gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

La gelosia nel rapporto di coppia: come e quando curarla

La gelosia è un sentimento oscuro e complesso, nasconde frustrazioni, paure e desideri inconfessabili o sconosciuti. Tutti la abbiamo provata almeno una volta in fondo al nostro cuore. Da dove nasce questo sentimento? E' espressione di amore? Le donne sono più gelose degli uomini?

a cura della dott.ssa Giuliana Apreda
Psicologa Psicoterapeuta


La gelosia nel rapporto di coppia: cosa significa e qual è la sua origine


La gelosia è un sentimento oscuro e complesso, nasconde frustrazioni, paure e desideri inconfessabili o sconosciuti. Tutti l'abbiamo provata almeno una volta in fondo al nostro cuore. Da dove nasce questo sentimento? E' espressione di amore? Le donne sono più gelose degli uomini?
Cerchiamo di capirne il significato. Gli ingredienti più frequenti della gelosia sono il sentimento di ossessione e di diffidenza; molte ricerche dimostrano che nelle coppie dove c'è un partner che è molto sicuro dell'altro e che promette fedeltà i conflitti provocati dalla gelosia diminuiscono.
Dietro un comportamento geloso si può nascondere:
un regolamento di conti con i conflitti affettivi del passato
una strategia difensiva contro la paura di soffrire
insicurezza personale e bassa autostima
eccessiva dipendenza e desiderio di manipolare l'altro
aspettative infondate sul partner

La gelosia non si prova e non si manifesta sempre nello stesso modo. Possono scatenarla diverse circostanze: l'ombra di un ex, un tradimento etc
In certe coppie poi la gelosia è una dinamica di comunicazione, in altre parole uno strumento per spostare l'attenzione da altri problemi di cui non si parla apertamente.


LEGGI ANCHE: Il sesso dopo i figli, perchè tanti genitori smettono?


Qual è la sua origine? Secondo la psicoanalisi si soffre di gelosia autentica solamente una volta nella prima infanzia. Un sentimento terribile che ci segna per tutta la vita. Quando poi in età adulta si ritorna a provare gelosia si rivive il dolore di separazione dalla propria madre, quel trauma che fa sembrare al bambino che il mondo gli crolli addosso all'improvviso e che si senta abbandonato e tradito. Le circostanze che provocano gelosia nel corso della vita sono diverse (la nascita di un fratellino (LEGGI), il rapporto con il padre etc) queste influiranno più o meno sul superamento della sofferenza. Da qui la gelosia si collega anche alla rivalità tra fratelli per disputarsi l'attenzione della madre o del padre in modo esclusivo.
La gelosia si esprime anche in diversi modi: può essere camuffata cioè quando si accompagna ad emozioni e pensieri non percettibili dagli altri oppure può essere manifesta quando se ne parla liberamente a volte con grida o pianto oppure volgendo le spalle al partner abbandonandolo o ricorrendo alla violenza. Bisogna distinguere infine una gelosia normale da una patologica.



La prima appare al momento della minaccia reale della relazione, SI tratta di un atteggiamento di difesa che può salvare anche la coppia. La seconda, la gelosia patologica si manifesta senza una motivazione vera, è un'ossessione distruttiva che causa danni alla coppia e di solito nasce da un conflitto interiore del geloso e si accompagna ad una drammaticità esagerata e spesso violenta.


LEGGI ANCHE: SESSO DOPO I FIGLI, 5 CONSIGLI PER NON SMETTERE


La gelosia nel rapporto di coppia: come e quando curarla
Per Freud la gelosia è come il dolore, un sentimento normale. Se non lo si prova vuol dire che è un fenomeno represso e gioca un ruolo ancora maggiore nell'inconscio. Secondo noi psicologi tutti possediamo delle strategie a livello inconscio per proteggerci contro le sofferenze d'amore.
Alcune persone si chiudono in se stesse al punto tale che non vogliono più innamorarsi per paura di essere traditi.
Altre ricorrono al convincimento di avere sempre un posto privilegiato nonostante eventuali tradimenti;
altri utilizzano strategie ancora più originali, come ad esempio spingere il partner nelle braccia di un altro o altra per scongiurare le terribili paure di essere ingannati.

Lo psicoanalista J P. Winter sostiene che la gelosia come l'amore non ha cura (LEGGI). Se non possiamo evitare la gelosia possiamo però evitare che essa ci annienti. La gelosia non è un segnale d'amore è un mito da sfatare. Se il partner non si mostra geloso non significa che non ama, semplicemente è sicuro di se stesso e dell'altro.

Poi ci sono le persone possessive: che vogliono controllare il comportamento del partner, con chi esce, come si veste etc. Bisogna porre un limite per preservare la propria autonomia ed indipendenza. Così come in nessun caso si può giustificare l'uso della violenza. Le persone che aggrediscono fisicamente per gelosia di solito sono molto immature, dipendenti e manipolatrici. Giustificano le loro reazioni come prova d'amore verso il partner che gli appartiene. Non hanno imparato a controllare e gestire gli impulsi, passano dalla passione alla violenza con estrema facilità e non è raro che la violenza vada in crescendo.


LEGGI ANCHE: Dopo il parto le donne pensano di non piacere più agli uomini


Ci sono poi delle differenze di genere: agli uomini costa di più riconoscere di essere gelosi ma non ne sono immuni, si infuriano e nel peggiore dei casi diventano violenti o decidono di troncare la relazione, inoltre intendono l'infedeltà come un attacco al loro orgoglio e onore maschile e vogliono sapere se ci sono stati rapporti sessuali e come sono stati entrano dunque in competizione. Le donne invece tendono ad assumersi la colpa dell'eventuale tradimento e a salvare la relazione; utilizzano diverse strategie come cambiare immagine oppure tornare sui propri passi. Sono inoltre molto curiose nei confronti delle rivali. A volte la gelosia a piccole dosi fa bene: porta ad analizzare la relazione e a decidere se realmente soddisfacente o che cambiamenti possono apportare dei miglioramenti. Può essere anche un segnale di amore anche se molto discutibile. Concludendo, in dosi moderate apporta un extra di passione alle relazioni sessuali un po' spente.
Analizzare la gelosia, sapere da dove viene la paura, l'insicurezza, ed i sentimenti che si nascondono dietro aiuta a prenderne le distanze e soprattutto a sopportare meglio i momenti di crisi, ma spesso non è un'anestesia!

Per approfondire potete leggere i seguenti testi:
Michelle Kennedy Come sopravvivere ...alla gelosia
Valerio Albisetti Per vivere con le persone gelose Edizioni Paoline
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0