gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Multata perchè il figlio fa pipì in pubblico

Accade negli Stati Uniti: 50 dollari di multa per una mamma che ha permesso che il figlio di due anni facesse pipì in strada

Ce ne siamo già occupati un po' di tempo fa. Ci siamo chiesti fino a che punto è lecito lasciare che i bambini facciano la pipì all'aperto (LEGGI).
La situazione è piuttosto comune e sarà capitata a tutte: siamo in centro commerciale o al parco e al bambino, che magari è ancora piccolo e sta vivendo la delicata fase del passaggio dal pannolino al vasino (LEGGI), scappa la pipì.
Cosa fare? Correre a destra e sinistra cercando spasmodicamente il primo bagno utile oppure permettergli di fare la pipì contro un albero?


LEGGI ANCHE: 10 cose imbarazzanti che tuo figlio fa in pubblico


Il dubbio sarà sorto anche a questa mamma di Philadelphia che alla fine ha permesso al suo bambino di due anni di abbassarsi rapidamente i pantaloni e fare la pipì contro un lampione. Solo che un solerte poliziotto l'ha multata e lei dovrà pagare 50 dollari. La notizia è trapelata perchè lei non ci è stata e ha contestato la multa.

Caroline era in gita con i suoi bambini quando il più piccolo, Nathanial di soli 2 anni, ha detto che gli scappaca la pipì. La mamma non si è arresa subito ed è entrata in un negozio di abbigliamento chiedendo la cortesia di poter far usare il bagno al suo bambino, ma l'accesso le è stato negato. Così non ha avuto scelta. Il piccolo non ce la faceva ad arrivare nemmeno al parco più vicino (forse che vicino a un albero o nei pressi di una siepe la cosa sarebbe sembrata meno sconveniente?) e ha aiutato il bambino a fare la pipì sul marciapiede, vicino a un lampione.


LEGGI ANCHE: Il galateo della mamma educata


Ma ecco spuntare un poliziotto che ha multato Caroline senza risparmiarle la paternale che qualche pervertito avrebbe potuto vedere suo figlio. Insomma, una multa non tanto per l'igiene pubblica, quanto per educare Caroline ad essere una madre migliore e più attenta alla sicurezza di suo figlio.
In realtà la notizia ha poi scatenato parecchi commenti su blog e siti di informazione, per la maggior parte a sostegno di Caroline.
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0