gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

10 cose che i bambini non vorrebbero mai veder fare dai genitori divorziati

Separarsi quando ci sono bambini piccoli di mezzo è sempre una decisione sofferta. Ecco i comportamenti da evitare per limitare i danni

Separarsi con i bambini piccoli di mezzo è una decisione sempre difficile e sofferta. Ci sono molti modi per “limitare i danni”, e un buon inizio è evitare comportamenti come questi.

  1. Parlare male dell’ex 
    E’ un atteggiamento che esaspera la situazione del bambino, poiché minaccia la sua autostima. Peggio ancora se, al contempo, lo paragoniamo al nostro ex di cui parliamo regolarmente male “Quando fai così sei proprio uguale a tuo padre”.
  2. Scoraggiare il bambino nel parlare dell’”altro”
    Vietato far sentire il bambino colpevole solo perché sente il bisogno di parlare (bene o male) del nostro ex coniuge: si tratta della persona che magari ci ha ferito, o ingannato, eppure resta sempre un’importantissima figura di riferimento per il nostro comune figlio. In questi casi, la comunicazione va sempre tenuta viva: anche se il bambino ha dei problemi con il nostro ex, è bene aiutarlo a trovare delle soluzioni anziché fomentare.
  3. Mostrare al mondo la nostra sofferenza
    Siamo umane, certo, ed è normale che in certi momenti i nostri bambini vedano la nostra tristezza, ci percepiscano amareggiate e deluse. Ma evitiamo di sbattere loro in faccia il nostro dolore continuamente, magari con uscite puerili e vittimistiche come “ho sbagliato tutto nella vita” “ho sprecato i miei anni migliori con un cretino” eccetera. Se cerchiamo il puro sfogo, rivolgiamoci a nostri amici e parenti. Teniamo fuori i bambini
  4. Metterli in mezzo
    Lo sanno tutti che è sbagliato ma è un errore in cui è facile cadere se si è in preda allo sconforto e alla disperazione. Allora è bene ricordare sempre a noi stesse che stiamo parlando del nostro bene più prezioso, i nostri figli, non di merce di scambio, strumenti di ricatti morali, o ancora di improbabili “messaggeri”.
  5. Farli sentire in colpa
    E’ normale che dopo la separazione il bambino trascorra un po’ di tempo da solo con il nostro ex. Non è solo normale: è giusto, e lo sappiamo. Noi abbiamo divorziato da suo padre, non lui. Ciò posto, è altrettanto nomale che ci prenda una gran tristezza, se non una ruggente gelosia, quando si verifica questa situazione. Se non riusciamo a conviverci, teniamolo comunque per noi, a tutti i costi. Se poi riusciamo a prenderla come un’occasione per rimettere insieme i cocci della nostra vita, meglio ancora!
  6. Giustificare un cattivo comportamento
    Se siamo state noi a causare (direttamente o meno) la rottura a causa di un nostro comportamento scorretto, non cerchiamo scorciatoie e ammettiamo il torto se i nostri figli ci chiedono spiegazioni in merito. Siamo ancora genitori, è nostro dovere insegnare la differenza tra bene e male
  7. Divulgare i dettagli più brutti del divorzio
    Non è una buona idea confessare tutti i dettagli più squallidi e penosi della separazione ai nostri bambini. Se non riusciamo a superare il trauma di come il nostro ex ci ha trattato, è meglio rivolgerci ad un professionista.
  8. Non dare la minima spiegazione
    Tuttavia, è sbagliato anche tenerli completamente all’oscuro. Usando un linguaggio e contenuti comprensibili e appropriati per l’età dei bambini, diamo loro una motivazione di quanto è successo.
  9. Disertare le occasioni familiari
    Anche se prendere parte alle riunioni familiari con il nostro ex e magari i nostri ex suoceri e cognati ci sembra una tortura senza fine, è una mossa che può aiutare i nostri bambini, i quali probabilmente hanno bisogno di vivere ancora queste occasioni tutti insieme.
  10. Metterci al centro del mondo
    Il nostro dolore non è al centro dell’universo. Dopo lo sforzo iniziale di partecipare ad alcune occasioni importanti insieme all’ex, non roviniamo tutto a causa delle tensioni tra noi e il loro padre. E’ difficilissimo, ma è qualcosa che ci renderà fiere di noi stesse e questa consapevolezza ci aiuterà a rimetterci in carreggiata.
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0