gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Cose che i genitori non dovrebbero fare

/pictures/20141029/cose-che-i-genitori-dovrebbero-evitare-842869057[2094]x[874]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Un divertente elenco di cose che i genitori sono spesso tentati di fare, a loro rischio e pericolo!

ERRORI DEI GENITORI - Sul sito Scary Mommy un divertente elenco di cose che facciamo noi genitori che possono sembrane buone idee ma che alla fine ci si rivoltano contro.

Si tratta di azioni quotidiane o di piccole concessioni che facciamo spesso solo per stanchezza o sfinimento dopo milioni di capricci.

Vediamole.

  • Prendere l’auto carrello al centro commerciale. Sembra apparentemente un modo divertente per portare i bambini giro per lo shopping ma in realtà non lo è. Se si hanno due bambini è inevitabile che scatti il litigio sulla disposizione dei posti a sedere. Chi al volante e chi dietro? Inoltre il carrello è pesante come un trattore, alla fine il bambino si stuferà e scenderà e voi dovrete affrontare tutto il percorso spingendo un inutile macchinina senza poterla abbandonare dove siete perché avete lasciato il documento all’ingresso.

gpt native-middle-foglia-famiglia

  • Domandare “chi vuole andare per primo?”. E’ evidente che il litigio è dietro l’angolo. Tutti vogliono essere i primi ed è inutile prendere in considerazione di farli andare entrambi nello stesso momento.
  • Permettere un sonnellino dopo le 16. Siete sulla strada verso casa, il bambino è stanco e minaccia di addormentarsi e voi pensate che in fondo che male c’è? Sbagliato. E’ il preludio di una lunga nottata in cui  proverete invano a spingerlo a letto. La prossima volta non ci cascherete e metterete in piedi dei teatrini per tenerlo sveglio.
10 cose che i bambini ricorderanno per sempre
  • Programmare la gita al parco divertimenti in estate. Fuori ci sono 40 gradi e il bambino correrà in lungo e in largo lamentandosi sempre di avere caldo e di avere sete mentre voi affannate e boccheggiate.
  • Organizzare un gioco da tavolo con i bambini. Sono scene da televisione, quindi finte. Provate davvero a spiegare ad un bambino di sei anni che qualche volta si vince e qualche volta si perde e che le regole devono essere rispettate anche da lui

  • Comprare qualcosa da condividere. Al cinema comprate un secchiello maxi di popcorn chiarendo immediatamnete che andrà condiviso. I bambini non mancheranno di contare ogni singolo popcorn che voi o i fratelli avete mangiato. Senza dimenticare il capriccio per chi deve mantenere il secchiello.
  • L’acquisto di un giocattolo che parla, piange e va nutrito e accudito. Il bambino lo adora e ogni volta che lo vede nelle vetrine vi chiede di comprarlo. Alla fine cedete pensando “che sarà mai? Magari gli insegna un po’ di responsabilità”. Invece di ritroverete ad avere in casa un finto animale domestico che si lagna, parla e pretende (anche lui!).
  • Mettere un lettore dvd in auto. L’idea è che i bambini si distraggano durante il viaggio e magari si addormentino o sopportino meglio un lungo percorso. Vi ritroverete a subirvi sempre lo stesso cartone animato (magari lo stesso che vi accompagnata ogni sera ad ora di cena) e potete dire addio alla musica alla radio
Pronti a diventare genitori? Scopritelo con un test
  • L’acquisto di un giocattolo con più di due pezzi. Il set da costruzioni per creare con le proprie mani un bell’aereo super tecnologico consta di 150 pezzetti minuscoli. Sulla scatola c’è scritto “a partire dai 7 anni”, ma la sfida è impari e alla fine sarete costretti a provare a costruirlo voi e non basterà una laurea in ingegneria. Infine, attenzione. Potreste cedere alla tentazione di fare a meno di una cinquantina di pezzetti e fare un modellino più semplice tutto vostro. Il rischio è che cada in pezzi al primo colpo.
  • Dare un fratello a vostro figlio. Sognate una scena nella quale i due giocano, crescono insieme in armonia, saranno amici per la pelle. Bene sappiate che alla fine litigheranno un’infinità di volte. E spesso per motivi assurdi. Ad esempio la più grande frigna perché il più piccolo ha osato tirare lui lo sciacquone del gabinetto dopo che lei aveva fatto la cacca.
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0