gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

I figli sono tutti uguali o ce n'è uno preferito?

Secondo un recente studio inglese quasi tutti i genitori ammettono di avere un figlio preferito: E agli altri figli che succede? I genitori riescono a non farlo notare?

Quando sta per arrivare il secondo figlio, molte mamme si chiedono se riusciranno ad amarlo come il primo? Ad alcune donne sembra quasi impossibile riuscire a provare gli stessi sentimenti per un altro bambino... almeno finché il secondo figlio non nasce. E poi scoprono di avere molto più amore di quanto potessero immaginare da donare ad entrambi i figli, senza fare preferenze.



LEGGI ANCHE: Quando è meglio fare il secondo figlio?



Ma ci sono anche genitori che ammettono senza problemi di avere un figlio preferito. Magari può essere il primo, perché in molti casi è quello più desiderato. Oppure può essere quello con cui si va più d'accordo o che ci somiglia di più. O magari quello più timido che ha bisogno di maggiori attenzioni. Secondo un recente studio inglese, sono veramente molti i genitori con 2 o più figli che ammettono di avere una preferenza.

E agli altri figli cosa succede? I genitori riescono a nascondere la loro preferenza oppure gli altri figli se ne rendono conto e ne soffrono? Secondo gli psicologi è normale avere un rapporto diverso con i vari figli, in quanto ogni bambino ha un suo carattere ed una sua personalità. E due fratelli o sorelle possono essere molto diversi tra loro.







E così i genitori possono magari provare una affinità più con un figlio che con un altro. Ci sono ad esempio papà che vanno d'accordo di più col figlio maschio, perché insieme possono fare più cose. Ma in alcuni casi queste differenze possono diventare eccessive. Tra le varie testimonianze raccolte dai ricercatori inglesi c'è una mamma che racconta: "E 'orribile da dire, ma ho due figli, uno di 3 anni e uno di 11 mesi, e mentre io amo più di ogni altra cosa la prima, non mi sento per niente la stessa cosa per il secondo".

Ma come si può spiegare questa sensazione? Secondo i ricercatori molto spesso la preferenza è per il primo figlio, proprio perché è quello che, in un certo senso, ha cambiato la vita di mamme e papà. Con lui, o lei, si impara a diventare genitori e si cambia. In questo senso il secondo figlio non porta molti cambiamenti. Con il primo figlio ci si confronta con una serie di prime volte: la prima notte insieme, la prima volta che ti sorride, la prima volta che ti stringe il dito, il primo bagnetto, la prima pappa, la prima volta che ti senti chiamare mamma o papà.



LEGGI ANCHE: Arriva il secondo figlio: felicità o sgomento?



Tutte cose che ovviamente avverranno anche con i figli successivi, ma si tratterà sempre di qualcosa di già provato e non ci sarà più l'emozione della prima volta. Con il secondo figlio si viene a creare una situazione diversa: "Il secondo figlio crea sorpresa e sconcerto nei genitori. Il che può complicare la costituzione del nuovo rapporto con il bambino. Come genitore, si deve adattare, avere nuovi riflessi, domare l'un l'altro e questo può richiedere del tempo".

Un altro motivo può essere dato dal fatto che con l'arrivo del secondo figlio, il primo si può sentire tradito (sono in molti i bambini che manifestano forme di gelosia quando arriva un fratellino o una sorellina) e così i genitori temono di perdere l'amore del figlio maggiore e questo "ostacola il rapporto con il secondo".

Anche nel caso in cui si senta di preferire un figlio rispetto ad un altro, si deve comunque stare molto attenti a come ci si comporta con entrambi i figli. E si deve far in modo di non far sentire all'altro figlio di non essere così amato come il fratello o la sorella, perché potrebbe causargli dei problemi a livello psicologico. I genitori devono sempre cercare di trattare i figli nello stesso modo e di non favorirne nessuno.
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0