gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

"Nessun bambino solo": come sostenere la campagna e raccolta fondi di SOS Villaggi dei Bambini

/pictures/20170203/nessun-bambino-solo-1388165544[4864]x[2022]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

"Nessun Bambino Solo" è il nome della campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi di SOS Villaggi dei Bambini, per sostenere i bambini che vivono in un contesto di disagio o che subiscono maltrattamenti

Nessun Bambino Solo

“Nessun bambino nasce per crescere solo” è il nome della campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi di SOS Villaggi dei Bambini. Fino all'11 febbraio è possibile sostenere l'attività inviando un SMS o chiamando da rete fissa il numero 45522. "Nessuno Bambino Solo" nasce con l'intento di sostenere tutti i bambini che vivono in un contesto di disagio e che subiscono maltrattamenti o che non vengono adeguatamente seguiti dai loro genitori nel percorso di crescita, per migliorare la loro prospettiva di vita.

I dati

Le principali motivazioni per le quali i Tribunali dei Minori decidono di allontanare un bambino dalla sua famiglia sono legate al maltrattamento, all'abuso, all'incapacità da parte della famiglia di occuparsi adeguatamente dei piccoli a causa, ad esempio, di una dipendenza o problemi giudiziari, malattie:

  • più di 91mila minori hanno subito maltrattamenti nel nostro Paese, si tratta del 9,5% della popolazione minorile;
  • quasi 30.000 bambini in Italia vivono separati dalla loro famiglia;
  • il 37% di loro si ritrova solo a causa della grave incapacità dei genitori nel rispondere ai bisogni evolutivi dei propri figli o perché ha subito maltrattamenti e abusi.

gpt native-middle-foglia-famiglia

SOS Villaggi dei Bambini intende sviluppare, per questi bambini italiani o minori stranieri non accompagnati, dei progetti di integrazione sociale per garantire loro il calore di una casa e pari opportunità di successo nella vita. Roberta Capella, Direttore Generale SOS Villaggi dei Bambini, spiega così l'obiettivo della campagna:

Nessun Bambino Solo non è un facile slogan. Sono parole ricche di significato che raccontano un vuoto che nessun bambino dovrebbe mai sentire ma che noi, da più di 60 anni, riempiamo con amore e sostegno. Diamo l’abbraccio di una famiglia a chi non può riceverlo e abbracciamo le famiglie in difficoltà

I 7 Villaggi SOS in Italia

I bambini che non possono contare sul sostegno dei loro genitori hanno ogni diritto di essere accolti in un luogo caldo, affettuoso, in un ambiente familiare all'interno del quale possano ricevere assistenza, cure e stabilità affettiva. I sette Villaggi SOS che si trovano in Italia sono strutture ad unità familiare che ospitano al massimo sei bambini (in accoglienza congiunta con i fratelli) che vengono seguiti da educatori residenziali competenti e di esperienza che non solo garantiscono ai piccoli una continuità affettiva, ma vengono supportati nel loro impegno quotidiano da psicologi e terapeuti, nonché dai volontari del Servizio Civile o provenienti dalla comunità locale.

Nei Villaggi SOS la vita dei bambini si riempie di tutto ciò che troppo spesso diamo per scontato e che invece per loro è estremamente prezioso: scuola, visite mediche specialistiche, supporto psicologico, sport e molto altro. In totale i sette Villaggi SOS in Italia – ubicati a Trento, Ostuni (BR), Vicenza, Morosolo (VA), Roma, Saronno (VA) e Mantova – aiutano 395 bambini e ragazzi con l'obiettivo principale di garantire loro una crescita sana ed equilibrata nel pieno rispetto dei loro bisogni, delle differenze e dell'identità di ogni minore per il raggiungimento dell'autonomia sociale, economica e relazionale.

I bambini accolti nei Villaggi SOS non sono solo italiani: nel 2015 hanno trovato una casa anche 49 minori stranieri non accompagnati.

Perché sostenere SOS Villaggi dei Bambini

Sostenere la campagna "Nessun Bambino Solo" significa assicurare ai bambini che hanno vissuto in condizioni estremamente difficili e precarie e che alla fine si sono ritrovati soli cose fondamentali:

  • vivere in un posto accogliente che possono chiamare casa;
  • continuità affettiva;
  • persone su cui poter contare sempre;
  • le cure e il sostegno di psicologi ed esperti per affrontare quello che hanno vissuto e guardare al futuro con speranza;
  • qualcuno che li segua e sostenga nel loro percorso scolastico;
  • visite mediche specialistiche per crescere in buona salute;
  • attività terapeutiche come montagnaterapia, teatro o ippoterapia per sconfiggere le loro paure
  • attività sportive e ricreative come calcio, musica o danza.

Come sostenere la campagna e aiutare i bambini

E' possibile sostenere il progetto Nessun Bambino Solo  in diversi modi:

  • inviando una donazione continuativa di 15 € qui: COME AIUTARCI
  • donando 2 euro (fino all'11 febbraio 2017) inviando un SMS al numero 45522 oppure donando 2 o 5 euro chiamando lo stesso numero da rete fissa TIM, Infostrada, Fastweb e Tiscali e 5 euro da rete fissa Vodafone, TWT e Convergenze.
  • Tutti possono seguire l’attività di SOS Villaggi dei Bambini, condividere i messaggi della campagna e invitare i loro amici, fan e follower a sostenere la campagna “Nessun Bambino Solo” con gli hashtag ufficiali #nochildalone e #nessunbambinosolo.
  • Pagina FB: @SOS Villaggi dei Bambini – Italia
  • Canale Tw: @SOSitalia
  • Canale Instagram: sositalia HASHTAG della campagna: #nessunbambinosolo #nochildalone

SOS Villaggi dei Bambini SOS Villaggi dei Bambini si impegna, da oltre 60 anni in 134 Paesi del mondo. Si tratta della più grande organizzazione a livello mondiale impegnata nel sostegno di bambini privi di cure familiari o a rischio di perderle, e nel promuovere i diritti dei bambini e degli adolescenti per ottenere politiche e leggi a superamento delle discriminazioni esistenti.

Spot della campagna "Nessun Bambino Solo"

 
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0