno da noi verificate, e facciamolo.

    Che fascia di età conosci meglio?

    Magari la baby sitter (LEGGI) ha lavorato solo con bambini in età scolare: può quindi rivelarsi inadatta a gestire un neonato di pochi mesi.

    Che competenze hai nel primo soccorso?
    Non si richiede certo un ex-medico o infermiere, ma la baby sitter dovrà avere familiarità con le tecniche di primo soccorso (LEGGI)

    Quali sono i tuoi interessi?
    Idealmente, dovrebbero avere a che fare con i bambini.


    LEGGI ANCHE: COME TROVARE LA TATA PERFETTA


    Sei insofferente a qualcosa?
    E' ovvio che non deve essere nulla che ha a che fare con i bambini.

    Hai mai dovuto punire un bambino?
    Se sì, informiamoci su come è stata gestita la situazione.

    Che tipo di punizioni usi?
    Naturalmente dobbiamo essere a conoscenza del tipo di punizioni che la baby sitter infligge, e scoprire così se sono in linea con la nostra idea educativa.

    Qual è la situazione più difficile che hai dovuto gestire con un bambino?
    Chiediamo anche qual è stato il risultato.



    Saresti disposta a prenderti qualche responsabilità in più?
    Dobbiamo essere chiare su quelle che sono le nostre aspettative: ad esempio se desideriamo che la baby sitter utilizzi i tempi morti per lavare i piatti o fare il bucato, se è disposta a venire in vacanza, etc.

    Cosa faresti con il piccolo in una giornata piovosa?
    Se non vogliamo che il bambino guardi troppa televisione, siamo chiari su questo punto.

    Cosa faresti se il piccolo si rifiuta di dormire?
    E' bene mettere a conoscenza la baby sitter circa i ritmi e gli orari del bambino (LEGGI), e anche su quali sono le nostre tecniche in caso di imprevisto.

    Cosa faresti in caso di emergenza?
    Fare degli esempi, come l'interruzione della corrente, il guasto dei servizi igienici, un cane sciolto al campo giochi, etc.

    Come intendi andare e venire da casa?
    Chiediamo se verrebbe con mezzi propri o se necessita di essere passata a prendere - magari perché minorenne.

    Porteresti i bambini in auto?
    Chiediamo se sarebbe disposta a portarli a scuola, in piscina o altri posti raggiungibili in auto, o viceversa chiariamo che non vogliamo che questo accada.


    LEGGI ANCHE: Capricci, sonno, educazione, i consigli di Tata Simona


    Che tipo di impegno stai cercando?
    Informiamoci sulla sua disponibilità anche nel lungo periodo.

    Quali sono le tariffe?
    Informiamoci anche sulle tariffe extra, ad esempio nei giorni festivi o la sera, o se ritardiamo nel tornare a casa. Chiariamo anche eventuali rimborsi per le spese automobilistiche.

    Hai allergie o paure?
    Ad esempio chiediamo se ha allergie agli animali domestici: anche se non ne abbiamo, potrebbe incontrarne al parco o a casa di un amichetto.

    Hai domande per me?
    Questa domanda aperta dà al candidato o alla candidata la possibilità di esprimere preoccupazioni (LEGGI), chiarire aspettative o sviscerare problemi che non sono ancora stati trattati.


    Caricamento in corso: attendere qualche istante...

    1
    Commenti

    Noemi venerdì, 15 marzo 2013

    controllo

    Io ho scelto in maniera estremamente meticolosa la baby sitter di mia figlia, ma dopo poche settimane mi sono resa conto che qualcosa non andava...ho messo una micro camera endoacustica in una bambola di mia figlia che ho posto nel salotto, dove di solito si intrattiene con la baby sitter. I sui atteggiamenti non mi sono piaciuti per niente, come avevo sospettato..

    n° 1
    Chiudi
    Aggiungi un commento a Le domande da fare al colloquio con la nuova baby sitter...
    • * Nome:
    • Indirizzo E-Mail:
    • Notifica automatica:
    • Sito personale:
    • * Titolo:
    • * Avatar:
    • * Commento:
    • * Trascrivi questo codice:
    * campi obbligatori