gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Lasciare il bimbo a una babysitter: niente panico!

Lasciare il bambino ad una babysitter: ecco qualche consiglio utile per vivere al meglio questa esperienza

di Laura Losito

Per la prima volta abbiamo bisogno di lasciare il bimbo ad un'altra persona: sia una tata, un'amica preziosa o una nonna, non abbiamo idea di come impostare la cosa. Ecco qualche consiglio utile.

Il presupposto
Nel momento in cui decidiamo di avvalerci di un "aiuto" nella gestione dei bambini, è fondamentale che si tratti davvero di una persona che potrà dare una mano alla nostra famiglia. Evitiamo qualsiasi baby sitter  che non ci convinca del tutto o non ci infonda fiducia, persino se si tratta di nostra madre!
Se invece si tratta di una tata, concordiamo in  precedenza il compenso e informiamoci sulle sue qualifiche (compresa eventuale formazione in pronto soccorso).


La Tagesmutter: mamma di giorno


Le "referenze"
Anche se si tratta di un'amica, ma a maggior ragione se è un'estranea pagata, chiediamo referenze in giro. E' fondamentale avere dei feedback positivi sul suo operato con i bambini, o noi per prime non ci sentiremo tranquille!

I numeri di telefono
Non trascuriamo mai, nemmeno se ci stiamo assentando per una o due ore, di appuntare il nostro numero di cellulare ed eventualmente anche quello del papà e di una persona di fiducia, nonché quello del pediatra e del pronto soccorso. Annotare anche eventuali allergie e le informazioni mediche importanti, se ce ne sono.


Le domande da fare al colloquio con la nuova baby sitter


Osservarla/o con i bambini
Dobbiamo assicurarci che i nostri figli (anche se piccolissimi!) si trovino bene con questa persona. Prendiamoci un po' di tempo per osservare come vanno le cose, senza intervenire a meno che non sia strettamente necessario.

Fare domande
Anche se si tratta di una persona di fiducia (come una nonna o un'amica) non vergogniamoci di fare delle domande: in fin dei conti stiamo affidando loro il nostro bene più prezioso! Chiediamo come pensano di comportarsi in eventuali situazioni "critiche".

Le chiavi
La persona che si occuperà dei nostri bambini, anche se saltuariamente , dovrà avere una copia di chiavi di emergenza.

Le regole
La routine è fondamentale per i bambini piccoli, quindi chiunque si occupi del bambino dovrà attenersi a determinate regole, come gli orari dei sonnellini, dei pasti, del bagno, del gioco eccetera. Se il bimbo è un po' più grandicello, è inoltre fondamentale chiarire come la baby sitter dovrà gestire la disciplina, i rimproveri ed eventuali punizioni se dovesse comportarsi male.


La mamma rientra al lavoro: a chi affidare il bebè?


Fare una lista per la "sicurezza"
Inoltre, senza temere di essere ridicole (anzi!) è bene fare una lista delle norme di sicurezza, soprattutto se non si tratta di una baby sitter esperta ma di un'amica o una parente che ci sta facendo un favore. Assicuriamoci che conosca il funzionamento dei dispositivi di sicurezza per bambini (come il cancelletto delle scale) ma anche che conosca le norme più comuni: non prendere in braccio il bimbo sul terrazzo o vicino ad una finestra, non cucinare col bimbo in braccio, non dargli oggetti piccoli che potrebbe ingerire, etc.

Lasciare il nostro bimbo piccolo è un passo importante: va compiuto nella piena consapevolezza e in condizioni tali da farci sentire perfettamente tranquille!

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0