gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Nomi per bambini ispirati ai luoghi geografici

/pictures/20150617/nomi-per-bambini-ispirati-ai-luoghi-geografici-4126450823[2681]x[1115]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Negli Stati Uniti la moda è quella di dare ai bambini nomi ispirati a luoghi geografici. E in Italia?

Nomi geografici per bambini

Negli Stati Uniti la tendenza è quella di imporre al bambino un nome ispirato ai luoghi geografici, ad uno Stato dell’Unione o ad una città.

Linda Rosenkrantz, del celebre sito americano Nameberry, spiega che quello dei nomi ispirati ai posti non è un fenomeno recentissimo, ma negli ultimi anni si sta diffondendo sempre di più.

Alcuni genitori scelgono per il loro bambino il nome di un luogo esotico o di una città famosa perché questo tipo di nomi evocano atmosfere lontane e magiche, oppure scelgono nomi di questo tipo per ricordare per sempre un momento particolarmente importante vissuto dalla coppia, come una proposta di matrimonio o oppure un viaggio

spiega Linda.

gpt native-middle-foglia-famiglia

E così negli Stati Uniti fioccano, per le femminucce, nomi come Arizona, Paris, Dakota, Ireland, mentre tra i maschi ecco avanzare i Memphis, Egypt, Everest, Milan.

In Italia questa tendenza non è ancora così diffusa. Restiamo un popolo di tradizionalisti, spesso imponiamo al bambino il nome del nonno  o della nonna e perpetuiamo una tradizione familiare, oppure scegliamo nomi più originali, ma senza esagerare.

Se pensiamo ai nomi ispirati a luoghi geografici viene in mente Asia, nome femminile piuttosto diffuso, oppure il più recente Oceano (nome imposto da John Elkann e Lavinia Borromeo al loro secondogenito) , che può essere declinato  anche nella variante femminile Oceana oppure Oceania.

Nel secolo scorso nel nostro Paese non era raro incontrare una donna che si chiamava Italia, e all’anagrafe registravano anche Europa ed America.

Dimmi che nome scegli e ti dirò chi sei

Fino a qualche anno fa la legge che regolamentava l’imposizione dei nomi all’anagrafe vietava i nomi di luoghi geografici, ad eccezione, appunto, di Italia, Europa, America e Asia (quest’ultima perché rimandava ad un personaggio della mitologia).

Oggi questo divieto cade e quindi è teoricamente possibile, ad esempio, chiamare la propria figlia Cina, India, Dakota, Isla o Louisiana, e qualcuna potrebbe decidere di seguire l’esempio di Kim Kardashian e di chiamare la propria figlia (o figlio) North.
L’importante è che alla fine il nome imposto al bambino dai genitori non sia ridicolo o offensivo e rispetti la legge.

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0