gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

I maschi e le femmine visti dai bambini

Una videoreporter gira le scuole d'Italia per indagare su come i bambini vivono gli stereotipi di genere

STEREOTIPI DI GENERE VISTI DAI BAMBINI - Si chiama "Il cielo è sempre più blu" ed è una videoinchiesta che mira a far luce su come i bambini italiani convivono con gli stereotipi di genere.

La sta portando avanti la giornalista Alessandra Ghimenti che pochi giorni fa ha pubblicato sul Corriere i primi video realizzati in giro per l'Italia.

LEGGI ANCHE 16 cose da insegnare a un figlio maschio

La giornalista racconta così la genesi del suo progetto: "Dopo aver letto “Ancora dalla parte delle bambine” di Loredana Lipperini, mi sono chiesta se le cose stessero veramente così. Ho preso la videocamera e sono andata nella mia vecchia scuola elementare. Il luogo è Altopascio, un paese della provincia di Lucca.
Volevo scoprire con domande semplici che cosa pensassero i più piccoli del ruolo ricoperto dalla donna e dell’uomo, nella società e nella famiglia, e delle differenze percepite fra maschi e femmine"
.

LEGGI ANCHE Le regole per un'educazione non sessista

L'obiettivo finale di questo progetto creare una fotografia composita, una serie di dati che indicano la percezione e il radicamento degli stereotipi di genere in Italia, priva di preconcetti ideologici"

Dopo quella serie di interviste iniziali la videoreporter si è spostata in altre parti d'Italia realizzando inchieste in una scuola di Milano, in provincia di Brescia e a Capaccio-Paestum, in provincia di Salerno.

Ecco un estratto delle interviste fatte a Brescia


 

Attualmente sto cercando scuole primarie della periferia di Milano, di una città del centro e di una città del sud", spiega Alessandra.

Per approfondire o per partecipare ecco il blog del Ma il Cielo è sempre più blu

E allora scopriamo che a Paestum una bambina di 7 anni può definire senza mezzi termini i maschi "patetici" e che un suo coetaneo ritiene che "una donna che non tiene né marito né figli, vive proprio stramazzata!".

LEGGI ANCHE Le differenze di genere si imparano giocando con mamma e papà

Le domande che vengono poste ai bambini sono sempre le stesse: «C’è differenza fra maschi e femmine? Quale? C’è qualcosa che i maschi o le femmine non possono fare? Chi si occuperà dei figli nella tua futura famiglia?».

Il quadro che fino ad oggi è stato possibile tracciare mostra che le bambine si aspettano in futuro di fare lavori legati all'assistenza, alla cura o all'estetica mentre i bambini si orientano più su lavori di esplorazione, protezione, azione.
Inoltre la maggior parte delle bambine afferma che si occuperà interamente della famiglia e della casa.

maschi-e-fmemine


Naturalmente l'influenza di ciò che accade in casa loro ha una grande importanza. Insomma, non sono solo pregiudizi o stereotipi di genere quanto una diretta esperienza di vita familIare.

Lo dimostra il video realizzato nella scuola di Milano centro dove i contesti familiari sono diversi e dove sono stati avviati numerosi progetti di lotta ai pregiudizi di genere.

Maschi e femmine aspirano a professioni di prestigio, ed entrambi, anzi di più i maschi, hanno una certa attenzione alla cura del proprio aspetto estetico. Inoltre i bambini sembrano aver sviluppato una certa capacità critica nei confronti degli stereotipi. I maschi sono maneschi, ma lo sono anche le femmine.

FRATELLI E SORELLE
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0