gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Papa Francesco : "Mia mamma mi fece chiedere perdono davanti la maestra"

/pictures/20150520/papa-francesco-mia-mamma-mi-fece-chiedere-perdono-davanti-la-maestra-269378162[764]x[319]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Papa Francesco racconta un aneddoto della sua infanzia e invita a ricordare qual è il ruolo di un insegnante e quello del genitore

Papa Francesco parla di educazione e del rapporto genitori e maestre durante la sua tradizionale udienza generale del mercoledì. Racconta un aneddoto della sua infanzia e invita le mamme e i papà a riconoscere qual è il ruolo di un insegnante e quello del genitore.

Ricorda la sua esperienza di figlio e alunno quando in quarta elementare disse una parolaccia alla maestra e la mamma fu convocata a scuola. Prende spunto dal suo racconto per sottolineare che i genitori non devono escludersi dall'educazione dei figli, anche se i tempi sono cambiati. Nel suo caso la maestra ha convocato sua madre che è venuta il giorno dopo, hanno parlato tra di loro e poi Papa Francesco è stato chiamato. La mamma davanti alla maestra gli ha spiegato che dire una parolaccia era una cosa brutta e gli ha chiesto di chiedere scusa all'insegnante. E poi a casa c'è stato il secondo capitolo dell'aneddoto, e possiamo immaginare cosa sia successo.

Papa Francesco: “Con i bambini non si scherza! Non scarichiamo sui bambini le nostre colpe”

Bergoglio continua con una riflessione interessante, che forse molte insegnanti e mamme accoglieranno con entusiasmo:

se oggi la maestra fa una cosa del genere il giorno dopo i genitori o uno dei due va rimproverare a la maestra perché i tecnici dicono che non si deve rimproverare così. Sono cambiate le cose, ma i genitori non devono autoescludersi dalla educazione dei figli

Papa Francesco però riconosce che i tempi sono cambiati, che molti genitori non riescono ad essere presenti come vorrebbero nell'educazione dei figli perché passano gran parte del loro tempo a lavoro. Inoltre spesso le mamme e i papà non riescono a rispondere alle esigenze dei bambini, alla complessità delle loro richieste e della vita e società attuale, e si trovano paralizzati dal timore di sbagliare. Perché "la ricerca della perfezione", "la regola del non sbagliare mai" la fa ormai da padrone, e non è semplice riuscire a rispettare il proprio diritto di essere imperfetti e umani in tutti i propri errori e difetti.

gpt native-middle-foglia-famiglia

E' difficile educare, ammette Papa Francesco, per i genitori che vedono i figli solo la sera, quando ritornano a casa stanchi. Ed è ancora più difficile per i genitori separati a cui Bergoglio chiede di non usare i figli come "ostaggio".

E infine Papa Francesco invita i figli a obbedire, ma i genitori a non esasperare i propri figli, e non comandare in maniera brutta.

I ragazzi - ha spiegato Bergoglio - debbono crescere senza scoraggiarsi, passo dopo passo. Va bene se li prendete per mano nel salire la scala, ma se gli dite vai dove non è possibile, essi si esasperano. Non bisogna chiedere ai figli le cose che non possono fare

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0