gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Vacanze in famiglia: sogno o incubo?

/pictures/20160606/vacanze-in-famiglia-sogno-o-incubo-3466533384[1665]x[693]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Come superare indenni il periodo di ferie che si sta avvicinando e non mettere a dura prova il proprio rapporto di coppia? Ecco come vivere le vacanze in famiglia serenamente

Come vivere le vacanze in famiglia serenamente

Ogni anno il problema si ripropone ed è sentito soprattutto da chi di andare in vacanza con marito (o moglie) e figli farebbe volentieri a meno. Ma le vacanze possono rappresentare un banco di prova importante anche per coppie apparentemente collaudate o giovani e formate da poco, che vivono per la prima volta un’esperienza di convivenza lontano da casa. Quindi come vivere le vacanze in famiglia serenamente? Risponde la Dott.ssa Flavia Massaro.

Quali sono i punti dolenti delle vacanze in coppia o famiglia?

  • programmazione di svago e relax: non tutti sono d’accordo nella scelta di quante e quali attività svolgere. Per qualcuno Vacanza significa riposarsi, per qualcun altro significa la possibilità di fare moto, sport o di visitare luoghi sconosciuti;
  • gestione del tempo: a volte non c’è concordanza a partire dagli orari (alzarsi presto per fare jogging o tardi per dormire il più possibile?) fino ad arrivare al concetto stesso di condivisione del tempo: qualcuno pensa che il 100% del tempo dovrebbe essere condiviso con il partner ed eventuali figli, altri invece considerano importante mantenere i propri spazi e svolgere attività separate quando non ci si riesce ad accordare;
  • ripresa dell'attività sessuale: l’aspettativa che la vacanza estiva risollevi le “sorti intime” della coppia è piuttosto diffusa e motivata dal pensiero che ci sarà più tempo da trascorrere assieme, in uno stato di maggiore relax rispetto al resto dell’anno. Questo però accade solo a parte delle coppie, soprattutto se la vacanza è condivisa con i figli, e la mancata realizzazione di questa aspettativa è forse la più difficile da accettare, soprattutto se dovrebbe compensare molti mesi di scarsa intimità
  • il partner, questo sconosciuto: a volte in vacanza si riprende contatto con un marito (o una moglie) che abitualmente si frequenta davvero poco a causa dei tanti impegni quotidiani. E’ quindi possibile riscoprire difetti che, nel poco tempo trascorso assieme durante l’anno, non paiono poi così gravi o fastidiosi, ma che possono diventare insopportabili quando la convivenza si estende a tutto il giorno.
Consigli per vacanze con bambini piccoli

Cosa fare per evitare che le vacanze si trasformino in una grossa delusione?

Per prima cosa è importante non formulare aspettative irrealistiche: la vacanza non può risarcire per tutto quello che è successo (o non è successo) durante 11 mesi lavorativi.

Di conseguenza, pensare che il solo fatto di essere in vacanza consentirà di cambiare vita e di recuperare una relazione non proprio soddisfacente può costituire un rischio più che un’opportunità: caricare di eccessive aspettative questo periodo può portare ad essere maggiormente sensibili verso tutto quello che non va, e di conseguenza irritabili, scontenti e desiderosi di mettere fine quanto prima alla vacanza (quando non al matrimonio, visto che pare che i mesi autunnali vedano un incremento di richieste di separazione rispetto al resto dell’anno).

Mettere in conto una certa dose di tolleranza e di accettazione dei difetti del partner e dei figli è poi un’ottima idea, meglio ancora se preceduta da pensieri realistici circa il loro reale modo di essere.

Aspettarsi di vivere un periodo mediamente più rilassante, che può portare dei miglioramenti alle situazioni di coppia non eccessivamente compromesse, è una visione equilibrata di quello che ci si può attendere.

Come organizzare le vacanze in famiglia?

Tenendo conto delle esigenze e dei punti di vista di tutti: non esiste una visione “giusta” o “sbagliata” delle vacanze, e chi intende utilizzarle per riposare ne ha diritto tanto quanto chi pensa che in questo periodo sia una buona idea fare sport e tante altre attività.

Anche fare tutto assieme piuttosto che mantenere degli spazi separati sono due visioni né giuste né sbagliate, sulle quali è opportuno confrontarsi per evitare discussioni durante la vacanza.

Mantenere un giusto equilibrio fra le esigenze proprie e altrui, parlare in anticipo delle proprie aspettative e non attribuire alla vacanza eccezionali poteri “riparatori” rispetto ai problemi della quotidianità sono sicuramente gli atteggiamenti vincenti per non trasformare questo periodo in una fonte di insoddisfazioni, permettendosi invece di sfruttare tutte le possibilità di relax e divertimento.

Lasciare a casa i problemi (ripromettendosi ad esempio di consultare uno psicologo solo al ritorno, se si vivono difficoltà di coppia che la vacanza non potrà certo curare) consentirà inoltre di non partire portando con sé il pensiero di tutto quello che si dovrebbe cercare di risolvere, e di tornare a casa avendo ricaricato le batterie a sufficienza per occuparsi serenamente di qualunque problema.

  • Per ulteriori informazioni:

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

via Monterotondo 3 (zona Niguarda) - MILANO (MI)

Piazza T. Manlio 18 - MARIANO COMENSE (CO)

E-mail: info@serviziodipsicologia.it

Sito web

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0