gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Save The Children lancia la campagna "Allarme infanzia"

I bambini sono il primo fattore di sviluppo del Paese, la sua forza più autentica, ma vengono sempre più saccheggiati di una vita dignitosa, di scuola e cultura, del gioco e di un ambiente sano

Save The Children ha lanciato una nuova campagna "Allarme infanzia". In 16 città italiane sono state affisse 16 sagome di cartone bianche e rosse raffiguranti bambini che lanciano accuse tremende al nostro paese dove è in atto un furto, continuo e silenzioso, ai loro danni. I bambini sono il primo fattore di sviluppo del Paese, la sua forza più autentica, ma vengono sempre più saccheggiati di una vita dignitosa, di scuola e cultura, del gioco e di un ambiente sano.


LEGGI ANCHE: In Europa del sud bambini sempre più poveri


La campagna di Save The Children vuole accendere i riflettori sulla condizione dei minori in Italia.  Secondo un rapporto dell'organizzazione, infatti, siamo agli ultimi posti in Europa - peggio solo Grecia e Bulgaria - per "povertà di futuro" di bambini e adolescenti, deprivati di opportunità, prospettive e competenze. Save the Children denuncia che il nostro Paese è sette volte in fondo alla lista nell'Ue sui principali indicatori relativi all'infanzia. Quattro i principali "furti" ai danni di bambini e adolescenti: il taglio dei fondi per minori e famiglia, la mancanza di risorse per una vita dignitosa, il basso livello di istruzione e il lavoro. L'Italia è al 18mo posto per la spesa per l'infanzia e la famiglia, pari all'1% del pil. Quasi il 29% di bambini sotto i 6 anni vive ai limiti della povertà, tanto che il nostro paese è al 21mo posto in Ue per rischio povertà ed esclusione sociale fra i minori di età 0-6 anni e il 23,7% vive in stato di deprivazione materiale.


GUARDA L'INFOGRAFICA QUI


condizione-infanzia-italia-save-the-children




LEGGI ANCHE: Save the Children, 650mila bambini vivono in condizioni di povertà



Ancora, il nostro Paese è al 22mo posto per quanto riguarda il basso livello d'istruzione, per dispersione scolastica ed è all'ultimo posto per tasso di laureati. E i bambini lanciano le loro accuse sotto forma di sagome bianche e rosse in 16 città italiane, un grido, un appello di aiuto e un invito a reagire e ad agire. Ecco alcuni degli appelli dei bambini: "mi hanno rubato l'aria pulita", "mi hanno rubato la mensa scolastica", "mi hanno rubato una casa tutta mia", "mi hanno rubato il futuro", posizionati in punti strategici dei centri storici

Per aderire alla campagna e dare il tuo contributo CLICCA QUI


gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0