gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

I buoni motivi per smettere di chiedere aiuto ai papà

/pictures/20151217/i-buoni-motivi-per-smettere-di-chiedere-aiuto-ai-papa-3848775498[3421]x[1426]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Ecco perché bisognerebbe smettere di chiedere aiuto ai papà. I consigli di una mamma, stufa di trasformarsi nella megera autoritaria che spara ordini a raffica

Perché è meglio non chiedere aiuto ai papà

Per chi è mamma di più bambini piccoli, la sensazione di essere in balia degli eventi è familiare. Il caso più tipico è quando torni a casa la sera, o dopo una gita domenicale: tra le improvvise quanto improrogabili necessità dei bambini (che appena entrati in casa stanno “morendo” di sete, devono “immediatamente” fare la pipì e hanno “una fame da lupo”, tutto in contemporanea ovviamente) e le tue (togliersi le scarpe infangate SUBITO!) entri in un tunnel da cui vedi la luce, forse, mezz’oretta abbondante dopo, quando finalmente siete tutti a tavola, con le mani semi-pulite e un pasto caldo, o almeno scongelato.

Nel mezzo, pur nel marasma generale, varrebbe la pena fare lo sforzo di vederci dall’esterno e in particolare mettersi nei panni del coniuge: “Cosa fai lì impalato? Non vedi che Tizio non riesce a togliersi la giacca?” “Cosa? Hai dimenticato lo zainetto in macchina? E domani come ci va a scuola, secondo te?” “Puoi ALMENO mettere su l’acqua della pasta?? Ti sei accorto che hai due figli?? Hanno fame!” “E per carità, non lasciarlo andare in sala con le scarpe infangate!!”

Ecco perchè gli uomini non si svegliano se il bimbo piange

Va detto che, a volte, gli uomini nella loro completa cecità verso qualsiasi istanza non provenga da loro stessi, sono irritanti. Non è raro infatti vederli, in questi frangenti, togliersi tranquillamente la giacca e le scarpe e spiaggiarsi sul divano con lo smartphone in mano, in beata attesa che qualcuno annunci la cena. O al mattino, quando tu sei lì a cercare di preparare due schegge impazzite fresche di ore di sonno e colazione energetica, sentirli fischiettare feliceinella doccia. Ne vogliamo parlare? No, vero?

Però, c’è da dire che a nessuna piace trasformarsi nella megera autoritaria che spara ordini a raffica col piglio di un generale. Fai questo, cambia quell’altro, ma possibile che non ci arrivi? No, non ci arriva. Possiamo continuare in questo modo, oppure cambiare registro.

  • Questo atteggiamento lo sminuisce

Se ci pensate, questo semplice punto di vista cambia tutto. Lui non è il vostro assistente. Non vi sta aiutando, o sta facendo qualcosa per voi. State collaborando, come due adulti alla pari dovrebbero fare.

  • Viene de-responsabilizzato

Nel momento in cui lo trattate come il vostro assistente, difatto la completa responsabilità di tutto ricade su di voi, il che non è giusto. La responsabilità dei figli (che siano nutriti, puliti, in ordine per la scuola eccetera) deve essere divisa tra i genitori. A un certo punto dovete solo assumere che una parte di quella responsabilità è la sua.

  • Diventa un cattivo esempio

I vostri bambini potrebbero così trasformarsi in quegli adulti che cambiano il rotolo della carta igienica solo per fare un favore alla moglie: già, fosse per loro andrebbero avanti felicemente a pulirsi il sedere con lo stesso asciugamano che usano per la faccia, peccato per quella rompiscatole… Basta quindi con le preghiere e i ringraziamenti per aver portato fuori la spazzatura o aver messo i calzini sporchi nel cesto della biancheria. Vi dice niente la parola “partner”?

  • Non si fa squadra

Il vostro obbiettivo è avere una famiglia felice insieme, cosa che nel mondo reale passa attraverso mille piccole scocciature. Giustissimo dividersi i compiti sulla base delle proprie preferenze e abilità, ma deve essere chiaro che lui non sta dando una mano a voi. Siete un team che lavora insieme per un obbiettivo comune. Quindi, se lascia la sua biancheria già lavata in lavatrice per una settimana, invece di stenderla dopo averla ri-lavata, limitatevi a chiedergli di toglierla per fare posto a quella dei bambini. Le manine le ha anche lui, sapete?

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0